Il colore degli angeli, l'angoscia e l'arte

Cuerda (Cord) (c) JeffGloverArts.com Quando avevo circa 10 anni, disegnai un albero. La mia insegnante disse: "Il tronco dovrebbe essere più spesso in fondo". Tornai indietro e scarabocchii alcune linee aggiuntive alla base dell'albero, ma lei si limitò a ridere. (Qualcuno di noi dimentica mai una risata del genere?) Il mio albero probabilmente assomigliava più a un sottile bastone che spuntava da una macchia di erbacce. (Ho deciso invece di diventare uno scrittore.)

Fortunatamente, non tutti sono artisticamente carenti (e non incoraggiati) come me. L'artista visivo Jeff Glover iniziò presto, dilettandosi nelle arti fin dall'infanzia. In un vecchio libro qua e là, egli incontra ancora i suoi primi tentativi di disegno che adornano il risguardo. È sempre stato più felice, dice, quando è stato in grado di portare una sorta di "ordine artistico" in un ambiente altrimenti non artistico. "Per me", dice, "esiste un ordine reale di come le cose possono essere organizzate o raggruppate per raccontare una storia, o per raggiungere un certo equilibrio … o mancanza di.

Incuriosito, ho parlato di recente con Glover riguardo al suo processo creativo:

Q: Hai qualche rituale pre-creazione?

JG: Non sono sicuro che siano rituali, ma mi sento più a mio agio indossando la camicia e i pantaloni sporchi di vernice che tengo in studio. Trovo di essere più a mio agio quando non mi interessa dove vanno a finire gli schizzi di vernice in più. La musica è importante In genere metto su qualcosa che non interferirà con il progetto. Mi piace soprattutto una collezione di musica didgeridoo. È un rumore bianco molto spirituale che mi permetterà di entrare in quello che tu definisci flusso. Non a tutti piace la musica del didgeridoo, quindi chiudo la porta dall'auto-conservazione.

D: In quali condizioni è più probabile che tu entri in uno stato di flusso simile alla trance?

JG: Ho menzionato la musica, che è un fattore enorme per me. Se posso organizzare un tempo in cui non c'è nient'altro che mi aspetti da me (come in, posso dipingere fino alle 3 e poi devo pulire e arrivare al mercato per comprare cose da cucinare per cena quella sera, poi cucinare, e poi … ). Avere quel time-bookend mi fa guardare l'orologio e questo è sicuramente un trance-killer. Anche se non è una necessità, mi diverto un cocktail o due mentre dipingo, ma forse è un diverso tipo di trance. Seriamente, quando l'alcol fa il suo lavoro, le inibizioni sono in calo e io sono più propenso a spingermi a provare cose che non ho mai avuto prima per ottenere l'effetto che voglio.

D: Quando ti sei sentito a tuo agio a definirti un artista?

JG: Devo dare il credito alla mia ex moglie Nancy per quello. Mi è stato chiesto da qualcuno che avevo appena incontrato se fossi un artista (ha visto alcune foto che avevo fatto) e ho borbottato qualcosa sul disegno di tanto in tanto. Ho ottenuto un gomito a punta sulle costole per questo, e da quel punto mi sono riferito come un artista … che lavora in un vero lavoro per pagare i conti. Vedere? È ancora difficile. Sento una certa presunzione nel dire ad alta voce, "Sono un'artista", seguito dal sospetto che qualcuno dirà: "Fantastico, quindi vai a dipingermi una Monna Lisa".

D: Creare arte è sempre un compito per te?

JG: L'unica volta che l'arte è un lavoro ingrato è quando c'è un'aspettativa specifica. Recentemente ho fatto un pacchetto di CD grafico e sembra sempre che inizi la stessa cosa. Dicono: "Siamo venuti da te perché non abbiamo alcuna idea di ciò che vogliamo o come farlo". Raccolgo le loro idee casuali, creo il pacchetto e, all'improvviso, sono esperti. Sanno tipografia, arte, layout e elementi di design al punto di discutere con me per mantenere alcune idee pessime. I dipinti sono simili. "Non sembra abbastanza felice." "OK, quanto sei felice che lei guardi?" "Non lo so, ma non è abbastanza felice." Prende davvero il divertimento dalla creatività. Sono molto più felice quando qualcuno guarda il mio portfolio e trova qualcosa che ho fatto per loro.

D: Hai detto che ti lasci ispirare dalla musica, ma in particolare scegli quella musica o è qualcosa che ti colpisce in un certo modo e inizi a ottenere un'immagine?

JG: È totalmente spontaneo. Ascolto un'ampia varietà di musica e trovo ispirazione in posti molto strani. Avrò ascoltato la canzone dozzine di volte e oggi per qualche ragione, la sento come se fosse la prima volta. Tutto viene insieme e vedo le frasi sbocciare in immagini. Sono certo che è tutto colorato dal mio stato d'animo e da come mi sento della vita in questo momento, ma non c'è produzione di ispirazione. Succede e basta.

Tearing the Old Man Down (c) JeffGloverArts.com D: A volte alzi di proposito il tuo livello di sfida provando una nuova forma d'arte o un nuovo metodo o strumento?

JG: Tutto il tempo. Vedo qualcosa che mi piace, forse solo una trama, e cerco di capire come farlo. Per esempio, a volte un dipinto che voglio fare riguarda un particolare fotogramma, quindi ho dovuto imparare a creare il telaio che voglio per il pezzo e poi creare la mia macchia che voglio usare per colorarlo. La cornice diventa quindi parte dell'opera d'arte. Per quanto riguarda il design grafico, sto imparando costantemente nuove tecniche e applicazioni.

D: Qualche consiglio per coloro che sono stati derisi, ma vorrebbe comunque godere della ricchezza di una vita artistica?

JG: Potresti andare al percorso "Artista offeso" e dire al ridente, "Forse è così che una persona senza fantasia vede un tronco d'albero. Perché non torni indietro e lo guardi di nuovo con gli occhi aperti. "Seriamente, dico alle risate di non investirsi così tanto presto. Non aver paura di fare qualcosa, guardalo e se non ne sei felice, buttalo via e fallo di nuovo. È tutto assolutamente soggettivo. Per favore, prima di tutto, per i tuoi sensi. Se a qualcuno piace, è un bonus.

  • Le immagini di questo post sono di proprietà di Jeff Glover.
  • Glover crea l'arte del pacchetto caffè per i girarrosti artigianali Portola.

Solutions Collecting From Web of "Il colore degli angeli, l'angoscia e l'arte"