Il clima influisce sulla crescita economica?

Lo sviluppo economico va di pari passo con un clima temperato, come quello europeo. Al contrario, la maggior parte dei paesi più poveri del mondo sono concentrati nei tropici fumanti, come quelli dell'Africa.

Anche così, la correlazione non è causalità. Ci sono molte ragioni per cui le economie in Europa sono più prospere di quelle dell'Africa sub-sahariana, a parte il peso del lavoro in condizioni di caldo umido.

Salute

Per cominciare, gli abitanti dei paesi tropicali sperimentano maggiori problemi di salute. I tropici ospitano una schiacciante abbondanza di vita degli insetti. Questo include insetti mordenti come zanzare e mosche tse-tse che portano malattie invalidanti, come la malaria e la malattia del sonno.

In un'analisi non pubblicata, ho studiato se la bassa produttività dei paesi tropicali fosse attribuibile a condizioni meteorologiche scomode che indebolivano la motivazione del lavoro, o se il vero problema era che i tropici avevano un carico maggiore di malattie infettive e parassitarie. Ho scoperto che quando la salute veniva presa in considerazione, il clima non era correlato alla produttività (valutata come produzione economica per ora di lavoro).

In un recente post, ho fatto notare che le nazioni, come gli eserciti, avanzano sullo stomaco. Pertanto, qualsiasi influenza del clima sull'economia deve tenere conto della disponibilità di cibo, dato che i paesi che beneficiano di temperature moderate e di piogge frequenti hanno rese agricole più elevate.

Nutrizione

I paesi ben nutriti, in termini di apporto calorico giornaliero totale (basato su stime dell'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura) sono più produttivi. Questa relazione si estende nel tempo: mentre la nutrizione migliora nel tempo, i paesi diventano più produttivi.

Certo, uno scettico potrebbe obiettare che è davvero la prosperità causata dallo sviluppo economico che alimenta la nutrizione.

Tuttavia, ci sono buone ragioni per credere che la causalità funzioni nella direzione opposta. Per cominciare, qualsiasi popolazione animale denutrita diventa inattiva in modo da risparmiare energia. Ne consegue che gli umani sottonutriti sono meno interessati a lavorare sodo.

Gli studenti dello sviluppo del cervello scoprono che la nutrizione prenatale influenza il modo in cui il cervello cresce così che le madri denutrite danno alla luce bambini che sono entrambi meno intelligenti e meno motivati ​​a lavorare (1).

Una manifestazione di scarsa nutrizione all'inizio della vita è di bassa statura. Le persone più alte sono meglio pagate. Gli psicologi lo interpretavano in termini di altezza. Ora, gli economisti scoprono che le persone più alte sono meglio pagate perché sono più intelligenti e laboriose, tratti che riflettono una buona alimentazione sin dalla primissima vita (2). Quindi non sorprende che quando si cumulano gli sforzi di un'intera nazione, quelli che sono meglio alimentati sono anche più produttivi e più ricchi.

Motivazione del lavoro

Essere sani e ben nutriti è essenziale se ci si aspetta che le persone facciano molto lavoro. La motivazione del lavoro è anche influenzata dai cambiamenti psicologici nei paesi in via di sviluppo. Man mano che gli standard di vita migliorano, i lavoratori diventano più orientati al futuro e mirano a un futuro migliore.

Un criterio importante è un maggiore interesse nel fare un buon lavoro fine a se stesso. Man mano che i paesi diventano più ricchi, i residenti si preoccupano meno dei bisogni materiali e sono più interessati a trovare un significato nel loro impiego (3). Diventano più intrinsecamente motivati ​​che consentono alla loro carriera di decollare in attività specialistiche e creative.

La motivazione del lavoro ha dimensioni sociali intriganti. Gli uomini lavorano più duramente nelle società in cui c'è una maggiore competizione sulle spose, come illustrato dall'aumento dei pagamenti dei prezzi della sposa nella Cina moderna mentre aumenta la percentuale di uomini nella popolazione, facendo aumentare la concorrenza.

Un altro problema sociale è la dimensione della famiglia estesa che funzionava come una specie di sistema di sicurezza sociale che ha salvato le persone nel momento del bisogno. In una ricerca non pubblicata, ho scoperto che quando le dimensioni delle famiglie diminuiscono, i paesi diventano più produttivi. Avere una famiglia numerosa riduce la motivazione del lavoro perché un individuo che lavora molto duro vede i propri guadagni essere assorbiti da altri membri della famiglia allargata che fanno meno lavoro.

Con l'industrializzazione, l'estesa famiglia di tre generazioni viene distrutta mentre le famiglie nucleari migrano verso città lontane in cerca di lavoro. Le persone lavorano più duramente sia perché sono costrette a difendersi da sole, sia perché i maggiori guadagni vengono mantenuti all'interno della famiglia nucleare invece di essere diffusi in tutta una grande famiglia allargata.

Lo scienziato politico Christian Welzel, scrivendo in un manoscritto di un libro, crede che i climi più freddi abbiano ridotto le dimensioni della famiglia. La ragione è che il freddo richiedeva case chiuse. Ciò ha mantenuto le famiglie di agricoltori europei più piccole delle loro controparti tropicali. (Ai tropici, era più facile costruire grandi strutture all'aperto che ospitavano grandi famiglie allargate). Di conseguenza, i lavoratori europei sono stati più autonomi e industriosi innescando innovazioni scientifiche e tecnologiche e facilitando la precedente rivoluzione industriale lì.

Meteo e produttività

Quindi i paesi con un clima fresco e piovoso come quello dell'Europa hanno popolazioni più produttive e godono di un più alto livello di sviluppo economico. Eppure ci sono poche prove che il clima, di per sé, influenzi lo sviluppo economico.

Dopo tutto, alcuni dei luoghi più sviluppati, come Hong Kong e Singapore, hanno climi tropicali. Certo, hanno sistemi sanitari eccellenti che mitigano la resistenza delle malattie tropicali sulla salute e lo sviluppo. Le loro popolazioni sono ben nutrite e ben istruite, aumentando la produttività. I luoghi di lavoro con aria condizionata non possono ferire.

fonti

1 Floud, R., Fogel, RW, Harris, B., e Hong, SC (2011). Il corpo che cambia: salute, nutrizione e sviluppo umano nel mondo occidentale dal 1700. Cambridge, Inghilterra: NBER / Cambridge University Press.

2 Case, A. & Paxon, C. (2008). Statura e stato: altezza, capacità e risultati del mercato del lavoro. Journal of Political Economy, 116, 491-532.

3 Inglehart, R. e Welzel, C. (2005). Modernizzazione, cambiamento culturale e democrazia. Cambridge, Regno Unito: Cambridge University Press.

Solutions Collecting From Web of "Il clima influisce sulla crescita economica?"