Il cliente ha sempre ragione?

La scorsa settimana una rivista politica mi ha chiesto di commentare i commenti di Facebook di un uomo arrabbiato che un certo prigioniero era stato rilasciato dalla prigione in appello. Erano come segue:

Sarei andato dentro [prigione] solo per avvolgere una trapunta al collo

e pugnalare il … nel suo cranio fino a quando la sua testa è prosciugata, no

rimorso, niente pietà, morto! La sua cella sarebbe stata coperta di rosso.

La domanda è se tali pensieri siano entrati nelle teste delle persone prima dei giorni in cui era facile comunicarli, o se la facilità di comunicazione li aveva chiamati in primo luogo; e se, se fossero stati pensati, fossero mai stati comunicati in pubblico. Considero che tutti hanno pensieri che pensa debbano essere tenuti a se stessi, ma le inibizioni su come esprimerli sembrano in declino. I piaceri della pubblica espressione combinati con il mantenimento dell'anonimato non sono necessariamente favorevoli al meglio del gusto.

Di tanto in tanto ho pensato a questa questione, senza risolverlo, da quando la polizia è venuta da me con i video più scioccanti che abbia mai visto. Una coppia ordinaria in un'ordinaria città di provincia aveva allestito una camera di tortura sessuale nella loro casa perfettamente ordinaria, e lì procedeva a violentare i propri figli, giorno dopo giorno e settimana dopo settimana. Non descriverò completamente la scena; basti dire che il padre ha filmato mentre la madre picchiava e violentava i bambini che erano sospesi a caviglie dal soffitto.

La madre, almeno, sembrava godersela enormemente (non si poteva vedere il padre perché era lui a tenere la fotocamera). Il loro motivo principale, tuttavia, non era il godimento, ma il profitto; la coppia ha venduto i video su Internet ai clienti per una grande quantità di denaro. Sono stati catturati perché questi erano i primi giorni di Internet, e le loro bollette telefoniche erano enormi perché hanno inviato i loro file in tutto il mondo. La polizia fu disgustata da quello che scoprirono quando la compagnia telefonica chiese loro di indagare.

La polizia mi ha portato i video – 17 nastri completi, anche se per fortuna avevo bisogno di guardare al massimo solo pochi minuti di uno di loro – perché la prima difesa montata dalla donna, confermata dal marito, era che lui le aveva dato iniezioni di morfina per trasformarla in un automa completamente obbediente alla sua volontà e agli ordini. Questa difesa era assolutamente assurda e dopo la mia relazione non ne venne più sentito parlare.

I due di loro furono giudicati colpevoli – non poteva esserci stato nessun altro verdetto – ma ricevettero quello che per me erano frasi sorprendentemente diverse: lui aveva diversi termini di vita, lei solo 10 anni. Mi sembrava che anche se fosse meno colpevole di lui per qualche motivo di cui non sapevo nulla (non ho partecipato al processo), era colpevole abbastanza da meritare un ergastolo. Forse il giudice aveva una residua noncuranza nel credere che una madre avrebbe potuto agire come lei di sua spontanea volontà.

Di nuovo, però, la domanda è se qualcuno si sarebbe comportato così prima dell'era di Internet. Certo, c'era il Castello di Barbablù e tutti sappiamo che le città vittoriane pullulavano di prostitute minorenni (o di prostitute, come suppongo ora dobbiamo chiamarle in retrospettiva). Ma si sente ancora che c'è qualcosa di diverso in questo caso, e che, poiché l'appetito cresce con l'alimentazione, il mercato per questo tipo di orrore non nasce così tanto come viene deliberatamente creato e promosso.

La questione se l'offerta crea domanda o domanda crea un'offerta è importante, non solo perché è interessante di per sé, ma perché ha enormi conseguenze politiche. Per esempio, la domanda di cose zuccherine è spontanea o creata? In Francia ho notato che anche le patate ora sono notevolmente più dolci di quanto non fossero molto tempo fa e presumibilmente sono state deliberatamente modificate per renderle tali; è impossibile comprare pompelmi bianchi perché non sono dolci come il rosa. Il gusto del pubblico si è spostato, ma non spontaneamente.

Il rapporto tra offerta e domanda è senza dubbio dialettico. Una domanda creata (per qualcosa che deve avere almeno un richiamo iniziale ai gusti umani preesistenti o potenziali) alla fine diventerà spontanea: cosa che di per sé non rende giusto o buono, ovviamente.

Dove i confini dovrebbero essere stabiliti tra libertà e controllo è sempre controverso. Anche nel mostruoso caso sopra delineato, c'è una domanda sul perché la polizia sia intervenuta in primo luogo (è altrettanto vero che l'hanno fatto). Le persone non hanno il diritto di utilizzare la propria linea telefonica a loro piacimento senza essere sospettati e indagati? Quanti veri sospetti ci vogliono per giustificare l'azione su un dato numero di falsi sospetti?

L'unica risposta che riesco a pensare è debole: dipende.

Solutions Collecting From Web of "Il cliente ha sempre ragione?"