Il clamore dei media sopravvaluta il legame tra depressione e Internet

I recenti resoconti dei media che collegano la depressione all'uso di Internet impediscono di comprendere ulteriormente come la nostra cultura emergente della simulazione influenzi il modo in cui viviamo. La ricerca in questione è un questionario online-studio dell'Università di Leeds pubblicato sulla rivista Psychopathology. Il questionario, inserito nei siti di social network del Regno Unito, ha analizzato i modelli di utilizzo di Internet e i livelli di depressione.

I media hanno raccontato tutta la storia: BBC News ha un titolo "La dipendenza da Internet" legata alla depressione, dice studio, "urla Reuters" Studio collega l'eccessivo uso di Internet alla depressione, "Trombe del blog della rivista Time Health & Science" Troppo tempo online collegato al rischio di depressione ", e il Daily Mail ripete il titolo della BBC mentre l'Associazione della stampa del Regno Unito opta per il" Uso di Internet legato alla depressione ".

Le storie stesse continuano a scuotere questa notizia apparentemente terribile affermando, ad esempio, che "(a)" lato oscuro "di Internet suggerisce un forte legame tra il tempo trascorso a navigare sul web e la depressione, dicono gli psicologi." (UKPA). O che "(p) tutti quelli che passano molto tempo a navigare su internet hanno maggiori probabilità di mostrare segni di depressione, hanno detto oggi scienziati britannici." (Reuters)

Ma non affrettarti a fare una pausa in questo momento, né devi intervenire con quell'amico che sembra sempre essere su Facebook. Innanzitutto, il collegamento segnalato è tra la depressione e l'uso compulsivo di Internet, non l'uso di Internet. Prima di scollegare o prendere in considerazione la possibilità di cambiare abitudini, ricorda che esiste un legame tra il lavaggio delle mani compulsivo e la depressione, ma non è una ragione per mettere in discussione la normale igiene.

In secondo luogo, come un paio di storie più sobrie incluse come freno all'isteria che stavano alimentando simultaneamente, c'è quella fastidiosa questione "pollo e uovo" in studi correlati come questo. Le implicazioni della ricerca attuale sono molto meno terribili di quanto suggerirebbe la risposta dei media più sobria. Oltre a discutere sul punto politico (sì, ci sono politiche anche nella ricerca!) Che la "dipendenza da Internet" dovrebbe essere inclusa come un disordine distinto nel prossimo manuale diagnostico del DSM V, la ricerca non dice nulla di più allarmante di quanto le persone depresse facciano cose deprimenti anche quando sono online, come spendere troppo in "siti web che soddisfano sessualmente, siti web di giochi e siti web di community / chat online" (Abstract: "La relazione tra uso eccessivo di Internet e depressione: uno studio basato su questionari di 1.319 giovani e adulti" ). Nessuna sorpresa qui, ma le persone sono persone online e fuori.

Quindi vediamo un po 'più da vicino l'attuale ricerca che genera l'hype dei media per vedere quanto possiamo davvero imparare dal lavoro svolto.

I ricercatori hanno ottenuto 1319 persone per fare clic sul collegamento fornito e completare il questionario online. Non viene fornito alcun dato sul numero di persone che hanno visualizzato il questionario senza rispondere, né su quante sono state avviate ma non sono terminate, ma ritengo sia sicuro assumere che molte, molte più persone hanno visualizzato il link rispetto a coloro che hanno scelto di partecipare. Dobbiamo chiedere chi deciderà di partecipare. Bene, in questo progetto solo quelli già annoiati o poco interessati a ciò che stavano facendo online si sarebbero presi la briga di prendersi il tempo per partecipare, difficilmente il gruppo imparziale desidererebbe uno studio come questo.

Inoltre, questo gruppo parziale presenta un problema ancora più serio perché i ricercatori sono interessati a studiare persone che sono utenti compulsivi di siti di sesso, siti di giochi d'azzardo e siti di social networking. Perché i ricercatori dovrebbero pensare che questi utenti compulsivi potrebbero interrompere ciò che sono compulsivamente attratti da fare per completare un questionario? Il loro metodo di questionario online non manca proprio alle persone che vogliono studiare? Piuttosto che includere le persone di interesse compulsivo, il loro design di ricerca li esclude e attira invece le persone che trascorrono molto tempo online e sono già un po 'indolenti, disinteressate e annoiate (depresse?) Da quello che stanno facendo. Certamente, e qui non sto imputando alcun motivo, questo gruppo è composto proprio da persone che sostengono l'agenda dei ricercatori di sostenere l'inclusione della diagnosi di "dipendenza da Internet" perché i membri di questo gruppo sono già insoddisfatti di ciò che sono fare online (depresso?). Nessuno trascorre molto tempo online e avere un buon tempo si fermerebbe quello che stanno facendo per completare un inventario di depressione di Beck e un sondaggio sull'uso di Internet.

I ricercatori hanno trovato 18 utenti (1,2%) che hanno mostrato un pattern di uso compulsivo ed eccessivo di siti specifici, ma non così compulsivo da non preoccuparsi di un'interruzione. Hanno chiamato questo gruppo "Internet Addicted". Tra i 1319 in cerca di qualcosa da fare online hanno trovato anche 18 utenti normali che erano demograficamente simili a "Internet Addicted" 18. Li hanno poi confrontati su quanto tempo era trascorso online, cosa la gente faceva online e quanto erano depressi.

Quello che hanno scoperto è che quei 18 utenti compulsivi non così "dipendenti" da non interrompere la loro dipendenza dalla scienza, in realtà passavano più tempo online e erano più depressi.

Sarebbe davvero facile affondare sempre di più nello snark, il giornalismo psicologico rende spesso molto facile farlo. Ma non lo farò perché ciò che voglio davvero è vicino al fatto che le persone veramente (DAVVERO!) Vogliono sapere cosa ci sta facendo la nostra cultura emergente della simulazione. Vogliamo tutti capire meglio ciò che le nostre intuizioni ci dicono; il tempo online rende la vita migliore per alcuni, ma solo per alcuni, perché ci sono altri soggetti sensibili per i quali andare online diventa un'occasione di sofferenza, isolamento e depressione. Tutti vogliamo capire di cosa si tratta. Ma i cambiamenti avvengono più velocemente di quanto la ricerca possa essere fatta e i media stanno ancora alimentando la nostra fame per capire anche quando non ci sono abbastanza dati. I media, online e offline, semplicemente non intonano un titolo che annuncia "We Still Do not Know" o, come si adatterebbe alla ricerca discussa in questo post "Le persone sono persone!" E mentre questo studio meritava di essere fatto – noi abbiamo bisogno di molti punti di dati anche per iniziare a capire che cosa ci stanno facendo gli strumenti che abbiamo fatto, non meritava tutto il clamore mediatico che ha ricevuto.

[Non voglio firmare senza notare che questo è il mio primo post Over-Simulated qui su Psychology Today. Sono lieto di far parte di un gruppo di blogger così illustre e interessante. Spero che troverai la mia scrittura un'aggiunta interessante alle offerte che già trovi. Se vuoi leggere di più del mio lavoro, puoi anche trovarmi su True / Slant dove scrivo Simu-Nation , un modo più politico e "informale" di come possiamo costruire una buona vita nella nostra cultura emergente di simulazione e miglioramento . Per esempio, qui troverete il post di ieri sulla memoria autobiografica, l'ultimo nastro di Krapp e le battaglie di David Pogue per salvare i video di famiglia dal perdersi in "decomposizione dei dati".]

Solutions Collecting From Web of "Il clamore dei media sopravvaluta il legame tra depressione e Internet"