Il ciclismo può creare dipendenza?

Nel 2012, ho scritto un articolo sulla dipendenza da ciclismo e ho classificato il comportamento come un sottotipo di dipendenza da esercizio. Recentemente (giugno 2016), sono stato intervistato dalla rivista "Cycling Weekly" per un articolo sulla dipendenza dal ciclismo, quindi ho pensato che fosse opportuno rivedere il problema. Negli ultimi cinque anni c'è stato un aumento della quantità di ricerca sulla dipendenza da esercizio (come ho sottolineato in alcuni documenti con i miei colleghi ungheresi, Attila Szabo e Zsolt Demetrovics – vedi 'Ulteriori letture' sotto). Tuttavia, non c'è ancora stata una ricerca empirica specifica sulla dipendenza da ciclismo. Nel suo libro del 1997 "Motivation and Emotion in Sport", il dott. John Kerr ha ipotizzato che le attività di esercizio di tipo endurance (ad es. Corsa, ciclismo, nuoto, aerobica e allenamento con i pesi) fossero più spesso associate a dipendenza da esercizio e dipendenza, ma questo si basava più su aneddotico rispetto a prove scientifiche.

Per l'articolo "Cycling Weekly", sono stato intervistato dalla dott.ssa Josephine Perry (che è appena diventata psicologa e ciclista). Ha notato nel suo articolo che:

"In quanto ciclista abituale, è molto probabile che tu abbia un forte interesse per le prestazioni e che tu abbia una forte spinta a migliorare, unita alla volontà di spingere forte nell'allenamento e nelle corse. A volte ti senti probabilmente sotto attacco da parte di familiari o colleghi che ti interrogano o ti prendono in giro sulla tua abitudine ciclistica "ossessiva". Sicuramente vendicarti citando i numerosi vantaggi del ciclismo: le brillanti amicizie, i grandi miglioramenti della salute, il corpo tonico e tutti i luoghi che puoi esplorare sulla tua bicicletta. Ma i tuoi critici hanno occasionalmente ragione? La tua inesorabile spinta a migliorare a volte va troppo lontano e ti mette in pericolo di attraversare la linea sottile dalla dedizione alla dipendenza? La dipendenza dal ciclismo è definita da un incessante bisogno interno di allenarsi duramente ogni giorno senza prendere il tempo libero che è necessario per riposare e recuperare – per non parlare di altri impegni nella tua vita. In altre parole, la dipendenza è definita dal danno. Ignori le richieste di familiari o amici di tagliare. Le tue priorità vengono ridisegnate e non è permesso nulla tra te e la tua bicicletta. Una volta superata questa linea, i benefici del ciclismo iniziano a diminuire. Il ciclista tossicodipendente sente più fastidio e dolore, diventa soggetto a lesioni fisiche, raffreddori regolari e malattie nascoste ".

In un recente capitolo del libro (2016), i miei colleghi ed io abbiamo notato che la dipendenza da esercizio (indipendentemente dal sottotipo) è una condizione in cui una persona che esercita regolarmente perde il controllo sul suo comportamento o esercizio, mentre recita compulsivamente ed esibisce dipendenza, con conseguenze negative nella loro salute e / o nella vita quotidiana. Questo comportamento disadattivo è caratterizzato da gravi sintomi di astinenza quando l'esercizio non è possibile, simile sia alle dipendenze chimiche (ad esempio, la dipendenza da alcol) che ad altre dipendenze comportamentali (es. Dipendenza dal gioco). Sulla base delle prove scientifiche, la dipendenza da esercizio è relativamente rara, compresa tra lo 0,3 percento e lo 0,5 percento come osservato nell'unico studio pubblicato utilizzando un campione nazionale rappresentativo della popolazione generale che abbiamo effettuato in Ungheria nel 2012 (pubblicato sulla rivista " Psicologia dello sport e dell'esercizio »). Dato che la dipendenza da esercizio (in generale) è rara, la prevalenza della dipendenza da ciclismo sarebbe quindi ancora più bassa. Tuttavia, ciò non significa che non esista.

Uno studio recente condotto dal dott. Bernd Zeulner e dai suoi colleghi tra 1.031 atleti di resistenza (che includevano un numero imprecisato di ciclisti) ha valutato la prevalenza della dipendenza da esercizio utilizzando l'inventario delle dipendenze (EAI, una scala che ho co-sviluppato con i miei colleghi Attila Szabo e Annabel Terry). Lo studio (pubblicato sulla rivista "Advances in Physical Education") ha rilevato che il 2,7 per cento ha il potenziale per sviluppare una dipendenza da esercizio e che è superiore alla prevalenza nella popolazione generale.

Un altro studio pubblicato nel "Journal of Clinical Sport Psychology" del Dr. Jason Youngman e del Dr. Duncan Simpson ha esaminato la dipendenza da esercizio tra 1.285 triatleti (ciclismo, nuoto e corsa) usando anche l'EAI. Lo studio ha rilevato che circa il 20 percento dei triatleti era a rischio di dipendenza da esercizio e che l'allenamento per gare a distanza più lunga mette i triatleti a maggior rischio di dipendenza da esercizio rispetto all'allenamento per gare più brevi. Hanno anche scoperto che con l'aumento del numero di ore di allenamento settimanali, aumenta anche il rischio di triathlete per la dipendenza da esercizio. Nonostante la mancanza di prove empiriche specificamente sulla dipendenza da ciclismo, il dott. Perry ha anche osservato nel suo articolo che:

"[I ciclisti dipendenti] possono anche diventare suscettibili al burnout e tutto ciò che ne consegue: prestazioni ridotte, umore basso, cambiamenti nell'appetito, difficoltà nel dormire e in generale la sensazione che i risultati non corrispondano all'intensità dello sforzo che viene messo. un cicloturco, questa perdita di forma e la sensazione di difficoltà possono essere devastanti … Altre ricerche hanno rilevato che i rischi sono più alti in quelli che si allenano più di cinque volte a settimana. Con una media di allenamento per i ciclisti dilettanti che si aggira intorno alle 10 ore settimanali, sono certamente nella categoria a rischio più elevato ".

Non sono sicuro su quale studio il dott. Perry si riferisca a questa citazione, ma nella mia intervista ho notato che, dal mio punto di vista, qualsiasi comportamento può essere potenzialmente avvincente se i meccanismi di ricompensa sono in atto ma che dovremmo essere cauti riguardo imporre l'etichetta "dipendenza". Le ho detto che non possiamo definire se qualcuno è dipendente solo dal comportamento che mostrano. Tutto ha a che fare con il contesto di quel comportamento nella loro vita. Ancora più importante, non si tratta della quantità di tempo trascorso ad impegnarsi nel comportamento, ma dell'impatto che il comportamento ha su di loro. Come ho spiegato:

"Un sano entusiasmo aggiunge alla loro vita. Una dipendenza ci toglie. Se non hai dipendenti e tu e il tuo partner godete lo sport e non c'è conflitto, non verrebbe classificato come una dipendenza. Se il conflitto familiare diventa un fattore, l'abitudine all'esercizio diventa piena di complicazioni ".

Ho notato nel mio precedente blog sulla dipendenza da ciclismo che uno dei tratti che sembra essere associato alla dipendenza da esercizio fisico è il perfezionismo secondo un documento del 1990 della dott.ssa Caroline Davis, pubblicato sulla rivista "Personality and Individual Differences". La ricerca (del Dr. Heather Hasenblaus tra gli altri) ha anche scoperto che l'estroversione, il nevroticismo e la gradevolezza predicono i sintomi della dipendenza da esercizio. Ho anche notato nella mia intervista con il Dr. Perry che alcune persone (come quelle con personalità di tipo A) sembrano avere il loro rischio per la dipendenza da esercizio incorporata in loro. Alcuni ciclisti saranno quei praticanti di tipo A che sono orientati alla ricompensa a fare il meglio che possono, in qualunque cosa facciano. Se intraprendono uno sport, quei tratti di personalità precedentemente utilizzati per avere successo e focalizzati in altri settori, come il lavoro, entrano nella nuova area.

Ho anche notato nella mia intervista "Cycling Weekly" che ci sono un certo numero di segni che possono aiutarti a individuare se il tuo atteggiamento verso il ciclismo è malsano. Il più ovvio è quando il ciclismo diventa l'attività più importante della tua vita, dominando il pensiero, i sentimenti e il comportamento. Se hai bisogno di pedalare di più per ottenere lo stesso beneficio dell'umore con cui sei abituato, il tuo umore cambia in modo significativo e / o senti effetti fisici quando non puoi pedalare, potresti anche essere a rischio. Se inizi a risentirti della tua famiglia, del lavoro, della vita sociale, degli hobby o di altri interessi che ostacolano il tuo andare in bicicletta, devi considerare se hai tagliato il traguardo. Chi è dedito al ciclismo ha maggiori probabilità di indebitarsi per finanziare l'abitudine, di controllare eccessivamente il proprio mangiare per regolare il peso e la competitività, e fatica a bilanciare impegni lavorativi, sociali e familiari con la formazione.

Mi è stato anche chiesto il mio punto di vista sul trattamento della dipendenza da ciclismo e ho detto che la terapia cognitivo-comportamentale sarebbe probabilmente la più efficace (dato che il tossicodipendente sarebbe guidato a identificare gli obiettivi che li motivano ed essere aiutato a trovare modi sicuri e ragionevoli per raggiungere questi obiettivi) ma che il tipo di trattamento dipende dal fatto che la dipendenza dal ciclismo sia primaria o secondaria. I tossicodipendenti primari, che sono effettivamente dipendenti perché amano il loro sport, troveranno molto difficile rinunciare. Dire loro che non possono continuare sarà stressante di per sé. I tossicodipendenti secondari possono cercare di perdere peso o di sfuggire a sentimenti negativi o spiacevoli o difficoltà nella loro vita, usando il ciclismo per controllare i loro pensieri. Questi ciclisti usano l'esercizio come meccanismo di coping. La chiave qui è scoprire perché lo stanno facendo in misura così importante in primo luogo. La maggior parte troverà la loro dipendenza sintomatica di qualcos'altro.

Dopo aver intervistato se il ciclismo può essere potenzialmente avvincente, il dott. Perry ha riassunto le mie opinioni in modo forse migliore di quanto avrei potuto fare io stesso:

"[La dipendenza da ciclismo] non è solo il numero di ore che stai facendo in bici, quanto ami la tua guida, o quante bici hai; ciò che conta è l'impatto sulla tua vita. Se il tuo lavoro e la tua vita familiare lo consentono senza conflitti, e non ti senti troppo stressato o troppo stanco, allora il tuo impegno per il ciclismo è proprio questo: un impegno. Se soffri di continui infortuni e non ti stai riprendendo completamente, ti sei sentito bruciato, immerso nell'umore, sentiti obbligato a saltare eventi familiari o sociali per l'allenamento, con conseguenti argomenti, quindi devi porsi sul serio: sono dipendente? ”

Riferimenti e ulteriore lettura

Allegre, B., Souville, M., Therme, P. & Griffiths, MD (2006). Definizioni e misure di dipendenza da esercizio, ricerca delle dipendenze e teoria, 14, 631-646.

Berczik, K., Griffiths, MD, Szabó, A., Kurimay, T., Kökönyei, G., Urbán, R. e Demetrovics, Z. (2014). Dipendenza da esercizio: l'emergere di un nuovo disturbo. Epidemiologo australiano, 21 (2), 36-40.

Berczik, K., Griffiths, MD, Szabó, A., Kurimay, T., Urban, R. & Demetrovics, Z. (2014). Dipendenza da esercizio. In K. Rosenberg e L. Feder (Eds.), Dipendenze comportamentali: criteri, prove e trattamento (pp. 37-342). New York: Elsevier.

Berczik, K., Szabó, A., Griffiths, MD, Kurimay, T., Kun, B. & Demetrovics, Z. (2011). Dipendenza da esercizio: sintomi, diagnosi, epidemiologia ed eziologia. Uso e abuso di sostanze, 47, 403-417.

Davis, C. (1990). Preoccupazione di peso e dieta e dipendenza: il ruolo dell'esercizio. Personalità e differenze individuali, 11, 823-827.

Freimuth, M., Moniz, S., & Kim, SR (2011). Dipendenza da esercizio chiarente: diagnosi differenziale, disturbi concomitanti e fasi di dipendenza. Rivista internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica, 8 (10), 4069-4081.

Griffiths, MD (1997). Dipendenza da esercizio: un caso di studio. Ricerca sulle dipendenze, 5, 161-168.

Griffiths, MD, Szabo, A., & Terry, A. (2005). L'inventario di dipendenza da esercizio: uno strumento di screening rapido e facile per gli operatori sanitari. British Journal of Sports Medicine, 39 (6), e30-31.

Griffiths, MD, Urbán, R., Demetrovics, Z., Lichtenstein, MB, de la Vega, R., Kun, B., Ruiz-Barquín, R., Youngman, J. & Szabo, A. (2015). Una rivalutazione interculturale dell'Esercizio Addiction Inventory (EAI) in cinque paesi. Medicina dello sport Aperto, 1: 5.

Hausenblas, HA, & Giacobbi, PR (2004). Relazione tra sintomi di dipendenza da esercizio e personalità. Personalità e differenze individuali, 36 (6), 1265-1273.

Kerr, JH (1997) Motivation and Emotion in Sport: Reversal Theory. Hove: Psychology Press.

Kerr, JH, Lindner, KJ & Blaydon, M. (2007). Esercizio di dipendenza. Oxford: Rutledge.

Kurimay, T., Griffiths, MD, Berczik, K., & Demetrovics, Z. (2013). Dipendenza da esercizio: il lato oscuro degli sport e dell'esercizio. In Baron, D., Reardon, C. & Baron, SH, Contemporary Issues in Sports Psychiatry: A Global Perspective (pp. 33-43). Chichester: Wiley.

Mónok, K., Berczik, K., Urbán, R., Szabó, A., Griffiths, MD, Farkas, J., Magi, A., Eisinger, A., Kurimay, T., Kökönyei, G., Kun , B., Paksi, B. & Demetrovics, Z. (2012). Proprietà psicometriche e validità concomitante di due misure di dipendenza da esercizio: uno studio su tutta la popolazione in Ungheria. Psicologia dello sport e dell'esercizio, 13, 739-746.

Perry, J. (2016). Sei dipendente dal ciclismo? Ciclismo settimanale, 21 luglio. Si trova all'indirizzo: http://www.cyclingweekly.co.uk/fitness/training/are-you-addicted-to-cycl…

Szabo, A., Griffiths, MD, de La Vega Marcos, R., Mervo, B. & Demetrovics, Z. (2015). Limitazioni metodologiche e concettuali nella ricerca sulla dipendenza da esercizio. Yale Journal of Biology and Medicine, 86, 303-308.

Szabo, A., Griffiths, MD & Demetrovics, Z. (2016). Dipendenza da esercizio. In V. Preedy (a cura di), The Neuropathology Of Drug Addictions and Substance Misuse (Vol. 3) (pp. 984-992). Londra: Academic Press.

Terry, A., Szabo, A., & Griffiths, MD (2004). L'inventario di dipendenza da esercizio: un nuovo strumento di screening breve. Ricerca e teoria delle dipendenze, 12, 489-499.

Youngman, J., & Simpson, D. (2014). Rischio di dipendenza da esercizio: un confronto tra allenamento triatleti per triathlon di velocità, olimpia, metà Ironman e Ironman. Journal of Clinical Sport Psychology, 8, 19-37.

Zeulner, B., Ziemainz, H., Beyer, C., Hammon, M., & Janka, R. (2016). Disordinato mangiare ed esercitare dipendenza negli atleti di resistenza. Progressi nell'educazione fisica, 6 (2), 76.

Solutions Collecting From Web of "Il ciclismo può creare dipendenza?"