"Il cibo è un posto meraviglioso da nascondere"

In un vero segno dei nostri tempi, i binge eaters si sono mostrati significativamente nelle pagine di diversi romanzi che ho letto quest'anno. In un bell'esempio, The Middlesteins , di Jami Attenberg, il protagonista potente e goliardico colpisce le vite di familiari e amici in modi di vasta portata. Alla fine, un personaggio comprende come "… il cibo è un posto meraviglioso in cui nascondersi".

Per molti, a partire dall'infanzia o oltre, il cibo diventa una fonte di conforto e di compagna, non solo nei momenti difficili, ma alla fine anche di giorni normalmente stressanti. È qualcosa a cui guardare, qualcosa che è affidabile lì. Questo potente legame emotivo può essere pienamente consapevole o no. Quando esiste, come per molti che mangiano troppo, non c'è da stupirsi che la dieta del momento non funzioni, o che i nuovi regimi non durino. Negli elenchi di quali cibi mangiare ed evitare, si perde la gestione della perdita di questo santuario e si riprende il ciclo di dieta e sovralimentazione.

Come per ogni cambiamento significativo, il primo passo per rompere questo ciclo è la consapevolezza. Hannah, ad esempio, una contabile impegnata di giorno, iniziò chiedendosi "Sono annoiato o solo?" Quando viene attratto di notte da bar gelati, patatine fritte e altri snack confezionati. Questa non era la fine della strada, in nessun modo, ma la metteva sulla strada di fare scelte diverse per un po 'di tempo e di consumare un po' meno negli altri. Queste nuove esperienze le hanno permesso di iniziare ad adattarsi alla vita senza questo particolare rifugio.

Per Catherine, che a 58 anni aveva seguito almeno altrettante diete, anche notare che il comportamento richiedeva uno sforzo. Si ritrovava con i biscotti o gli M & M's, non sempre sicuri di come o quando li aveva raccolti. Allo stesso modo, Mark, un'infermiera che lavorava sodo per preparare pasti sani ogni giorno, spesso si trovava a lasciare mini-marts con dolci che non aveva neppure registrato acquistare. In questi casi, gli sforzi per rimanere consapevoli e notare sono i primi.

Esistono strumenti per aiutare nel processo di potenziamento dei registri di conoscenza, ad esempio. Esistono strumenti per aiutare a cavalcare emozioni come la noia o la solitudine, la consapevolezza, la gestione dello stress, l'inserimento nel diario, ecc. Questi strumenti possono aiutare tutti i complicati processi di cambiamento. Quanto più efficaci sarebbero tutti gli sforzi per la gestione del peso, tuttavia, se tutti capissimo fin dall'inizio che il cibo può tranquillizzare, mantenere la compagnia o offrire un "posto dove nascondersi".

Il nuovo libro o piano dietologico non funzionerà mai senza riconoscere come si sentirà a perdere quel posto, anche se riuscirà a arginare la fame. Le persone a volte descrivono smettere di fumare come perdere un amico. Una mentalità simile, portata alla dieta, poteva solo aiutare. Nessuno si aspetta che smettere di fumare sia facile, qualunque sia il consiglio o la strategia seguiti. Ma il flusso di libri e articoli sulla dieta che affrontiamo quotidianamente sembra suggerire che tutto ciò che dobbiamo fare è mangiare in questo modo, o quello. Problema risolto. Chiedere come sarà perdere quell'amico sembra un punto di partenza molto migliore per molte risoluzioni dietetiche.

(Vedi anche Quando il cibo è il tuo santuario )

Solutions Collecting From Web of ""Il cibo è un posto meraviglioso da nascondere""