Il cattivo dal buono

La scorsa settimana ho scritto su Philippe Petit e la sua passeggiata su un filo tra le Twin Towers di New York City tanti anni fa. Volevo usare la sua storia come metafora di come la felicità potesse essere meglio pensata come bilanciare un'aspettativa chiara e preparata per le cose brutte della vita, al fine di abbracciare e celebrare pienamente il bene. Ho parlato di come l'intensa paura che Philippe provava per la sua impresa fosse una delle sorprendenti sfaccettature del documentario del momento ( Man on Wire ).

Un commento di un lettore mi ha ricordato una delle altre sfaccettature sorprendenti di quello stesso film. Come ho menzionato in quella colonna precedente, il documentario includeva interviste con un cast di personaggi che rendevano possibili le Torri Gemelle. Sono stati utilizzati filmati d'archivio di brainstorming e sessioni di pratica per illustrare la misura in cui questo evento è stato meticolosamente pianificato e che i rischi sono stati accettati da tutti gli interessati. Quando Philippe completò la sua passeggiata sul filo, fu arrestato e travolto da improvvisa fama.

Il commento del lettore è iniziato, più o meno, affrontando la domanda "Chi ha preso le foto di Philippe sul filo?" Dovrebbe essere chiaro che c'erano persone che lo aiutavano lungo tutto il percorso. Eppure, come perpetrato dalla mia rubrica, sono stati dimenticati ed esclusi dal momento in cui hanno contribuito a creare; lasciato indietro mentre Philippe abbracciava gli elogi per la sua impresa. Questa è la seconda cosa sorprendente del documentario – guardare questi ex amici, confidenti e alleati tentare di spiegare l'inspiegabile rottura nei loro rapporti con Philippe. Nel momento più doloroso (per me) del film, Philippe racconta come, subito dopo il rilascio dalla polizia, ha fatto sesso con la prima groupie femminile che si è offerta a lui mentre la sua fidanzata di lunga data lo aspetta in hotel. Il più vicino dei suoi amici versa ancora lacrime che descrivono quei momenti in cui il sogno idealistico di camminare sul filo è diventato realtà deludente.

C'era Annie Allix, la fidanzata di Philippe, che fu lasciata indietro dopo che Philippe scese dalle torri. Jean Louis Blondeau ha aiutato a pianificare l'impresa ed è stato amico di Philippe per anni. Aiutò a trascinare il cavo pesante e lanciò la freccia che alimentava il filo guida alla seconda torre. Ha truccato il cavo per essere stabile nei venti forti nella parte superiore. C'era Jim Moore, che aveva sede a New York e faceva una ricognizione fotografica. C'erano anche altri, che furono determinanti in quel giorno, e nel corso degli anni, per portare Philippe nel punto in cui avrebbe potuto ballare sul filo sopra Manhattan.

Questa parte della storia è vecchia notizia. Non possiamo farlo da soli, le prodezze della grandezza sembrano sempre avere un cast di supporto. Michael Jordan potrebbe aver guidato i Chicago Bulls in una tre tornei di campionati NBA senza Will Perdue? Potremmo dire di sì, potremmo dire di no, ma Will Perdue era nella squadra e in campo, quindi deve essere parte della conversazione, giusto? Inoltre, essendo un tipo più alto della media che ha una strana tendenza a dribblare il piede e deve incrociare le dita per schiacciare, avevo bisogno di un modello! (nessuna offesa a Mr. Perdue intesa!)

Forse l'analogia con Michael Jordan-Will Perdue ha altro da dire, oltre al fatto che ci vuole molto supporto e coinvolgimento diretto per ottenere risultati impressionanti. Ancora una volta, senza alcuna intenzione per Will Perdue, penso che sia molto più probabile che Michael Jordan vincesse un titolo senza Will Perdue piuttosto che il contrario (ciò è stato effettivamente dimostrato nelle carriere prolungate di questi professionisti). Probabilmente è anche molto più probabile che Philippe Petit abbia potuto camminare su un filo tra due torri con un gruppo diverso di amici e colleghi piuttosto che il contrario. Quindi, nel provare a usare questa incredibile impresa per pensare di abbracciare il rischio di vivere pienamente, penso che sia difendibile per me essermi concentrato su Philippe.

Tuttavia, c'è una grande differenza dal concentrarsi su una persona e trascurare completamente tutti gli altri. In questo modo sono altrettanto colpevole quanto Philippe. Essendo un ricercatore di vita significativa, mi è venuto in mente che la storia dimenticata della camminata su filo di Philippe Petit racchiude molta saggezza per la vita significativa.

Ci sono molti modi per farlo: l'importanza degli amici, 'nessun uomo è un'isola', vivere la vita all'interno di una rete di relazioni strette e gratificanti, anche 'non sai cosa hai fatto fino a quando non c'è più'.

Mi piace pensare a questa storia, però, parlando del tradimento di tante delle promesse che la cultura moderna ci offre per quanto riguarda la felicità. La storia di Philippe, almeno la parte di essa catturata in Man on Wire , sembra adattarsi al prototipo di qualcuno che lavora con intenti simili a un grande sogno, solo per essere sedotto dal miraggio scintillante di fama, ricchezza e adulazione. Dal mio punto di osservazione, sembra incredibile che qualcuno possa sacrificare un gruppo di amici che erano così chiaramente compatibili e con cui era stato costruito un piccolo mondo ricco. Ogni teoria credibile sulla felicità e il significato nella vita dice che una così stretta rete di amici è il meglio che possiamo desiderare nella vita. Al contrario, il nostro progetto culturale per la realizzazione nella vita – la ricerca di ricchezza, fama, adulazione, bellezza e status – ha un "lato oscuro" (Kasser & Ryan, 1993). Le persone che si battono per queste cose appaiono quasi sempre nella ricerca come esperienza di benessere e felicità inferiori. Per non pensare che gli psicologi continuino a studiare gli hippy, è importante notare che anche gli studenti di scuola di business materialisti sono meno felici dei loro colleghi meno materialisti (Kasser e Ahuvia, 2001).

Ciò che rende così scioccante il triste epilogo di Man on Wire è che Philippe Petit sembra uno stretto contatto con l'esperienza momentanea della vita, affrontando e abbracciando il rischio nel cuore della vita. La ricerca ci porta a credere che siano quelle persone che evitano questo contatto con l'esperienza che sono i più inclini a cadere nella trappola senza fine del materialismo; rinuncia a una vita di significato (Kashdan & Breen, 2007). Si spera che Philippe, Annie, Jean Louis, Jim e gli altri che hanno fatto la passeggiata sul filo abbiano ancora una volta riempito le loro vite con la risorsa più preziosa del mondo – amici per il viaggio – e siano felici.

Altrimenti, sembra solo là fuori …

Riferimenti:

Kashdan, TB, & Breen, WE (2007). Materialismo e benessere diminuito: evasione esperienziale come meccanismo di mediazione. Journal of Social and Clinical Psychology, 26, 521-539.

Kasser, T., & Ahuvia, A. (2001). Valori materialistici e benessere negli studenti d'affari. European Journal of Social Psychology, 31, 137-146.

Kasser, T., & Ryan, RM (1993). Un lato oscuro del sogno americano: correlazione del successo finanziario come aspirazione centrale alla vita. Journal of Personality and Social Psychology, 65, 410-422.

Solutions Collecting From Web of "Il cattivo dal buono"