Il caso della psicoterapia esistenziale

La maggior parte dei nostri problemi come esseri umani sono riconducibili a un problema primario: la nostra sospensione nell'irregolarità dell'esistenza.

Quando una persona amata muore, o siamo attaccati, o ci ammaliamo; spesso sembra che il fondo si sia ritirato e non ci sia più nulla che ci trattiene. Come l'astronauta che ha tagliato la corda, o il tenace camminatore che scivola, ci troviamo improvvisamente faccia a faccia, non solo con la nostra particolare difficoltà, ma con la difficoltà dell'esistenza stessa.

Questa "difficoltà" è eloquentemente ritratta nei titoli di testa della pluripremiata serie televisiva Mad Men. In quella scena della firma, un personaggio maschile è raffigurato in caduta libera. Sappiamo molto poco di questo personaggio, tranne che è impotente, e questo è abbastanza rivelatore.

Il trauma è molto simile a questa caduta libera: ci rende consapevoli di ciò che la maggior parte di noi, gran parte della giornata, riesce a negare – che siamo tutti in sospeso. Per ora, ad esempio, probabilmente stai seduto su una comoda sedia in un edificio che si sente saldamente ancorato al terreno, ma questo non è affatto il quadro completo. Ciò che sta avvenendo più pienamente è che sei seduto su una sedia comoda in un edificio che poggia su una gigantesca palla che gira intorno al sole a 67.000 miglia all'ora. Questa palla, inoltre, è situata in una galassia che sfreccia attraverso l'universo a 1,2 milioni di miglia all'ora, verso una destinazione completamente sconosciuta. E come se non bastasse, non sai davvero da dove vieni per arrivare a questa sedia e costruire. Oh, so che probabilmente mi dirai che hai fatto mille accordi per arrivare a questo particolare luogo e momento, e che puoi rintracciarli tutti nel tuo passato. Ma questo non mi dice molto; né la presunzione apparentemente brillante che ben prima di aver organizzato qualcosa tu eri il prodotto "felice" di uno sperma vagante e un uovo ricettivo. Il fatto è che gran parte di ciò che diamo per scontato, anche oggi, è un artefatto culturalmente sanzionato, uno stop-gap contro un mare di smarrimento.

Ora il trauma, che letteralmente significa shock, ha un modo di mettere a nudo questa struttura culturalmente sanzionata. Ha un modo di rompere i nostri sistemi di sicurezza culturalmente concordati – per esempio, i nostri corpi, i nostri posti di lavoro e le nostre identità – e di esporci alle nostre radici incontrollabili. E cosa succede quando ci troviamo faccia a faccia con queste radici? A seconda delle nostre storie traumatiche, questo incontro tende a trascinarci in entrambe le direzioni – verso una grandiosità espansiva per compensare eccessivamente la fragilità che sentiamo, o verso un ritiro costrittivo per compensare eccessivamente l'insostenibilità dell'espansione grandiosa. Eppure in entrambi i casi siamo imprigionati da questi estremi, e entrambi sabotano la nostra crescita.

L'idea qui non è tanto di "liberarsi di" una condizione intrinsecamente umana, ma di aiutare le persone a sviluppare una nuova relazione con quella condizione. Aiutare le persone a sviluppare una nuova relazione con una parte scioccante di se stessi non è facile, ma questo è precisamente ciò che la terapia orientata esistenzialmente tenta di promuovere. Cerca di aiutare le persone ad affrontare e gradualmente a riallinearsi con l'infondatezza della loro esistenza. Che aspetto ha un tale riallineamento? Sembra una capacità migliorata di sperimentare la scelta all'interno di tale mancanza di fondamento; e impegnare la propria capacità di risposta a reagire piuttosto semplicemente contro la sua ferocia.

La domanda principale e in corso su una terapia orientata esistenzialmente è "com'è disposto a vivere, in questo momento straordinario, con questa eccezionale opportunità di incontrare il proprio dolore"? Mentre il mio cliente Janice * si sedeva di fronte a me un venerdì pomeriggio, ho fatto del mio meglio per apprezzare la lotta che ha vissuto, e l'imbarazzo con cui ha cercato di trasmetterlo. Era la prima volta che Janice e io ci incontravamo e dal momento in cui ci stringevamo la mano, potevo percepire una nuvola sul suo comportamento.

Janice era una donna bianca della classe lavoratrice di 45 anni con una storia di gravi abusi sessuali e emotivi. Suo padre era un alcolizzato inveterato con un temperamento esplosivo, e suo nonno la molestava sessualmente quando aveva otto anni. Quando Janice aveva quattro anni, sarebbe stata regolarmente lasciata sola con una zia "schizofrenica". Queste visite terrorizzarono Janice, ma a quanto pare, non c'era alcun riconoscimento da parte dei genitori di questo sentimento. Quando Janice aveva cinque anni, sua madre morì improvvisamente. Ciò lasciò Janice con il suo volubile padre alcolizzato, il suo rapace nonno e la sua psicotica zia. Come Janice sia emersa parzialmente da queste circostanze è ancora un mistero per me, ma in qualche modo è riuscita.

Mentre io e Janice ci siamo salutati, sono rimasto colpito dalla sua compostezza e dallo stile brillante e articolato. Janice mi ha detto che sebbene avesse avuto una breve esperienza con la terapia nel suo passato, ha fatto "tonnellate" di lavoro da sola. Ci credevo enfaticamente. Sebbene Janice apparentemente fosse venuta in terapia a causa della sua mancanza di assertività nei confronti degli uomini, ho percepito – e nel suo modo tacito, ha comunicato – che la questione dell'assertività non era la sua ultima preoccupazione.

All'inizio ho lavorato con Janice per aiutarla a costruire fiducia quando ha affrontato gli uomini. L'ho invitata a partecipare a giochi di ruolo con me in cui rappresentavo il minaccioso uomo, ad esempio, il suo capo o il marito, e lei avrebbe giocato se stessa in un particolare dilemma. Ho anche lavorato con Janice per ristrutturare cognitivamente il suo pensiero su come questi uomini la percepivano. Sarebbe davvero stata vista come una "stronza" se avesse chiarito i suoi bisogni per loro, chiederei. E anche se fosse vista in quel modo, questo la renderebbe una? Mentre approfondivamo e provavamo questi scenari, Janice riuscì gradualmente a sviluppare nuove abilità che l'avrebbero aiutata a confrontarsi e affermarsi con successo con gli uomini di cui sopra.

Nello stesso momento in cui lavorava con queste capacità di ristrutturazione cognitiva e comportamentale, tuttavia, a Janice cominciò a succedere qualcos'altro: iniziò a riconoscere, e io la incoraggiai a rimanere presente, le paure che andavano al di là di sentirsi intimiditi dagli uomini. Queste paure riguardavano il senso di essere intimiditi dalla vita.

In questo contesto, ha iniziato a condividere sogni potenti con me, come un sogno che lei ha avuto di recente di sentirsi come un albero bruciato; e un altro su un mostro che attacca la sua casa. Col tempo ho corso il rischio di invitare Janice, non solo per "parlare di" tali sogni e fantasie, ma per sperimentarli qui e ora con me. In altre parole, l'ho invitata a diventare più presente a come sentiva, percepiva e immaginava questi sogni e queste fantasie. L'ho anche invitata a condividere le sue risposte su come è stato interagire con me e sperimentare i lati difficili di se stessa, come la vergogna o la debolezza, in mia presenza. Ciò ha reso vivo il lavoro tra me e Janice e ha significativamente rafforzato il nostro legame. Ha anche permesso a Janice di sondare profondità solo accennate durante i nostri esercizi di ristrutturazione cognitiva. Infine, ha spostato Janice per rendersi conto di come la sua sofferenza derivava non solo dalle sue relazioni con gli uomini (e talvolta dalle donne), ma anche dalla sua relazione con le incertezze della vita e dal bisogno di coraggio di fronte a loro.

In questo modo, Janice ha iniziato ad alludere a una nuova lingua nel nostro lavoro insieme; questo era un linguaggio che enfatizzava le sue preoccupazioni sull'esistenza, non solo aspetti specifici dell'esistenza. Ad esempio, ha iniziato a parlare di "paure innominabili" e di una parte di sé che sembrava un "buco nero". Mi ha detto che non aveva mai riconosciuto questi sentimenti con nessuno prima, ma che li aveva spesso intravisti, specialmente quando stressati. Cominciò anche a parlare di meraviglie che raramente aveva mai rivelato – come il suo fascino per l'occulto e la sua risonanza con l'antica cultura Maya. Quando ho condiviso la mia perplessità su queste identificazioni, dato il suo background, ha scherzato: "stanno liberando e in sintonia con il mondo naturale".

Nella mia esperienza, queste gamme di risonanza non sono tutte quelle straordinarie terapie esistenziali. Man mano che le persone si sentono più sicure da esplorare, iniziano a svelare le parti di se stesse che tanto tormentano, e potenzialmente, le rendono libere. Queste parti non sono necessariamente di natura freudiana. Non necessariamente evocano conflitti sessuali o aggressivi o attaccamenti genitoriali frustrati, ma nella mia esperienza suscitano sottocorrenti molto primordiali, alcune delle quali riguardano direttamente i conflitti sessuali, aggressivi o di attaccamento. Per dirla in breve: queste correnti sotterranee colpiscono me e altri che le osservano come enfaticamente esistenziali in natura, non solo per turbolenze sessuali o attaccamenti alle figure genitoriali, ma paure e desideri verso l'incontrollabilità dell'esistenza stessa. Ad esempio, dietro la paura (e talvolta l'attrazione) dell'aggressività può esserci un'ansia ancora più profonda di disordine imminente, incontrollabilità e, infine, caos. O sotto il terrore della svalutazione dei genitori può essere la sfida più spinosa del proprio significato nell'esistenza.

Questi erano precisamente i punti di ormeggio che ho affrontato con Janice in un pomeriggio fatale circa 6 mesi dopo il nostro incontro iniziale. Janice era sull'orlo di una svolta, e lo sapevamo entrambi. Ma ha anche affrontato grandi paure e la necessità di venire a patti con quelle paure. Su questa base, ho invitato Janice a chiudere semplicemente gli occhi e diventare consapevole del suo respiro. Mentre sembrava pronta, l'ho quindi invitata a prendere coscienza di eventuali aree di tensione che ha vissuto nel suo corpo – qualsiasi area che si sentisse stretta o bloccata, e che fosse disposta a descrivere. Cominciò identificando una tensione nella zona del collo, che si allentò mentre lei rimaneva presente. Poi cominciò a percepire l'immagine di una piccola bambina intrappolata in un pozzo. Non riusciva a identificare dove fosse questo pozzo, o come fosse arrivato lì, ma era chiaro che non si sentiva insondabile senza una fine in vista. Mentre continuavo a invitarla a rimanere presente a questo pozzo, cominciò a sentire il terrore della ragazza. "È come se stesse affondando", mi ha detto Janice, "e non sa dove sta andando." Gentilmente l'ho supportata per continuare con l'esperienza, mentre allo stesso tempo la rassicuravo sul fatto che se avesse dovuto fermarsi, avrebbe potuto fare così in qualsiasi momento. Ha scelto di procedere.

Verso la metà della nostra sessione, Janice notò che la bambina stava svanendo, mentre l'oscurità intorno a lei cresceva. A volte, la bambina si sforzava di aprirsi e sbirciare dall'oscurità, ma invariabilmente affondava di nuovo dentro. A questo punto Janice disse molto poco della sua relazione con la bambina, ma mentre lei "rimaneva con" lei, il suo senso di connessione crebbe. All'improvviso, Janice fu presa dal panico. Non riusciva più a trovare la bambina!
Eppure proprio in quel momento, le lacrime sgorgarono dagli occhi di Janice. Le ho chiesto cosa le ha provocato le lacrime e dopo un lungo silenzio mi ha sussurrato: "Ho raggiunto l'oscurità per toccarla, e ha raggiunto l'oscurità per toccarmi".

Con questa immagine semplice ma profonda, Janice ha iniziato una notevole auto-trasformazione. Passò da una posizione di abietto terrore a uno di meraviglia per uno di amore. Abbracciando la bambina, Janice nello stesso tempo abbracciò il vuoto in cui la bambina (così come Janice adulta) aveva languito per molti anni; e ora trovava conforto lì, e una possibilità di auto-rinnovamento.

Non dirò che questo momento ha completamente cambiato la vita di Janice, ma ha fatto un lungo cammino per liberarla e alleviare il suo panico. Sebbene le specificità della vita di Janice – per esempio, il suo impiego a lungo termine e il suo coinvolgimento con la sua famiglia – siano essenzialmente rimaste le stesse, ciò che ha apportato a quelle specifiche è cambiato drasticamente. Ora aveva una maggiore capacità di sentire, ad esempio, un'esperienza approfondita del momento e un più ampio apprezzamento delle possibilità della vita. Alla fine, Janice ha imparato molto più delle capacità di assertività, o la capacità di pensare in modo più "razionale". Ha scoperto come essere presente alla sua vita; e questa presenza le ha permesso di sperimentare più pienamente la sua vita.

Coda
Oggi gli psicologi possono parlare fino a diventare blu di fronte alle formule pat e ai trattamenti programmatici. Possono citare, ad esempio, squilibri chimici nel cervello o la mancanza di capacità di regolare le emozioni, o l'irrazionalità dei pensieri condizionati come basi per i nostri disturbi. Tuttavia, fino a quando gli psicologi non prenderanno in considerazione il problema fondamentale che alimenta tutte queste condizioni secondarie – la nostra precarietà come creature – opereranno a un livello molto restrittivo. Il lavoro che ho fatto con Janice aveva elementi di questo livello molto restrittivo, e questo era un lavoro importante da realizzare. Tuttavia, la domanda deve essere continuamente sollevata, sta aiutando una persona a cambiare abbastanza i modelli di comportamento ea ricondizionare i pensieri abbastanza? O lo dobbiamo a quella persona per rendere disponibile a lui o lei una dimensione più profonda di auto-esplorazione? Lo dobbiamo a quella persona per consentirgli di scoprire ciò che conta veramente della sua vita, ovunque ciò possa portare? Credo che Janis risponderebbe affermativamente a quella domanda, come farei io e molti altri che ho conosciuto durante i miei 30 anni di carriera clinica. In una recente recensione del mio libro su "Psicoterapia integrativa esistenziale", il principale ricercatore di psicoterapia Bruce Wampold ha offerto una coraggiosa congettura. "Potrebbe essere", scrisse, "che una comprensione dei principi della terapia esistenziale sia necessaria a tutti i terapeuti, poiché aggiunge una prospettiva che potrebbe … costituire la base per tutti i trattamenti efficaci" (PsycCritiques, 2008). Non è il momento di prendere sul serio tali proposizioni? O dobbiamo continuare a sacrificare la profondità per la convenienza in psicoterapia; la vita trasformata per l'alterazione della routine?

* Nota: il caso di Janice è un composito tratto dalla mia pratica e non riflettente di alcun singolo cliente.

Copyright 2010 di Kirk J. Schneider, Ph.D.

Non per la ripubblicazione senza l'espresso consenso scritto dell'autore.

Solutions Collecting From Web of "Il caso della psicoterapia esistenziale"