Il caffè come antidepressivo: i suoi pro e contro

In America, consumiamo oltre 400 milioni di tazze di caffè al giorno. Vi siete mai chiesti perché così tanti di noi fanno una linea così lussuriosa per la nostra caffeina? Potrebbe essere la gran quantità di antiossidanti che contiene? O che la scienza ha rivelato i suoi benefici per la salute, compreso il rischio ridotto di diabete, morbo di Parkinson, calcoli biliari e cancro del colon? Non credo che anche queste virtù indiscutibili siano ciò che rende il caffè il momento clou della tua giornata. Allora cosa fa? L'umore e gli effetti di potenziamento energetico della caffeina.

La caffeina stimola il sistema nervoso centrale e agisce come un antidepressivo elevando la serotonina e la dopamina – è stato anche dimostrato negli archivi di medicina interna per abbassare i tassi di suicidio. Alcuni sperimentano il miglioramento dell'umore più di altri. Inconsapevolmente, molte persone si auto-meditano la depressione con la caffeina. Come sapere se stai facendo questo contro solo ottenendo un utile pick-up? Alcuni suggerimenti:

Consumate più di quattro bevande contenenti caffeina al giorno, compresi tè e bibite dietetiche. Oppure continui ad aumentare l'assunzione di caffeina per sentirti meno depresso, ma sta perdendo la sua efficacia. Sono tutto per sfruttare al massimo i benefici terapeutici del caffè per placare la depressione di basso livello, ma a volte potresti aver bisogno di altri approcci quando questa emozione persiste ancora.

Per scoprire se sei auto-meditando la depressione, puoi interrompere l'assunzione di caffeina. Dopo un mese (la maggior parte dei sintomi da astinenza, che includono mal di testa e stanchezza, saranno finiti), noterai se sei notevolmente più depressa senza caffeina, non sempre un facile esperimento. Se dovessi scoprire che ti stai auto-meditando, considera anche le numerose terapie che discuto nel mio ultimo libro per aumentare il caffè o per sostituirlo.

Tuttavia, depressioni lievi possono rispondere bene semplicemente bevendo fino a tre tazze al giorno. (Provare a distanziarli, la caffeina rimane nel sistema da quattro a sei ore). Più di questo aumenta gli effetti collaterali e aumenta le probabilità di tolleranza e dipendenza: si consumano maggiori quantità ma non si ottiene l'ascensore. Considera sempre i vantaggi e gli svantaggi della caffeina. Ridurre l'assunzione se si hanno insonnia, bruciore di stomaco, palpitazioni, mal di testa o nervosismo. Inoltre, se sei in trattamento per malattie cardiache, ipertensione, problemi gastrointestinali o altre malattie croniche, consulta il tuo medico prima di assumere caffeina in qualsiasi forma.

Judith Orloff MD è l'autore del bestseller Second Sight: uno psichiatra intuitivo racconta la sua storia e ti mostra come toccare la tua personale saggezza interiore ( Three Rivers Press, 2010), su cui si basa questo articolo. Uno psichiatra della UCLA, il Dr. Orloff sintetizza le perle della medicina tradizionale con una conoscenza all'avanguardia dell'intuizione, dell'energia sottile e della spiritualità. Per il programma del workshop di Judith, articoli gratuiti, video e altra fonte di ispirazione visita www.drjudithorloff.com

Solutions Collecting From Web of "Il caffè come antidepressivo: i suoi pro e contro"