Il Black Friday Stampedes Sacred?

Odio fare shopping. Forse il mio odio è politico, basato su una profonda convinzione che dobbiamo smettere di consumare così tante cose o renderemo la terra inabitabile nel prossimo futuro. Forse è personale, basato su una varietà di psicodrammi infantili che mi ha lasciato profondamente indifferente sul consumo. Non c'è dubbio che il mio odio per lo shopping aiuta a spiegare il mio fascino piuttosto perverso con la fuga precipitosa del Black Friday. Guardo le raccolte di video di acquirenti che si azzuffano su televisori, spingono le donne incinte a terra per entrare in un negozio, e persino minacciano di colpire qualcuno se non lasciano andare l'importantissimo pezzo di spazzatura nella scatola. Recentemente ho persino iniziato a guardare il contatore del decesso e dell'infortunio del Black Friday con un certo senso di orrore e sgomento.

Un amico scherza sul fatto che questi fuggiaschi mostrano la natura sacra della stagione di Natale. Rido, ma in fondo mi chiedo se ha ragione? Queste persone spingono e spingono e combattono per pezzi di plastica inutile in scatole di cartone o c'è qualcosa di più profondo, più spirituale in gioco qui? Dopotutto, il capitalismo dei consumi è sempre stato basato sull'idea religiosa di una "vita migliore". Questo è anche il messaggio di qualsiasi religione, anche se la vita migliore viene ritardata fino alla vita ultraterrena. Compra questo dio, segui queste regole, trova l'illuminazione. Allo stesso modo, il capitalismo dei consumi ci seduce con la sua chiamata alle sirene per un domani migliore. Acquista questo prodotto e trova felicità e benessere è il messaggio dietro ogni scatola di dentifricio e ogni X-box. E alcuni prodotti di consumo sono sempre stati considerati non semplici prodotti, ma speciali oggetti fetish che sono la porta di accesso a un futuro più perfetto e più celestiale. Pensa agli abiti da sposa o agli anelli di fidanzamento, prodotti il ​​cui costo non è basato sul loro valore reale, ma sul loro peso simbolico.

I regali per le feste, come gli anelli di fidanzamento, hanno un peso simbolico. Rappresentano il nostro amore per la nostra famiglia e i nostri amici. C'è qualcosa di sacro in quella sciarpa che scegliamo su uno scaffale mentre immaginiamo la faccia di nostra zia quando la apre. Dimentica il fatto che ci sono altre 10.000 sciarpe come quelle che vengono vendute in quella particolare catena di negozi in tutto il paese: quella sciarpa, quella su cui hai messo le mani e che sapevi di essere quella giusta, vibra letteralmente con il sacro potere di amore espresso attraverso il consumo.

Il capitalismo dei consumi ha sempre operato sull'emozione. Non è solo che preda i nostri sentimenti; produce quei sentimenti in primo luogo. La stagione natalizia abbonda con una varietà di prodotti culturali, dalla pubblicità ai film, al flusso infinito di canzoni convogliate direttamente nel nostro cervello, tutte cose che ci insegnano cos'è la famiglia, quanto è importante quella famiglia, quali emozioni sono prodotte nella famiglia e come esprimere correttamente questa emozione.

E così ora abbiamo produzioni culturali che producono ora solo i soliti sentimenti di vacanza dell'amore familiare e del bisogno di consumare, ma una certa isteria sul Black Friday e la necessità di consumare in ambienti altamente competitivi e persino brutali se ci preoccupiamo veramente delle nostre famiglie . Questo per Target, in cui le porte si aprono alle 4 del mattino, mostra una donna piuttosto spietata e tuttavia ideale che dà consigli su come superare in astuzia gli altri acquirenti. E questo per Kohls, che apre a mezzanotte, mostra Rebecca Black che canta "It's Black Friday, Black Friday …" piuttosto che la sua canzone originale, una sensazione di internet come la canzone più fastidiosa di sempre, "Venerdì, Venerdì." Black parla di standing in linea dal giorno prima. Dopotutto, se riusciamo a ottenere più cose in meno, allora dobbiamo amare le nostre famiglie ancor più che la persona timida ad affrontare anche una fuga precipitosa del Venerdì nero.

Fino a quando non creeremo un diverso set di script culturali, script che ci insegnano ad esprimere amore senza roba, possiamo aspettarci che il conte della morte del Black Friday aumenti. Questi timbri possono essere di natura spirituale, ma la loro espressione è deprimamente profana.

Solutions Collecting From Web of "Il Black Friday Stampedes Sacred?"