Il balsamo lenitivo della musica

Nota: questo non è un post politico, solo uno ispirato dalle mie reazioni personali ai recenti eventi politici.

Image via istockphoto.com
Fonte: immagine via istockphoto.com

Ho finalmente pianto per la perdita di Hillary Clinton domenica scorsa, guardando Kate McKinnon (nei panni di Clinton) cantare ossessivamente l'alleluia di Leonard Cohen su SNL. Sebbene ci fossero probabilmente più fattori coinvolti in questa liberazione emotiva – stanchezza dal viaggio, incredulità rispetto ai recenti eventi politici, un delirio fisico ed emotivo dopo una conferenza professionale di una settimana – quello che alla fine mi ha fatto superare e ha permesso alle lacrime di venire la musica stessa. La vulnerabilità e la forza della voce di McKinnon, la bella semplicità della melodia e la progressione armonica, i testi adattati. È stata la musica che mi ha permesso di sentire la prima fitta di tristezza nei recenti eventi politici.

Più tardi nel corso della giornata, un video musicale è apparso sul mio feed di Facebook pubblicato da un gruppo di cappella co-ed, i Nor'easters, in cui cantano come (nelle loro parole) una forma di unità attraverso la confusione successiva alle elezioni del 2016. Questa musica era diversa da "Alleluia" di McKinnon – più armoniosa e risonante, più sul trovare forza, sentimento più potente.

Tuttavia, ciò che era comune in entrambi i casi era il ruolo giocato dalla musica. Questi artisti hanno usato la canzone come un modo per esprimere un sentimento e un sentimento (uno che potrebbe essere difficile da tradurre in parole) ed esprimerlo in un modo che risuonava con gli altri.

Questi scopi della musica non sono esclusivi delle esperienze post-elettorali. In realtà, parlano a motivi comuni per cui ascoltiamo o facciamo musica, come un modo per sentire, esprimere un sentimento e condividere un legame con gli altri. Questo non significa necessariamente che usiamo la musica per farci sentire più felici (ricorda, ho pianto ascoltando McKinnon cantare, ed ero tutt'altro che felice). Anche se la musica può dare un senso di piacere – un'esperienza supportata dalla ricerca neuroscientifica (vedi Levitin, 2013 per una revisione) – la regolazione dell'umore indotta dalla musica può anche essere usata per aiutarci a provare dolore o tristezza. In effetti, alcuni scrittori sostengono che c'è una ricompensa associata all'esperienza della tristezza mentre si ascolta o si fa musica. Può aiutarci a capire meglio questi sentimenti, facilitare l'espressione dei sentimenti (come quando piango) o aiutarci a comunicarli (Koelsch, 2013).

Nello spirito di sfruttare il potenziale emotivo della musica, ti offro 9 modi per collegarti alle emozioni dentro di te attraverso la musica:

  1. Ascolta la musica che ti fa piangere.
  2. Premi "Riproduci" e ascolta una delle tue canzoni preferite standard.
  3. Organizza una festa da ballo nel tuo salotto (anche se stai ballando).
  4. Vai fuori. Fai una passeggiata e ascolta la natura.
  5. Google è un artista o una band preferita, quindi riproduce un video musicale di una loro canzone.
  6. Ascolta un intero album dall'inizio alla fine.
  7. Ascolta la musica che ti fa sorridere.
  8. Sedetevi sulla vostra sedia, chiudete gli occhi e inspirate ed espirate ad un ritmo costante per diversi minuti.
  9. Prenditi 10 minuti e riproduci una canzone della tua infanzia (su pianoforte, chitarra, voce … a tua scelta).

Seguimi su Twitter @KimberlySMoore per aggiornamenti quotidiani sulle ultime ricerche e articoli relativi alla musica, alla musicoterapia, alla musica e al cervello. Vi invito anche a visitare il mio sito web, www.MusicTherapyMaven.com, per ulteriori informazioni, risorse e strategie.

Solutions Collecting From Web of "Il balsamo lenitivo della musica"