Identità personale delle vittime rapite in seguito al salvataggio: Jaycee Dugard

Nel mio primo post voglio dimostrare che Jaycee Dugard realizzerà un adattamento sorprendentemente positivo alla vita dopo i suoi 18 anni di vita da vittima rapita. Altre previsioni nei media sono state terribili. Poiché le informazioni sono scarse e solo il tempo dirà, queste previsioni sono tutte speculative. Qui voglio semplicemente guardare alcuni di questi strani casi.

L'improvvisa scoperta della vittima rapita Jaycee Dugard, che viveva come membro della famiglia di Phillip Garrido, è stata evidenziata nei resoconti dei media come un meraviglioso passo avanti in un caso che aveva sconcertato la polizia per quasi due decenni. Poi le domande iniziarono a salire: da quanto tempo Jaycee viveva in relativa libertà? E perché non ha fatto nessuno sforzo per fuggire?

Per molti di noi, le nostre menti sono tornate indietro nel 2007. Le notizie di gennaio di quell'anno riguardavano la ricerca di un ragazzino di 13 anni scomparso. Questa ricerca ha portato la polizia a casa del suo sospetto rapitore, Michael Devlin. Lì hanno trovato non una, ma due, vittime del rapimento. Shawn Hornbeck era stato rapito mentre cavalcava la sua bicicletta quattro anni prima. Il quindicenne Hornbeck era noto ai vicini e agli amici. La storia, come si vede dalle reti televisive, ha lasciato gli americani sbalorditi. Qui c'era un ragazzo che aveva navigato su Internet, possedeva un cellulare, cavalcava una bicicletta e persino chiamato la polizia per riferire che una bicicletta precedente era stata rubata. Qui c'era un ragazzo che aveva aiutato nella cattura di un secondo ragazzo più giovane. Qui c'era una vittima di rapimento che aveva tutte le possibilità di fuggire, ma che non era riuscita a farlo.

E poi abbiamo dovuto pensare alla giovane Elizabeth Smart, scoperta da un vigile di polizia in allerta mentre sedeva in una strada con i suoi rapitori. All'inizio, Elizabeth ha negato chi fosse veramente. Per quelli di noi che sono più grandi, le nostre menti potrebbero aver avuto dei flashback negli anni '70 quando l'ex vittima di rapimento Patty Hearst fu trovata dalla polizia impegnata in rapine con la banda che l'aveva rapita. Patty ha dimostrato di essere stata completamente indottrinata nel culto del gruppo.

Non solo negli Stati Uniti, ma anche in Austria sono stati segnalati strani fenomeni psicologici come il legame con i rapitori. Nel 2006, la copertura mediatica in Austria è stata dedicata al caso di Natascha Kampusch, scomparsa all'età di 10 anni. Custodita in una cella sotterranea e probabilmente abusata sessualmente per otto anni, Natascha è riuscita a sfuggire all'uomo che è stata costretta a chiamare " maestro "quando le è stato affidato il compito di lavare la sua macchina. Quando la polizia è andata ad arrestare il suo rapitore, si è gettato di fronte a un treno di pendolari fino alla sua morte. Appena saputo ciò, Kampusch pianse inconsciamente. Ha avuto una breve riunione con la sua famiglia, ma ha scelto di non vederli da allora.

Gli psicologi della polizia hanno suggerito che Kampusch potrebbe aver sofferto della cosiddetta "Sindrome di Stoccolma" un termine che si riferisce a una situazione di ostaggio in Svezia in cui gli individui sequestrati si sono legati ai loro rapitori a tal punto che hanno anche testimoniato a loro nome in successivi procedimenti giudiziari. Oggi, questo termine viene spesso usato come spiegazione del motivo per cui le persone esposte a gentilezza intermittente dal rapitore, la gentilezza provata nel contesto di una situazione di vita o di morte, diventano emotivamente dipendenti dal rapitore.

È interessante notare che questi sopravvissuti al rapimento hanno ripreso brevemente le loro identità originali al loro ritorno alle loro famiglie della società. Questo fatto è indicativo della realtà psicologica che la mente può aiutarci a sopravvivere, fisicamente e mentalmente, permettendoci di identificarci con qualcuno che ci tiene in una situazione di vita o di morte, e che ci può essere un effetto ritardato nel riportarci a normale quando la possibilità di sfuggire si presenta.

Katherine van Wormer
Professore di lavoro sociale
Università dell'Iowa settentrionale
Co-autore di Death of Domestic Violence: Prevenire gli omicidi e gli omicidi suicidi, 2009

Solutions Collecting From Web of "Identità personale delle vittime rapite in seguito al salvataggio: Jaycee Dugard"