Identificare i Basic Building Blocks of Intelligence

Potremmo aver identificato i blocchi elementari di base dell'intelligence?

Molte ricerche hanno ora dimostrato che i livelli di intelligenza sono malleabili e questo è trattato in questo blog (bootcamp IQ) e altrove. È diventato anche il richiamo della tromba di quasi tutte le società di formazione del cervello e della formazione del cervello su Internet, quindi non è un'idea innovativa in questa fase, anche se rimane controversa.

Quello che è meno noto è che i ricercatori comportamentali hanno colpito ciò che credono essere i mattoni fondamentali dell'intelligenza. Si tratta di un insieme di abilità, note come abilità relazionali (o abilità relazionali in breve), che sembrano funzionare come precursori comportamentali per una vasta gamma di abilità intellettuali. Mentre il software di allenamento del cervello mira a stimolare le connessioni neurali in posizioni chiave associate all'attività intellettuale, un approccio di formazione delle abilità relazionali semplicemente decostruisce l'attività intellettuale nelle sue abilità di componente – e allena invece quelli.

Gli analisti comportamentali hanno elaborato un metodo per la formazione delle abilità relazionali – chiamato Multiple Exemplar Training (MET), che sono diventati piuttosto eccitati negli ultimi anni. MET è stato utilizzato per stabilire e migliorare repertori complessi di abilità matematiche e abilità di lettura di base nei bambini. Forse più emozionante, è sempre più considerato un metodo praticabile per l'addestramento ad un alto livello di scioltezza, la più importante delle abilità relazionali, e così facendo sembra fornire un modo promettente per elevare l'intero livello di abilità intellettuale mostrato da un bambino (cioè, la maggior parte o tutte quelle abilità misurate su test standard di QI).

Se questo sembra troppo bello per essere vero, potrebbe essere interessante notare che proprio perché l'analista del comportamento è stato piuttosto disinteressato al QI come un costrutto ipotetico, è diventato relativamente poco noto che per decenni ci sono state relazioni pubblicate di grandi e permanenti Guadagno di QI nei bambini sottoposti a interventi di Analisi del comportamento applicato (ABA) per difficoltà intellettuali. Questi aumenti nel funzionamento intellettuale generale sono nani di qualsiasi cosa accennata (ma non promessa in modo cruciale) dal recente eccesso di aziende di formazione cerebrale che sembrano essersi materializzate dal nulla negli ultimi anni. Ad esempio, il defunto pioniere delle terapie per l'autismo O. Ivar Lovaas (1987) ha riportato che il QI guadagna fino a 30 punti (circa due deviazioni standard) seguendo un programma ABA di tre anni per bambini autistici, e molti altri studi in quella tradizione hanno avuto effetti simili.

Cos'è un'abilità relazionale?

L'attuale ricerca comportamentale nel campo della Relational Frame Theory (Hayes, Barnes-Holmes & Roche, 2001) ha dimostrato che la comprensione delle relazioni (o "concetti" se aiuta il lettore), come "più di", "meno di", "Opposto", "stesso", "prima", "dopo", "qui-là" sono cruciali per il nostro sviluppo intellettuale. Come esempio di un'abilità relazionale astratta che i bambini devono acquisire, considera come funzionano i soldi. Il valore di una moneta non è correlato alla sua dimensione fisica. La dimensione di una moneta può essere determinata semplicemente guardandola o sentendola. È esistente e non arbitrario (lasciando da parte per ora, dibattiti sulla differenza tra sensazione e percezione). Il punto importante è che il valore di una moneta non è una proprietà fisica della moneta e non è discernibile dall'interazione diretta con essa. Il valore delle monete è una proprietà relazionale astratta e il suo utilizzo richiede una conoscenza di base di alcuni concetti algebrici, che è proprio il motivo per cui molti bambini non possono usare denaro. Le abilità relazionali dei bambini non sono sufficientemente elaborate per consentire loro di gestire relazioni astratte e arbitrarie tra simboli, come le monete.

Genitori e tutori insegnano involontariamente ai bambini concetti relazionali come la "somiglianza" nella normale interazione linguistica. Questo non è semplicemente per dire che i genitori insegnano ai bambini come usare le parole. Il problema critico qui è che i genitori insegnano ai bambini un concetto un po 'elaborato quando insegnano ai bambini a usare bene la parola "stesso". Per essere più precisi, un genitore non solo insegnerà a un bambino una sola parola per un televisore, in realtà potrebbero usarne due. In un'occasione possono riferirsi ad esso come "TV" e su un altro come "la scatola". Il bambino dovrà essere esplicitamente detto nei primi anni in cui queste informazioni sono state fornite, "TV" e "scatola" si riferiscono allo stesso cosa. Qualsiasi confusione mostrata dal bambino è soddisfatta con la garanzia del genitore che, ogni volta che più parole vengono usate per la stessa cosa, quelle parole hanno lo stesso significato l'una dell'altra. Questo è solo un modo in cui un bambino impara a capire cosa significa "lo stesso" e come le "stesse" relazioni possono essere derivate attraverso più parole e oggetti in modi logici. Questa è un'abilità richiesta per l'espansione del vocabolario, tra le altre cose. Se non fosse per questa abilità, ogni singola parola del vocabolario del bambino dovrebbe essere insegnata individualmente e correlata l'una all'altra singolarmente (cioè miliardi di singoli compiti di apprendimento).

Non è solo un ragionamento sillogistico?

Le abilità relazionali non devono essere confuse con il semplice ragionamento sillogistico. In realtà, non solo non sono equivalenti, ma dal nostro punto di vista, è l'abilità relazionale che consente il ragionamento sillogistico e non viceversa (il ragionamento stesso deve essere insegnato attraverso più esemplari). In ogni caso, anche quelle abilità relazionali che sono molto simili al ragionamento sillogistico possono essere insegnate a livelli di complessità e fluidità non raggiunti da normali esperienze educative o culturali.

Il termine corretto per riferirsi al ragionamento sillogistico, come insegniamo, è "l'equivalenza dello stimolo", che è un concetto matematico che estende la gamma di condizioni che devono essere soddisfatte al di là della semplice derivazione tra il primo e il terzo termine. Specificamente, in un sillogismo; Se A = B e B = C, può derivare che A = C. Ma nell'equivalenza degli stimoli è anche necessario dimostrare che l'individuo può derivare che B = A, C = B (simmetria), A = C (transitività). Di solito facciamo un passo avanti e insegniamo ai bambini a derivare quella C = A (simmetria e transitività combinate).

Inoltre, la Relational Frame Theory studia nuove unità comportamentali mai studiate dagli antichi greci quando hanno discusso i sillogismi. Ad esempio, la relazione di "oppostezza" è cruciale in matematica, per comprendere concetti come numeri negativi. La comprensione non viene prima – l'unità comportamentale lo fa. Una volta che l'individuo impara a rispondere a C come lo stesso A opposto a B e B opposto a C come condizioni, è in grado di derivare le stesse relazioni da altre forme topograficamente variabili di relazioni opposte combinate. Dozzine di studi pubblicati mostrano come la parola opposta acquisisca le sue funzioni di controllo contestuale rispetto alle altre parole dell'argomento, quindi questa non è una tautologia. Comprendiamo da zero come i termini relazionali acquisiscono le loro prime funzioni strette e incerte (cioè i significati) e anche come questo elabora nel tempo ed esempi del suo uso.

Diventa ancora più complesso. Per esempio, l'opposto di un opposto di un opposto è in realtà una relazione opposta, non una stessa relazione, come inizialmente pensano molti adulti. E ci sono più relazioni che abbiamo identificato come importanti per altre abilità intellettuali, come quelle temporali: Se A è prima di B allora B è in realtà dopo A (la relazione non è simmetrica). Gerarchici: se A è un tipo di B il B non è un tipo di A. Deittico: Se fossi in te e tu fossi in me, allora saresti qui e sarei lì (questo è cruciale per il ragionamento spaziale e la prospettiva prendendo, soprattutto nelle popolazioni autistiche).

L'addestramento delle abilità relazionali non è un "trucco" o una scorciatoia

Non esiste un "trucco" per l'addestramento delle competenze relazionali. Non è stato sviluppato per aumentare il QI. È semplicemente un metodo di insegnamento diretto per indirizzare precisamente quelle abilità fondamentali da cui dipende l'attività intellettuale. Quando usiamo questo metodo di formazione delle abilità intellettuali non stiamo cercando di migliorare tangenzialmente le capacità intellettuali rispetto ad altri processi (per esempio la neurogenesi, sebbene gli analisti comportamentali abbiano ora studiato i correlati neurali dell'attività relazionale). Stiamo prendendo di mira il repertorio di abilità relazionali dove è più carente.

Diversi studi pubblicati nel Journal of Applied Behaviour Analysis e nel Journal of Experimental Analysis of Behavior confermano che i bambini hanno bisogno di essere insegnati abilità relazionali e che probabilmente non emergeranno senza i giusti tipi di interazioni sociali. Nel complesso non facciamo un grande lavoro nel creare queste abilità nei bambini, ed è per questo che così tanti adulti, se glielo chiedi (come il tuo prossimo pezzo di festa nerd), pensa che l'opposto di un opposto sia l'opposto! Come può un genitore che pensa questo, insegnare bene i concetti relazionali. E perché il bambino non corregge il genitore usando l'intuizione da solo se la risposta a questo poser è evidente e intrisa di cognizioni umane? La risposta è perché non è affatto ovvia – è convenzionale. Le regole del ragionamento logico sono state inventate, non scoperte – e devono essere insegnate e insegnate bene.

Un sacco di studi ci hanno aiutato a triangolare sulla conclusione che le abilità relazionali sono alla base dell'intelligenza e che i due hanno dimostrato di correlare bene (vedi per esempio la ricerca del dott. Denis O'Hora dell'Università Nazionale d'Irlanda, Galway).

La derivazione delle relazioni è il linguaggio stesso

L'equivalenza dello stimolo emergente è ora considerata così completamente sinonimo di acquisizione del linguaggio, che i teoremi relazionali di riferimento si riferiscono all'effetto di equivalenza dello stimolo come un "processo verbale". Le relazioni derivative sono il linguaggio stesso e non è mai stato mostrato in modo soddisfacente negli animali anche se molti hanno provato con ratti, leoni marini, scimpanzé e pappagalli.

La formazione relazionale delle abilità è stata dimostrata nella ricerca pubblicata per influire sui punteggi delle capacità intellettuali (misurati usando il WISC) e nella ricerca indipendente sulle abilità relazionali hanno dimostrato che la nostra capacità di comprendere relazioni astratte corrisponde a punteggi su test standard di QI (ad esempio, WAIS e Kaufman breve test di intelligenza). Un documento di ricerca pubblicato (Cassidy, Roche & Hayes, 2011) descriveva come una gamma di bambini diversi (quattro normalmente in via di sviluppo e otto con difficoltà educativa) ricevevano un metodo di formazione delle competenze relazionali completamente automatizzato su un computer in sessioni da due a settimanali della durata di circa 90 minuti in diversi mesi. I test QI (WISC III) sono stati somministrati prima della formazione relazionale e diverse settimane dopo il completamento della formazione. All'inizio dello studio, i quattro bambini normali avevano un QI medio di 105 (compreso tra 96-119). Questo è tipico dei bambini normalmente in via di sviluppo. Ciononostante, questo QI medio è stato portato a oltre 130, che è chiamato alto funzionamento o eccezionale. I bambini in questa fascia intellettuale sono spesso indicati come dotati . Il quoziente intellettivo più basso tra gli studenti normalmente in sviluppo a seguito dell'intervento era di 128 e il più alto era di 137. Ciò significa che l'abilità intellettuale di questi bambini è stata spostata da un intervallo medio a un massimo del 2% della popolazione. Altri quattro bambini in via di sviluppo in genere con QI di intervallo medio sono stati monitorati per tutto il periodo dello studio, ma non hanno ricevuto la formazione. Il loro QI non ha mostrato cambiamenti nel periodo di intervento, come previsto.

Otto bambini con difficoltà scolastiche hanno iniziato il programma con un QI medio di 82 (utilizzando il WISC IV), ben al di sotto del punteggio medio di circa 100. A seguito dell'intervento, questi QI sono stati spostati in media a 96, ben all'interno dell'intervallo medio del QI. Mentre tutti i QI sono migliorati, tre sono rimasti al di sotto della media. Altri tre bambini avevano il loro QI spostato nell'intervallo medio, mentre due avevano il loro QI elevato a intervalli medi elevati. Questi QI sollevati sono stati mantenuti quattro anni dopo il processo (vedi Roche, Cassidy e Stewart, 2013).

Quindi potrebbe essere che la Relational Frame Theory abbia identificato alcune unità comportamentali di base che costituiscono gli elementi costitutivi dell'intelligenza? Temo che a molti lettori venga risposto con un "no" automatico. Ho presentato queste scoperte a un numero sufficiente di conferenze per sapere come pensano gli psicologi fuori dalla psicologia comportamentale! Di solito la resistenza ha qualcosa a che fare con la lealtà all'Intelligenza come costrutto e la sua completa reificazione da parte della psicologia dominante. Se, tuttavia, si può nutrire l'idea che l'intelligenza è solo una misura della fluidità di un insieme di abilità, che sia limitata dalla biologia o meno, si può iniziare a capire la semplice logica del chiedere "Qual è il set di abilità, e possiamo insegnarlo? "Una volta fatta questa mossa, sei sulla buona strada per pensare come un analista del comportamento, e la sacralità dell'intelligenza come tratto stabile comincia a sgretolarsi. In sostanza, la domanda diventa, non "Possiamo veramente insegnare a una persona a comportarsi in modo più intelligente?", Ma "Come possiamo insegnare loro meglio?"

Solutions Collecting From Web of "Identificare i Basic Building Blocks of Intelligence"