Idee diverse su come rendere migliore l'amministratore delegato di domani

Il Dr. Dan Ariely ha scritto ieri un post molto interessante sull'educazione aziendale, sul suo valore e su come propone di aumentarne il valore e l'utilità. Mi piace soprattutto l'epigrafe di Derek Bok.

David Brooks ha pubblicato un'interessante rubrica sul New York Times di oggi sulle qualità che rendono un buon CEO le sue conclusioni, tuttavia, erano diverse da quelle del dott. Ariely. Ha scritto, basandosi sulla sua recensione di alcune pubblicazioni, che:

"Questi tipi di tratti ostinati ma diffidenti [che rendono i migliori amministratori delegati, secondo Brooks-DR] non sono correlati bene con i livelli di istruzione. I CEO con laurea in legge o MBA non ottengono risultati migliori rispetto ai titoli di studio del Ceo. Questi tratti non sono correlati ai pacchetti salariali o di compensazione. Né sono correlati con la fama e il riconoscimento. Al contrario, uno studio di Ulrike Malmendier e Geoffrey Tate ha rilevato che i CEO diventano meno efficaci man mano che diventano più famosi e ricevono più premi ".

Questo è certamente uno spunto di riflessione. Potrebbe essere, come suggerisce il dott. Ariely, perché l'educazione imprenditoriale è obsoleta e inadatta alle complessità di gestire un'impresa di successo nel ventunesimo secolo. Può anche essere perché il successo nel farlo è basato su caratteristiche intrinseche che alla fine si rivelano più importanti di influenze esterne come i programmi MBA, natura contro educazione, se volete. La risposta è probabilmente un insieme di questi e altri motivi. Qualunque cosa sia, sembra chiaro, alla luce del disfacimento di cui tutti abbiamo assistito nell'ultimo anno, che qualcosa deve cambiare.

Solutions Collecting From Web of "Idee diverse su come rendere migliore l'amministratore delegato di domani"