Idealizzazione e disprezzo

L'idealizzazione è la normale esperienza di un bambino che mette i suoi genitori e se stesso su un piedistallo. "Mia madre è la migliore cuoca di tutto il mondo," O "Sono il miglior giocatore di dama di sempre – nessuno può battermi".

Juan Galafa/ Unsplash
Fonte: Juan Galafa / Unsplash

È anche una parte comune dell'adolescenza quando l'idealizzazione di una persona diversa dai genitori è parte del processo di separazione e di solito si trasforma nell'età adulta in una visione più realistica e integrata di sé e degli altri.

Tuttavia, quando l'idealizzazione continua nell'età adulta e attraverso la mezza età, è spesso parte di un ciclo in cui è seguita dalla svalutazione. Questo ciclo caratterizza molti disturbi della personalità, ad esempio borderline, sociopatici e narcisisti.

Alla base del ciclo di idealizzazione / svalutazione c'è la "divisione": il mondo è diviso in buono e cattivo. Dal lato positivo, c'è l'idealizzazione: le qualità positive esagerate sono attribuite a se stessi o agli altri. Ad esempio, "Sarò il più grande presidente del lavoro che Dio abbia mai creato" OPPURE "Costruirò un grande muro e nessuno costruirà muri migliori di me".

Sul lato negativo, le qualità dell'uno o dell'altro sono esagerate, svalutate e degne di disprezzo. Ad esempio, "Se Hillary Clinton fosse un uomo, non credo che otterrebbe il 5 percento dei voti. L'unica cosa che sta andando è la carta della donna, e la cosa bella è che alle donne non piace lei. "

La divisione mantiene gli aspetti positivi e negativi del sé e degli altri separati l'uno dall'altro. La persona non può tollerare di essere un pacchetto misto o chiunque altro lo sia. Mentre tutti noi possiamo dividerci in momenti particolarmente stressanti, per i disturbi di personalità borderline, narcisistici e sociopatici, la scissione è cronica.

Per il narcisista, il bisogno primario è di essere al centro dell'attenzione per sostenere la sua labili autostima. Mentre le persone più sane sono ferite dalla delusione o dalla disillusione, il narcisista si sente completamente destabilizzato da esso. Non può ottenere "di nuovo a cavallo". Incapace di mantenere il suo senso del valore, la personalità narcisistica dipende dagli altri per il sostentamento. Se altre persone rispecchiano il sé autoesprensibile, potrebbero essere idealizzati. Quindi, la gente potrebbe riferire che la loro esperienza di un narcisista era che era affascinante e lusinghiero. Ma il disaccordo o la critica di un'altra persona (anche un terapeuta o un giudice) viene vissuta come un danno narcisistico, come se il sé fosse attaccato. Il narcisista ha bisogno di rassicurazioni costanti sul fatto che sia speciale e che possa sfuggire al controllo e attaccare gli altri in modo velenoso quando si sente poco apprezzato, mancato di rispetto o persino incompreso.

Solutions Collecting From Web of "Idealizzazione e disprezzo"