I vincoli sono una bella cosa: ecco perché

Gregory Ciotti
Fonte: Gregory Ciotti

Guest post di Paul Jun.

Se stavi progettando una macchina da corsa, come faresti? Fallo andare più veloce, lo diresti a te stesso. Basta battere tutti il ​​più velocemente possibile.

Costruire un'auto più veloce è un tipico primo approccio, ma nello sviluppare un'auto per la famosa gara di Le Mans di 24 ore nel 2006, l'ingegnere capo di Audi ha posto una brillante domanda: "Come possiamo vincere Le Mans se la nostra macchina potesse andare non più veloce di chiunque altro? "Se non potesse andare più veloce, come si aspettavano di vincere?

Questa domanda propulsiva ha legato un'audace ambizione con un limite significativo a spingere il team Audi a sviluppare la sua prima auto con tecnologia diesel: la R10 TDI. La risposta è stata l'efficienza del carburante. Facendo meno fermate ai box, l'auto Audi non è andata più veloce, è semplicemente durata più a lungo. La R10 TDI è stata la prima a Le Mans per i prossimi tre anni.

Nel loro libro, A Beautiful Constraint , Adam Morgan e Mark Barden hanno condiviso questo brillante esempio di come i vincoli di Audi hanno sfruttato per fornire un approccio del tutto unico al problema.

Se possono farlo, allora puoi farlo anche tu. Diamo un'occhiata a come far funzionare i vincoli a nostro beneficio.

Come vediamo i vincoli

In A Beautiful Constraint , Morgan e Barden condividono le tre mentalità in cui cadiamo quando si tratta di vincoli:

  1. Vittima: qualcuno che abbassa la sua ambizione di fronte a un vincolo.
  2. Neutralizzatore: qualcuno che si rifiuta di abbassare l'ambizione, ma trova invece un modo diverso di esprimere l'ambizione.
  3. Trasformatore: qualcuno che trova il modo di utilizzare un vincolo come un'opportunità, eventualmente aumentando la propria ambizione lungo la strada.

Passare da una mentalità all'altra richiede consapevolezza di sé: qual è esattamente la narrazione che ti stai raccontando di questo ostacolo davanti a te? Solo dopo aver identificato la storia dominante puoi cambiare la tua mentalità.

Ecco un esempio: un uomo gestisce un panificio locale e l'affitto è aumentato del 20%.

"Sembra che debba pagare di più", avrebbe detto il fornaio con una mentalità da vittima. "Non posso trasferirmi adesso. Il tempo non è giusto. "

Un neutralizzatore è elastico nelle sue ambizioni, ma escogita anche nuove strategie per aggirare il vincolo. "Devo avere questo negozio, ma forse posso anche avviare un sito web per espandere il business e compensare l'aumento dell'affitto."

Un trasformatore sfrutta questa perdita come un'opportunità per ripensare l'attività. "Cosa succede se non ho bisogno di un negozio fisico? Cosa succede se vendo solo online o cosa succede se invio prodotti da forno come servizio in abbonamento? "

Ogni storia che il fornaio racconta a se stesso modella il suo atteggiamento, e il suo comportamento segue. È una profezia che si autoavvera: ciò che crede delle sue opzioni determina ciò che fa e, in definitiva, il risultato che crea.

Ecco alcuni modi per cambiare il modo in cui ti avvicini ai vincoli.

Fai domande propulsive

Di fronte a una particolare limitazione o vincolo, è utile iniziare a chiedere domande propulsive per rimuovere i frame che hai posto intorno al problema. Barden e Morgan espongono:

"Le domande propulsive vincolano un'audace ambizione a un limite significativo. La soluzione deve fare uso del vincolo, negandoci cosa renderebbe la risposta più facile, assicurando che affrontiamo le vere sfide e non indulgere nelle fantasie del cielo blu. Una domanda propulsiva è più potente quando ha specificità, legittimità e autorità. "

Spesso, la struttura delle domande propulsive può essere meglio compresa con il pensiero basato sulle soluzioni.

L'uomo che gestisce la panetteria potrebbe chiedersi quanto segue:

  • Come posso compensare l'aumento del 20% dell'affitto? Posso non essere influenzato dall'aumento dell'affitto se diversifico il menu con gli articoli che i clienti desiderano?
  • Posso migliorare l'esperienza del cliente e far entrare più persone se installo sedie e tavoli all'esterno?
  • Posso rimuovere gli articoli che non sono stati venduti e sfruttare al massimo i miei migliori venditori?

Nessuna di queste è una garanzia, ma fare domande può farti scollare e permetterti di esplorare creativamente le possibilità che esistono.

Trasforma i vincoli personali in opportunità di apprendimento

Mark McMorris è un iconico snowboarder canadese che ha vinto due medaglie d'oro nelle Winter X Games e ha portato a casa una medaglia di bronzo delle Olimpiadi invernali 2014 a Sochi. È stata la prima medaglia del Canada dai giochi.

Penseresti che qualcuno con una tale passione e talento sia nato in cima alla montagna, legato a uno snowboard il giorno in cui è nato. Al contrario, McMorris è nato e cresciuto in terreni agricoli nella provincia di Saskatchewan.

Lui e suo fratello, Craig, "graffiano unghie e denti" per essere su uno snowboard. Ma l'accesso limitato era il loro più grande limite e, grazie alla loro passione per lo sport, hanno trovato altri modi per affinare le loro abilità.

Wakeboard, skateboard, surf e salto su un trampolino-McMorris ha sviluppato le sue abilità in questi altri sport perché avevano un legame fondamentale con il suo amore per lo snowboard.

Quello che avrebbe potuto essere il suo maggiore vincolo fu sfruttato per diventare uno dei suoi più grandi vantaggi, e la sua capacità di vedere i suoi hobby complementari in una luce positiva era semplicemente una buona percezione.

Vincoli autoimposti per creare crescita

Sono uno scrittore di Help Scout, e il nostro co-fondatore Nick Francis ha recentemente scritto sull'importanza dei vincoli nel fare un buon lavoro e nel processo di assunzione. Fa notare che, al fine di mantenere una cultura superba, preferirebbe avere 10 overachievers che fanno il lavoro (e vengono pagati l'importo) di 30 persone, perché dà a ciascun dipendente maggiore proprietà e motivazione per soddisfare le esigenze dei clienti.

"Adottando questo vincolo, ogni persona deve esibirsi ad un livello elevato … Allo stesso modo, credo che meno finanziamenti abbiano benefici straordinari per le imprese della fase iniziale, meno persone (ognuna con molta proprietà) produce una cultura di superamento . Fanno più cose in meno tempo e promuovono un atteggiamento "siamo in questo insieme".

Ha anche discusso i vantaggi di essere sottofinanziati. Quando il denaro è un vincolo, le imprese devono spendere saggiamente, lavorare diligentemente e crescere pensosamente. " Scopare trovando uno spazio ufficio con una cucina dolce. Devi concentrarti sull'acquisizione di clienti e sulla riduzione dell'incasso mensile di denaro. Nella maggior parte dei casi, questo mette la tua attenzione esattamente sulle cose giuste . "

Con la lente giusta, le opportunità abbondano

I vincoli faranno sempre parte del lavoro. Se non sono ovvi ora, emergeranno in futuro, intenzionalmente o sorprendentemente.

La consapevolezza di sé a questo riguardo è cruciale per capire la mentalità che stai abbracciando: vittima, neutralizzatore o trasformatore?

Una volta che conosci la narrativa dominante, puoi pormi delle domande che ti spingono a separarsi dal percorso per guardare obiettivamente l'ostacolo che ti precede. Fare questo ti prepara al successo perché stai cercando di adattarti piuttosto che rifiutarti di cambiare.

Ti apre la mente e ti fa strizzare gli occhi per prestare maggiore attenzione ai dettagli – le sottili intuizioni che volano sotto il radar ma hanno un enorme potenziale di innovazione.

Prima che tu lo sai, ti renderai conto che hai tutto quello che serve per capovolgere i vincoli in vantaggi. Tutto quello che devi fare è indossare un nuovo paio di occhiali e, a tua volta, raccontarti una storia diversa.

Come l'imperatore e filosofo Marco Aurelio disse nel suo lavoro Meditazioni : "Se sei afflitto da qualcosa di esterno, il dolore non è dovuto alla cosa in sé, ma alla tua stima di esso; e questo hai il potere di revocare in qualsiasi momento. "

***

Paul Jun è uno stratega dei contenuti di Help Scout, l'elegante alternativa a Zendesk. Scrive di psicologia, creatività e cultura del posto di lavoro sul blog di Help Scout.

Solutions Collecting From Web of "I vincoli sono una bella cosa: ecco perché"