I veterinari che sperimentano il trauma non possono rispondere alla ragione

Il trauma cambia non solo il modo in cui pensiamo, ma anche il modo in cui funziona il nostro cervello.

"Dopo il combattimento, i veterinari devono convivere con una rete neurale alterata", ha affermato il dott. Bessel van der Kolk, fondatore e direttore medico del Trauma Center presso il Justice Resource Institute in Massachusetts.

E questo ha profonde implicazioni per i veterinari del combattimento con PTSD. Se ragioni neurologiche impediscono loro di controllare alcune delle cose che fanno, come possiamo renderle responsabili? E quali terapie funzionano meglio per questi cervelli danneggiati? Analizzeremo più da vicino questi due problemi nei blog successivi.

Ma prima, lascia che ti parli di una straordinaria conferenza che Van der Kolk ha tenuto al Centro per l'Etica e allo Stato di diritto all'Università della Pennsylvania a Philadelphia la scorsa settimana.

All'inizio della sua carriera, uno dei pazienti di van der Kolk gli disse che aveva ucciso alcuni bambini vietnamiti, ucciso un contadino innocente e violentato una donna per vendicare la morte il giorno prima di tutti i membri del suo plotone, compreso il suo migliore amico. Quindi van der Kolk ha usato le uccisioni per vendetta come un esempio di danno morale alla conferenza PTSD.

"Dopo che succede qualcosa del genere, i veterinari non si sentono più al sicuro con se stessi", ha detto. "E potrebbero non sentirsi al sicuro circondati da moglie e figli".

Un problema è la desensibilizzazione. Come un soldato diventa insensibile al caos intorno a lui, perde anche il suo senso di compassione per gli altri.

Ancora peggio, è come se quei traumi si bloccassero nel cervello di un veterinario e lui non potesse andare avanti con la sua vita. "Questo perché il PTSD emerge da una parte del cervello su cui non abbiamo alcun controllo", ha spiegato van der Kolk.

Negli ultimi decenni, i neurologi sono stati in grado di utilizzare le scansioni cerebrali per determinare come il cervello delle persone risponde a vari stimoli e ai ricordi. Van der Kolk mostrò diverse diapositive per illustrare come un cervello traumatizzato operi diversamente da un cosiddetto cervello "normale".

Quando un veterinario di combattimento ricorda eventi traumatici del suo passato, la corteccia prefrontale del cervello – il centro del pensiero razionale – si spegne. Ciò rende impossibile provare a usare la logica per affrontare i suoi ricordi, ha detto van der Kolk.

In particolare, una parte del lobo frontale sinistro del cervello chiamato area di Broca si spegne quando si trova di fronte a un trauma. "Senza un'area funzionante di Broca, non puoi esprimere a parole i tuoi pensieri e sentimenti", ha detto van der Kolk nel suo ultimo libro, The Body Keeps the Score. "Le nostre scansioni hanno mostrato che l'area di Broca era offline quando veniva attivato un flashback ….

"In condizioni estreme, le persone possono urlare oscenità, chiamare le loro madri, ululare nel terrore o semplicemente chiudere", ha scritto. "Le vittime di aggressioni e incidenti siedono mute e congelate nei pronto soccorso; i bambini traumatizzati "perdono la lingua" e si rifiutano di parlare. Le fotografie dei soldati in combattimento mostrano uomini con gli occhi vuoti che fissano mutuamente il vuoto. "

Allo stesso tempo, il sistema limbico del cervello – la sede delle emozioni – è accelerato e l'amigdala invia ormoni e sostanze neurochimiche che stimolano la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e l'apporto di ossigeno per preparare il corpo alla lotta o al volo.

Non esiste un percorso neurale noto che consenta alla ragione di moderare le emozioni derivanti dal sistema limbico, van der Kolk ha detto alla conferenza PTSD.

Le vittime del trauma hanno anche difficoltà a concentrarsi perché sono distratte da tutto ciò che li circonda.

"Il cingolato anteriore sinistro filtra le distrazioni intorno a noi", ha detto van der Kolk, "ma il trauma lo disabilita. Quindi le persone traumatizzate non sono in grado di filtrare le influenze esterne, il che rende difficile per loro apprendere nuovi comportamenti ".

Il trauma infantile rende un adulto più suscettibile di essere traumatizzato, ha detto. Questo è particolarmente preoccupante, ha aggiunto, perché più di 12 milioni di donne americane sono state vittime di stupri, con oltre la metà di tutti gli stupri che sono stati imposti a ragazze di età inferiore ai 15 anni. E ogni anno, circa 3 milioni di bambini sono abusati e trascurati, un terzo dei quali così severamente che i servizi locali di protezione dei minori o i tribunali sono tenuti ad agire.

"Quindi se vuoi eliminare il PTSD nelle forze armate, lascia che le persone con un'infanzia perfettamente sicura servano nel tuo esercito", ha aggiunto. "Certo, sarebbe un esercito molto piccolo."

Van der Kolk ha chiuso la sua conferenza illustrando due risposte drammaticamente diverse agli attacchi terroristici dell'11 settembre.

Uno era il disegno di un bambino di 5 anni che stava sbattendo contro il World Trade Center. Mostrava quella che sembrava un'esplosione di palla di fuoco, la gente che urlava e saltava fuori dalle finestre. Rappresentava tutti i mirini e i suoni dell'attacco che era stato registrato dal sistema limbico.

Ma c'era anche un elemento importante del pensiero razionale: il giovane artista aveva aggiunto un tappeto elastico sul terreno accanto al World Trade Center in modo che le persone che stavano saltando non fossero ferite.

Al contrario, la risposta di Washington, DC, era completamente limbica, ha detto van der Kolk.

"Dopo l'11 settembre, il presidente ha detto che li bombarderemo vivi o morti", ha detto. "E quella era una risposta totalmente limbica, non razionale. Perché il nostro governo ha operato su una risposta limbica anziché su una razionale, più di 2.000 iracheni che non avevano nulla a che fare con l'11 settembre sono stati uccisi. "

Quindi che tipo di terapia favorisce questo neuroscienziato?

"Abbiamo bisogno di riportare quella parte del cervello traumatizzato online se vogliamo fornire una terapia efficace per il DPTS", ha detto van der Kolk al gruppo.

In molti modi, ciò implica le stesse tecniche che una madre usa per confortare un bambino spaventato: dondolo, tenendolo, lenitivo e cantando. È anche importante che il veterinario, come il bambino, provi un senso di sicurezza.

"L'uomo è un animale sociale", disse Aristotele, e questo concetto è fondamentale per la terapia di van der Kolk. Ci connettiamo con gli altri lavorando in sincronicità, costruendo ritmi che ci connettono con gli altri, ha detto. Ecco perché esercizi per il respiro, canto, arti marziali come il qigong, la batteria, il canto di gruppo e la danza sono così importanti.

Tutti si basano su ritmi interpersonali, consapevolezza viscerale e comunicazioni vocali e facciali che aiutano a spostare le persone fuori dalle loro fasi di combattimento o fuga, riorganizzano la loro percezione del pericolo e aumentano la loro capacità di gestire le relazioni, ha detto.

"Gli americani usano alcol e droghe per trattare il DPTS", ha detto van der Kolk. "Ma altre culture si trasformano in danze, canzoni, musica e batteria. Lo yoga mostra una maggiore efficacia di qualsiasi pillola tu possa prendere. "

Solutions Collecting From Web of "I veterinari che sperimentano il trauma non possono rispondere alla ragione"