I tuoi soldi, i soldi dei tuoi genitori e il tuo rapporto

Lo scorso fine settimana, due articoli sul denaro nel contesto della relazione genitore-figlio-adulto-genitore-adulto hanno attirato la mia attenzione. Il primo, di Beth Kobliner, è stato in Parade (è stato breve … l'hai visto?) È stata una breve panoramica del tema. Il secondo, dovresti salvare i genitori di Spendthrift? su MSN.com, di Liz Pulliam Weston, è andato più in profondità sul rovescio della medaglia, comprese le questioni emotive relative al denaro.

Quando ero adolescente, gli affari di mio padre andavano "a pancia in giù" (le parole di mamma, le parole di papà). Ci trasferimmo bruscamente da New York alla California per vivere con i parenti perché i soldi erano spariti. Fu in quel periodo che papà denunciò categoricamente Dio. Ricordo che stavo in cucina e lui era appoggiato al lavandino. Aveva una lattina di aranciata Shasta in mano e quando gli chiesi perché non era vestito per andare al tempio – era Rosh Hashanah, il capodanno ebraico, l'unica volta che andavamo al tempio solo per, penso, mostrare Dio non eravamo tutti cattivi … Papà alzò il barattolo come per brindare. Molto lentamente, ha detto, il "grande ragazzo" era un presuntuoso intermediario del potere. Un abbandono. Quelle non erano le sue parole esatte, ma è quello che ho sentito. Papà era così ferito, abbattuto … e questo mi spezzò il cuore. Così fece questo: che Dio era il nemico, questa entità invisibile esercitava il potere ingiustamente, specialmente quando si trattava di soldi. Papà aveva già combattuto contro il cancro e aveva vinto. Ora Dio era davvero un coglione.

"Ho finito con lui," disse mio padre. Non avevo niente a che fare con Dio. Ma, in qualche modo, il mio cervello tredicenne ha preso personalmente il sentimento di mio padre.

Mia madre era molto superstiziosa. In un certo senso, bussare tre volte al legno era la sua fede. Desiderava davvero che la sua famiglia fosse al sicuro, per proteggerci dal dolore. E ti farebbe impazzire a trovare pezzi di legno su cui bussare, e rovesciare bicchieri e sputare tre volte per assicurarsi che ci riuscisse. Non funzionava

Papà era stato un venditore (e dannatamente bravo – negli anni successivi sarebbe tornato indietro). La vendita era la sua passione. Non era una tecnica scadente che rendeva il suo business fiammeggiante. Era, vedo ora, il suo ego (lo so, ne abbiamo uno, giusto?). Andò contro una solida consulenza legale (qualcosa che aveva a che fare con un brevetto) e fu citato in giudizio. Quindi, le sanzioni. Quindi, la pancia in su. Mio padre non l'ha visto in questo modo. Ha visto una "espressione creativa" che non è stata premiata.

In qualche modo, tutte le cose creative e tutte le cose soldi si sono intrecciate nella mia testa, insieme al rapporto che ho avuto con i miei genitori. Oh, l'attività di mio padre è rimbalzata, ma i soldi sono rimasti una parte enorme della sua identità. Era un fai-da-te. A differenza di mia madre, non era superstizioso. In un certo senso, mia madre ha avuto la sua forma di preghiera. Mio padre ha avuto solo se stesso.

Ogni cosa era una battaglia e qualche volta vinceva.

Anche se oggi non devo occuparmi della decisione, mi chiedo, a volte, se fossi stato più grande e in età lavorativa quando mio padre era nella sua più grande lotta, cosa avrei fatto?

Cosa faresti?

Ho scritto per la prima volta di soldi e dei miei genitori sul viaggio [Inner] di The Writer.

Foto: marleah

Solutions Collecting From Web of "I tuoi soldi, i soldi dei tuoi genitori e il tuo rapporto"