I tuoi ricordi ti stanno mentendo?

Ricercando il mio ultimo libro, ho passato un bel po 'di tempo a cercare di capire il ruolo dei nostri ricordi nel decidere se la nostra vita sia abbastanza significativa o meno. Alla ricerca di indizi, ho consultato psicologi cognitivi, poeti e filosofi (il vero tipo e il tipo da barista). Se c'è una cosa su cui tutti sono d'accordo, è che i nostri ricordi sono lontani dall'accuratezza. C'è chi ipotizza che una volta recuperato un ricordo non sia più la stessa memoria. È un nuovo ricordo di una vecchia memoria. Altri ti diranno che ciò che pensiamo come memoria non è nemmeno un ricordo. È un'esperienza reale che viviamo ancora e ancora. Ogni volta che ricordiamo qualcosa, costruiamo di nuovo l'esperienza.

Qualunque siano o meno i nostri ricordi, ovunque e comunque siano archiviati, sono sfuggenti. In un libro sulla memoria autobiografica, lo psicologo John Kotre descrive come nel tempo i ricordi abbiano un modo di riscrivere ciò che passa per la realtà. Le persone buone nel nostro passato diventano persone migliori. Le persone cattive regrediscono nelle persone peggiori. Un basso di due chili che abbiamo catturato durante la nostra ultima vacanza potrebbe alla fine arrivare in pallone a Moby-Dick. Kotre racconta di come comunemente diciamo che "abbiamo sempre fatto questo" e "mai fatto", quando in realtà non lo abbiamo mai fatto e lo abbiamo sempre fatto.

Ma non stiamo mentendo davvero, vero? Ho detto alla gente, ad esempio, che quando ero bambino ero sempre il più giovane a formare una squadra sportiva. Eppure, dato che ero un gamberetto, non ho mai giocato molto, ho sempre guidato la panchina. Credo onestamente che sia vero. Ma se hai svolto un controllo approfondito sulla mia carriera atletica al campo estivo, poi ho approfondito la mia partecipazione alle squadre di ritiro a scuola o nei dintorni, potresti trovare esattamente un esempio del mio essere il più giovane a formare una squadra. Allora perché dico che sono sempre stato il più giovane a fare la squadra (ma non ho mai giocato)? Perché aiuta a definirmi nel presente. Vorrei che tu capissi che ero atletico ma non atletico.

Ecco un altro esempio:

Giuro su e giù che non ho mai tradito una volta a scuola. E davvero, davvero credo che non l'abbia mai fatto. Ma sono anche ragionevolmente sicuro che ci sono stati momenti nella scuola elementare quando devo aver dato un'occhiata al giornale di Jeannie M. (Jeannie era un genio, non ha mai sbagliato niente). Perché ho cancellato ogni ricordo di guardare oltre? John Kotre cita uno psicologo dello sviluppo che ci ricorda che "una volta che un bruco diventa una farfalla, non ricorda di essere un bruco; ricorda di essere una piccola farfalla. "Nella mia mente, sono una persona etica completamente cresciuta e onestamente non ricordo di essere mai stata una piccola ladra.

Copyright © 2016 by Lee Eisenberg
Fonte: Copyright © 2016 di Lee Eisenberg

Avendo soppesato tutto questo, ho esposto una teoria nel libro su come, senza pensare, prendiamo i nostri ricordi e costruiamo una storia da loro – la storia della tua vita, quella che porti dentro. In che modo esattamente quella storia viene "scritta"? Secondo la mia teoria, ognuno di noi ha un piccolo sceneggiatore annidato nel nostro cervello. Il suo compito è quello di prendere i nostri ricordi e intrecciarli in una narrazione coerente. I nostri narratori non sono intenzionati a diffondere falsità mediando i nostri ricordi. Stanno semplicemente facendo il possibile per creare una storia che segua. Così si muovono i ricordi, giocano un po ', minimizzano gli altri, in modo tale che i ricordi non si contraddicano l'un l'altro o infangano il tema generale.

Se, a titolo di esempio, sei attualmente bloccato in un lavoro pessimo perché hai bocciato la scuola, il ricordo di tutta la droga che hai fumato potrebbe ormai aver lasciato il posto alla memoria di tua madre dicendo che eri uno di quegli studenti chi non fa bene in un ambiente di classe tradizionale. Oppure potresti ricordare chiaramente come la tua ex-moglie ha detto che aveva bisogno del suo spazio – e non ricordo di tutte le volte in cui ti ha chiesto di smettere di masticare a bocca aperta. Il tuo storywriter sta solo cercando di aiutare quando permette a certi ricordi di avere la precedenza sugli altri.

Alla fine, la storia della nostra vita si riduce ai ricordi su cui ci aggrappiamo. Quei ricordi sono "veri"? Sì e no. C'è la verità storica e c'è la verità narrativa. I ricordi, ovviamente, sono scivolosi. Siamo sicuri che sono successe certe cose che in realtà non sono mai accadute.

Importa? Non particolarmente. "Ciò che conta nella vita", scrisse Gabriel García Márquez nella sua autobiografia, Living to Tell the Tale , "non è quello che ti succede ma quello che ricordi e come lo ricordi".

_____________________

Questo post è stato adattato da THE POINT IS: Making sense of Birth, Death and Everything in Between (Dodici). Per maggiori informazioni su Lee Eisenberg e il suo ultimo libro, visita LeeEisenberg.com o vai su Amazon o nella tua libreria preferita per acquistare una copia.

Solutions Collecting From Web of "I tuoi ricordi ti stanno mentendo?"