I tuoi alberi ti impediscono di riconoscere la tua foresta?

Free Stock Photo/Pixels
Fonte: Foto d'archivio / Pixel

È davvero come non essere in grado di vedere la foresta per gli alberi. Cioè, quando sei nel folto o "folto" di cose, è difficile capire le dinamiche più profonde di quello che sta succedendo nella tua vita: per vedere come, alla sprovvista, potresti essere spinto ad agire in modi virtualmente garantendo un risultato contrario a quello che vuoi. Per capire come, inconsapevolmente, stai effettivamente "cospirando" per far sì che le cose risultino diversamente da ciò che, almeno pensavi , avresti desiderato.

Per cambiare la metafora, quando sei il protagonista nel tuo dramma, tutto troppo personale, è estremamente difficile decifrare come le tue azioni in ogni atto o scena ti hanno portato dove sei oggi: come hanno dimostrato lungo tutto l'antico "schema" che ti ha spinto a trasferirti da lì a qui. Cosa … senza che tu te ne renda conto … hanno dovuto dire di te.

Tuttavia, se vuoi crescere e cambiare ciò che vuoi o devi cambiare, devi individuare le cause psicologiche più profonde delle scelte che sono culminate nella realtà non particolarmente soddisfacente che sei ora vita. Dopotutto, non puoi aggiustare qualcosa finché non capisci cosa è fuori di testa, danneggiato o rotto. Fino a quando non scoprirai le radici sottostanti ai tuoi attuali comportamenti disadattivi, la tua capacità di trovare alternative che possano renderti più felice e più soddisfatto continueranno a sfuggirti

Immersi (invischiati?) Nella tua vita di tutti i giorni, può essere irresistibilmente difficile riconoscere i modelli disfunzionali che ti impediscono di realizzare il tuo scopo, o di muoverti fiduciosamente verso obiettivi desiderati. Perché forse non hai sviluppato l'auto-distacco strategico necessario a portare alla luce le abitudini inconsce del pensiero e dell'azione che ti legano strettamente alla tua "vita come al solito". E incapace di individuare i vincoli ora gratuiti che ti impediscono di riconoscere le varie opportunità che la tua vita ti offre, sei praticamente condannato a vacillare indefinitamente.

Quindi , hai mai intrapreso una "revisione della vita", in particolare concentrandoti sulla tua infanzia e adolescenza? Perché se si vuole avere un cambiamento comportamentale positivo, duraturo, opposto, cioè a come il vostro ambiente precoce può aver "programmato" voi, è necessario:

  • Identifica e crea un elenco delle situazioni o eventi più deludenti o scoraggianti, angoscianti o inquietanti che hai sperimentato durante la crescita.
  • Annota le interpretazioni deprecating e autoreferenziali che credi che probabilmente hai fatto allora di questi eventi negativi.
  • Rifletti su come, da quando hai formulato per la prima volta questi auto-pregiudizi sfavorevoli, queste valutazioni ti hanno svantaggiato e, in effetti, potrebbero ancora esserlo. Cioè, in che modo queste prime esperienze hanno influenzato negativamente il tuo sviluppo per adulti? E infine,
  • Basato sulla tua comprensione più matura, razionale e (si spera) più compassionevole di te stesso, cerca di rivedere positivamente tutti questi esempi delle tue auto-percezioni negative. Data la tua storia da allora, scegli tutte le prove che indicano che sono state false o quantomeno esagerate. E riconosce quanti dei tuoi dubbi su se stessi derivano dagli altri a cui – principalmente a causa della tua dipendenza da essi – hai dato più autorità per giudicarti di quanto meritassero veramente. Perché, da adulto, puoi apprezzare meglio le loro motivazioni e carenze (egoistiche).
"Introspection" by Gisela Gierdino/Flickr
Fonte: "Introspection" di Gisela Gierdino / Flickr

Quindi se, ripetutamente, la tua famiglia ti ha dato – o sembrava darti – il messaggio che non eri abbastanza bravo, abbastanza intelligente, abbastanza attraente, abbastanza responsabile, ecc., Puoi ora capire come il tuo "assorbimento" irragionevole di questi messaggi dannosi hanno ostacolato la tua crescita e la tua capacità di raggiungere il tuo pieno potenziale?

Inoltre, cosa succederebbe se la tua famiglia avesse instillato in te l'idea che eri debole, inferiore, difettoso, non meritevole, sciocco, pigro, inutile, codardo, colpevole, vergognoso, forse persino inaccettabile o non amabile? Oppure ti hanno fatto sentire di essere un peso, di non appartenere o di misurarsi; che non potevi avere successo, avuto un giudizio scarso, una delusione o un "perdente"; che eri fuori controllo, non sicuro e incapace di proteggere te stesso o vulnerabile; che non avevi alcun diritto o autorità di decidere le cose da solo; o che non dovresti avere certe emozioni (e se l'hai fatto, certamente non le mostri ); e così via.

In che modo uno di questi messaggi, supponendo che non riusciresti a non interiorizzarli , ti abbia influenzato nel crescere? . . . e ora pure?

Infine, per ottenere l'approvazione o l'approvazione dei tuoi genitori, hai forse dovuto mettere i loro bisogni davanti ai tuoi? Se lo hai fatto, puoi vedere come da adulto potresti essere meno autodidatta di quanto tu debba essere se la senti come un individuo che si rispetti, vale la pena prendersi cura di te? Ti occupi forse più dei bisogni e dei bisogni degli altri che dei tuoi? E quando metti per primo i tuoi bisogni, potresti essere incline a provare ansia o senso di colpa?

L'assunzione di tale ricerca dell'anima ha lo scopo di aiutarvi a diventare più consapevoli di come la vostra auto-percezione ha determinato sia il modo in cui provate su voi stessi sia come, di conseguenza, agite (o, in effetti, non agite). Inoltre, aiuta a spiegare come il tuo amor proprio ha governato non solo quanto ti piace (e vedi gli altri come ti piace o non ti piace), ma anche il modo in cui ti presenti al mondo.

Forse la cosa più importante, il tuo senso di auto-o forse, auto-valore-praticamente ti dice quanto ti "farai": considera la tua vita come un'avventura entusiasmante e ti spinge a fare passi che ti portano sempre avanti realizzando i tuoi sogni e desideri più cari. Altrimenti, se non credi in te stesso, un tale punto di vista sfavorevole ti spingerà a evitare di affrontare, e alla fine sormontare, le sfide della vita.

Tristemente, tale resistenza, passività o non impegno probabilmente continueranno indefinitamente se nella vita quasi tutto ciò che influenza il tuo sviluppo ti ha portato a diffidare delle tue capacità. Le tue riluttanze possono anche persistere se in passato avevi buone ragioni per essere spaventato da quello che la tua famiglia avrebbe pensato di te, o dire a te, se i tuoi sforzi non avessero avuto successo. Quindi potresti aver imparato ad essere estremamente titubante, o eccessivamente cauto, riguardo all'assunzione di rischi: una tendenza disfattista con cui potresti ancora essere bloccato oggi.

In breve, ciò di cui hai più bisogno di riconoscere è quanto gran parte della tua programmazione precedente, che potrebbe essere stata adattabile per te nella tua famiglia di origine, potrebbe limitarti inutilmente oggi. In che modo questi schemi scaduti potrebbero ancora spingerti a evitare di dire o fare cose che ti aiuterebbero a pensare in modo più positivo a te stesso, e così ti permetteranno di perseguire in modo più proattivo ciò che sarebbe più appagante.

La parola riconoscere significa letteralmente "conoscere di nuovo". Quindi, paradossalmente, il concetto presume che tu già sappia ciò che ora puoi imparare di nuovo. Implica anche che sei preparato non solo a "ri-sapere" qualcosa ma pronto a capirlo a un livello più avanzato. Psicologicamente parlando, sei ora in una posizione migliore per cogliere le fonti familiari / ambientali che hanno creato il "tu" esistente oggi.

"Introspection" by Eddy Van/Flickr
Fonte: "Introspection" di Eddy Van / Flickr

Ma ecco cosa non può essere troppo enfatizzato. Con il passare del tempo potresti essere venuto a vedere te stesso in modi che non rispecchiano realmente il modo in cui sei uscito dall'utero, cioè le tue inclinazioni di personalità biologica. Al contrario, il tuo senso dell'io potrebbe riflettere le scelte che hai fatto basandosi molto meno sulla tua natura innata che su ciò che i tuoi custodi hanno intimato di dover ottenere la loro (condizionata) accettazione e approvazione. Per aver bisogno di sentirsi legati in modo sicuro a loro, per assicurare la loro connessione piuttosto tenue con loro, il fatto di apportare tali "adattamenti" alla personalità si sarebbe sentito obbligato.

In questo momento, tuttavia, potrebbe essere solo il momento per te di abbandonare questi programmi precedentemente indispensabili e sostituirli con comportamenti più in sintonia con chi, "naturalmente", sei e cosa vuoi veramente dalla vita. Indubbiamente, le abitudini non più rilevanti possono essere difficili da rompere, perché sono diventate radicate, abituali, automatiche. Ma se, a prescindere, ostacolano ciò che conta davvero per te, è il momento di mostrare loro la porta e di offrire loro un addio non troppo affettuoso.

Solo così puoi sperimentare certe scelte certe che non avevi prima riconosciuto. E idealmente, agire su queste nuove possibilità non sperimentate può portare a un "do-over" più produttivo, che col tempo può arricchire incommensurabilmente la tua vita.

. . . Per ora puoi finalmente percepire l'intera foresta della tua vita, non più vincolata dalla tua "visione ad albero" così costrittiva, così ristretta.

NOTA 1: Ho scritto così tanti post complementari a questo che non potrei elencarli tutti qui. Ma se ti piacerebbe dar loro la caccia, ecco il link che ti farà iniziare.

NOTA 2: Se potresti riferirti a questo post e pensare che potrebbero esserlo anche altri, per favore considera di inoltrare il suo link.

NOTA 3: Se seguire i quattro passaggi sopra indicati per alterare il tuo discorso disfattista è insufficiente a permetterti di fare i cambiamenti che desideri, ti consiglio caldamente di rivolgerti a un terapeuta per assistenza.

NOTA 4: per controllare altri post che ho fatto per Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2016 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Infine, per essere avvisato ogni volta che posto qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter dove, in aggiunta, puoi seguire le mie varie riflessioni psicologiche e filosofiche.

Solutions Collecting From Web of "I tuoi alberi ti impediscono di riconoscere la tua foresta?"