I terapeuti dovrebbero auto-rivelarsi?

Per auto-rivelare o non auto-rivelare? Questa è la domanda controversa. La posizione sull'auto-rivelazione dei terapeuti varia ampiamente in base all'orientamento teorico; Gli psicoanalisti di formazione classica spesso evitano l'auto-rivelazione personale nel tentativo di essere una "lavagna bianca" mentre non è raro che i consulenti che lavorano nel campo dell'abuso di sostanze condividano il proprio stato di recupero con i loro pazienti. Alcuni pensano che l'autorivelazione del terapeuta sposta il focus del trattamento lontano dal paziente; altri credono che l'auto-rivelazione del terapeuta potrebbe aiutare a demistificare l'alleanza terapeutica, la divulgazione del modello per il paziente, normalizzare la propria esperienza e sfidare le credenze negative che il paziente potrebbe tenere sul proprio impatto sugli altri. C'è poca ricerca che esamina se l'autorivelazione del terapeuta di diversi tipi può avere un impatto positivo sulla non divulgazione e vergogna dei pazienti nei pazienti con problemi alimentari.

Simonds & Spokes (2017) ha condotto uno studio di ricerca per modellare le relazioni tra i diversi tipi di autorivelazione del terapeuta, l'alleanza terapeutica, l'auto-rivelazione del paziente, la vergogna e la gravità dei problemi alimentari. Esaminarono due tipi di auto-rivelazione del terapeuta – rivelazioni personali (cioè i valori propri del terapeuta, sessualità, esperienze personali, ecc …) o rivelazioni di immediatezza (informazioni basate sullo scambio terapeutico come controtransfert o errori fatti dal terapeuta). Essi ipotizzarono che l'utilità percepita dell'autodenunciazione del terapeuta avrebbe migliorato la relazione terapeutica, che a sua volta avrebbe promosso l'auto-rivelazione del paziente, che avrebbe ridotto la vergogna, che sarebbe associata a un miglioramento dei sintomi del disturbo alimentare.

I ricercatori hanno esaminato 120 partecipanti reclutati online da un database di beneficenza di disordine alimentare nel Regno Unito. I partecipanti avevano almeno 16 anni e avevano ricevuto almeno 2 sessioni di psicoterapia (escluse le sessioni di valutazione) per problemi alimentari. Non erano tenuti ad avere una diagnosi di disturbo alimentare attuale o precedente. I partecipanti sono stati valutati su misure di non divulgazione del paziente (il paziente non ha condiviso informazioni con il terapeuta), vergogna, alleanza terapeutica, autorivelazione del terapeuta e problemi alimentari.

I risultati dello studio indicano che il tipo più comune di autorivelazione del terapeuta era un sentimento positivo nei confronti del paziente (riferito dall'84% dei partecipanti) e il meno comune era la sessualità (riferito solo dal 14% dei partecipanti). La maggior parte delle auto-rivelazioni del terapeuta sono state valutate tra neutrali e utili. I ricercatori non hanno trovato differenze tra l'auto-rivelazione personale e le rivelazioni di intimità dei terapeuti. Per entrambi i tipi di auto-rivelazione del terapeuta, i risultati indicano che maggiore è l'utilità percepita dell'autodenunciazione del terapeuta, più forte è l'alleanza terapeutica; più forte è l'alleanza terapeutica, maggiore è l'auto-rivelazione del paziente; maggiore è l'auto-rivelazione del paziente, minore è la vergogna; e più bassa è la vergogna, più bassi sono i problemi alimentari. Non vi era alcuna prova che l'utilità delle rivelazioni del terapeuta (sia personale che immediata) fosse correlata a problemi alimentari indipendenti dall'alleanza terapeutica, dall'autodifesa del paziente o dalla vergogna. La ragione più comune per la mancata divulgazione del paziente era l'autocoscienza (cioè, vergogna, senso di colpa o paura del giudizio negativo). Le qualità del terapeuta e l'intervento terapeutico erano applicabili alla mancata divulgazione del paziente, ma hanno svolto un ruolo meno significativo.

Questo studio suggerisce che la self-disclosure del terapeuta, se percepita come utile, potrebbe avere un effetto indiretto potenzialmente benefico sui problemi alimentari, attraverso l'impatto sull'alleanza terapeutica, l'autorivelazione del paziente e la vergogna. Il fatto che il paziente abbia trovato utile l'auto-rivelazione del terapeuta era una scoperta chiave in questo studio; è stata percepita l'utilità che ha influenzato la relazione tra auto-rivelazione del terapeuta e problemi alimentari, più del contenuto della divulgazione. La ricerca precedente ha suggerito che la divulgazione da parte del terapeuta di informazioni personali potrebbe essere considerata inappropriata (e, a sua volta, probabilmente non percepita come utile). Il mio prendere? Le auto-rivelazioni dovrebbero essere ben ponderate nel contesto di ogni relazione unico terapeuta-paziente. Se sei un terapeuta e stai considerando la tua auto-rivelazione, pensa a chiedertelo: per quale motivo mi sto auto-rivelando? Questo aiuto di autodistribuzione nel trattamento del paziente? È probabile che il paziente percepisca questa rivelazione come utile o inappropriata?

Qual è stata la tua esperienza con la self-disclosure del terapeuta? Utile? Dannoso? Si prega di condividere i tuoi pensieri nella sezione commenti qui sotto.

Solutions Collecting From Web of "I terapeuti dovrebbero auto-rivelarsi?"