I tempi tristi richiedono trame morbide

seals cuddling

Uno stato affettivo negativo rende i mammiferi bramano il contatto.

Se ti sei mai chiesto perché i bambini raggiungono un orsacchiotto o una coperta di sicurezza quando sono arrabbiati, una nuova ricerca può dare un indizio. Uno studio appena pubblicato su The Journal of Consumer Research suggerisce che le persone sono più attente agli stimoli tattili quando sono in uno stato d'animo negativo, rendendole più propensi a desiderare trame morbide o piacevoli piuttosto che prestare attenzione agli stimoli visivi, come colore e motivo

Attraverso una serie di cinque esperimenti, gli autori dello studio hanno scoperto che le persone in uno stato affettivo negativo derivavano più piacere dagli attributi tattili di un prodotto, come la levigatezza di una lozione per le mani, che non dalle caratteristiche visive di un prodotto. Per quelli in uno stato positivo, i risultati sono stati invertiti. Per generalizzare, sembra che le persone felici amano guardare, mentre quelli tristi bramano il contatto.

Le ragioni di questo, speculano gli autori dello studio, riguardano le radici dei mammiferi delle nostre emozioni. Gli autori Dan King e Chris Janiszewski scrivono: "I sistemi affettivi umani si sono evoluti dai sistemi affettivi dei mammiferi, e quando i mammiferi sono giovani e incapaci di pensare, i loro sistemi cerebrali devono rendere questi cuccioli capaci di eseguire il comportamento 'corretto', facilitando la vicinanza a la madre o espansione ed esplorazione. I canali del piacere si spostano per promuovere il comportamento più adattivo, quindi in condizioni di infortunio o ansia, una maggiore sensibilità alla tattilità ricompensa la ricerca di trame "affiliative" (quelle associate ad un altro organismo protettivo), mentre in condizioni di salute e sicurezza, la sensibilità visiva incoraggia un'ampia esplorazione. Come osservano gli autori, "Senza l'alternanza di aumento e diminuzione dell'esperienza edonica dalla stimolazione tattile, gli obiettivi opposti del supporto sociale e dell'esplorazione nutritiva non potrebbero essere ottimizzati per far progredire la sopravvivenza dell'organismo. L'organismo ha bisogno di provare piacere dal contatto di affiliazione alcune volte, e non provare piacere dal contatto di affiliazione in altri momenti, al fine di raggiungere sia l'attaccamento sociale che l'esplorazione che promuovono lo sviluppo e la sopravvivenza a tutto tondo ".

Questa scoperta dà una nuova svolta all'allargamento e costruisce la teoria dell'emozione positiva, avanzata dalla psicologa Barbara Fredrickson e dettagliata nel suo libro, Positività . La teoria allargata e costruttiva suggerisce che le emozioni positive si sono evolute per promuovere attività come esplorazione, apprendimento, costruzione di relazioni e investimenti nel futuro, attività che sono spesso evitate in periodi di stress per un organismo. Mentre le emozioni negative restringono la nostra attenzione e ci consentono di affrontare efficacemente minacce o sfide immediate, le emozioni positive ampliano la nostra mentalità, che ci consente di costruire competenze e connessioni che miglioreranno la nostra futura sopravvivenza e successo.

È stato precedentemente dimostrato che le persone in stati affettivi positivi ricevono più informazioni visive rispetto a quelle in stati affettivi negativi. L'intuizione offerta da questo studio aggiunge un nuovo livello, suggerendo che forse il motivo per cui sembriamo vedere di più quando siamo di buon umore è che il nostro cervello aumenta inconsciamente la nostra sensibilità al piacere visivo. Nel mio lavoro su Estetica della gioia , ho notato che molti degli stimoli che portano gioia sono visivi, quindi forse c'è un circuito di feedback positivo qui – quando ci sentiamo bene, cerchiamo stimoli visivi, che a loro volta migliorano il nostro umore inoltre, e così via.

King e Janiszewski sottolineano alcune implicazioni commerciali per il loro lavoro. Scrivono: "Questa ricerca suggerisce che i marketer potrebbero essere in grado di segmentare i loro mercati in base alle propensioni affettive del consumatore e dare la priorità alla qualità tattile e visiva per questi diversi segmenti. Un dollaro investito nell'attributo "corretto" genererà più piacere e, quindi, sarà più probabile che venga premiato in termini di maggiori vendite ".

Forse il consumer targeting è un'applicazione per questa ricerca, ma per me, un uso più eccitante sarebbe vedere questo lavoro applicato alla progettazione di prodotti ed esperienze che migliorano il benessere. Negli ospedali e nelle case di cura, ad esempio, la tattilità è ampiamente sottoutilizzata. Sono certo che le superfici scivolose e le lenzuola ruvide utilizzate nella maggior parte di queste strutture sono più una funzione della necessità di gestire i germi, ma nuove fibre e materiali dovrebbero consentire di avere superfici più confortevoli pur mantenendo uno spazio sterile. Nelle scuole, in particolare nelle scuole primarie, possiamo immaginare zone definite dallo stimolo: uno spazio esplorativo che fornisce ampio schema, colore e forma, e uno spazio di riposo che è principalmente definito dalla trama. O forse un negozio basato sull'umore, con gruppi di elementi raggruppati per attrarre naturalmente persone di diversi stati d'animo e parlare alle loro emozioni. Se uno spazio si dimostra troppo costoso per progettare in un caso particolare, ci sono oggetti che possiamo creare che "parlano" al canale sensoriale relativo al nostro umore? Potrebbero esserci oggetti di conforto per adulti che non si sentono giovani, ma che forniscono conforto estetico a chi è in difficoltà?

I nostri modelli mentali naturali concepiscono che i nostri sensi sono dispositivi di input a senso unico, inserendo dati come una rete da traino per elaborare e filtrare dopo il fatto. In realtà, il dialogo tra il senso e la percezione è una danza molto più complessa, con le informazioni che abbiamo sul mondo plasmato da soglie costantemente fluttuanti che variano con il nostro livello di energia, salute e stato emotivo. È un altro esempio di come la nostra mente inconscia si trova al centro di un sistema intelligente, dotato di meccanismi geniali per aiutarci ad ottenere ciò che dobbiamo essere e sentirci bene.

Se vuoi saperne di più sullo studio, vedi qui.

citazioni:

Riviste della University of Chicago. "L'istinto animale: perché i consumatori infelici preferiscono le sensazioni tattili?" ScienceDaily , 16 giugno 2011. Web. 20 giugno 2011.

Dan King e Chris Janiszewski. Affect-gating. Journal of Consumer Research , 7 giugno 2011 DOI: 10.1086 / 660811

Solutions Collecting From Web of "I tempi tristi richiedono trame morbide"