I Super Agers possono essere più intelligenti dei loro coetanei

Shutterstock, used with permission
Fonte: Shutterstock, usato con permesso

I buoni amici fanno di più che rendere la vita soddisfacente. Secondo un nuovo studio, l'insolita capacità cognitiva dei Super Agers può essere correlata a forti relazioni sociali. I Super Agers sono quelli le cui capacità cognitive sono almeno altrettanto buone di quelle di due decenni più giovani

La neurologia cognitiva e il morbo di Alzheimer della Northwestern University, incentrati sui processi biologici nell'invecchiamento, riportano che la corteccia di persone che hanno relazioni soddisfacenti e di alta qualità è più grande dei loro coetanei della stessa età: "Non devi essere la vita del partito, ma questo studio sostiene la teoria che il mantenimento di forti reti sociali sembra legato a un declino cognitivo più lento ", ha affermato Emily Rogalski, l'autrice dello studio. "Non è semplice come dire che se si dispone di un solido social network, non si otterrà mai l'Alzheimer", osserva, "ma se c'è un elenco di scelte salutari che si possono fare, questo potrebbe essere importante in quella lista".

Lo studio ha utilizzato una scala che misura sei aspetti del benessere psicologico – padronanza ambientale, scopo nella vita, autonomia, crescita personale e auto-accettazione, nonché relazioni positive con gli altri. Ha confrontato i giovani ottantenni con una media cognitiva di pari età e con persone tra i 50 ei 60 anni. La differenza più significativa tra Super Agers e il gruppo di controllo relativo alle relazioni sociali; amicizia positiva, calda e fiduciosa. Questi possono essere la chiave per un declino più lento nella memoria e nel funzionamento cognitivo.

Non è sempre facile fare nuove amicizie, o anche conoscenti, con il passare degli anni. "Mi sono iscritto al centro per anziani, ma è un" recital d'organo "dopo l'altro", ha detto una spry di 75 anni. "Alla fine ho capito perché gli uomini amano le donne più giovani", ha detto un altro: "È perché le loro storie sono più brevi." E la perdita è un tema centrale nelle discussioni su quanto siano importanti gli amici quando invecchiamo. "Ho un amico che non può vedere, uno che non può sentire, e uno che non può camminare, ma tra di noi, gestiamo abbastanza bene," rise uno dei miei ottantenni preferiti. "Fortunatamente, ho anche dei giovani amici."

Anche io. La migliore amica di mia madre, Marilyn, aveva 15 anni più di lei, e alcuni anni fa ho ristabilito i contatti con sua figlia, che ha quasi due decenni meno di me. Abby e io siamo cresciuti nello stesso posto, anche se quando me ne sono andato, era ancora piccola. Ci tenevamo d'occhio l'un l'altro attraverso le nostre madri quando erano vivi, e così ho imparato che era diventata avvocato e viveva sulla costa occidentale. Quando ho letto il necrologio di un parente stretto di Abby, il fantasma di mia madre mi ha svegliato nel bel mezzo della notte e mi ha detto di scriverle un biglietto di condoglianze. Avendo imparato a non ignorare i comandi spettrali di mia madre, l'ho fatto e mi ha chiamato la prossima volta che era a Seattle, nel periodo in cui stavo cercando un nuovo coinquilino. Così quando Abby ha detto che il suo studio legale voleva che lei trascorresse alcuni giorni a settimana a Seattle per servire i propri clienti, aggiungendo che era stanca degli hotel, "Bube's BnB" è nato.

Come le nostre madri avrebbero detto, era beshert , una parola yiddish per "significato essere". Per due anni, ho atteso con impazienza le sue visite. Adoravo cucinare la cena per lei, apprezzato i nostri discorsi a tarda notte su tutto, dai libri alla politica, e ho apprezzato i soldi extra. Mi ha tenuto in contatto con una generazione che mi è mancata in gran parte: sono al margine dei baby boomer e la sua coorte ne tira fuori quella strascicata.

Mi ha convinto ad accompagnarla nelle sue prime passeggiate al mattino e ha comprato spuntini più sani per accompagnare i cocktail che ci sono piaciuti alla fine della sua giornata di lavoro, ridendo della visione delle nostre madri, ovunque si trovino, a fare la stessa cosa: rimettersi in pari notizie, pettegolezzi su persone che entrambi conoscevamo e godendo della familiarità con lo stesso linguaggio culturale ed emotivo. L'ho presentata ai miei amici, tra i quali ha trovato non solo amici, ma anche alcuni nuovi clienti.

Quando Abby ha cambiato lavoro, le sue visite sono diminuite, ma rimaniamo strettamente connessi per telefono ed e-mail e sappiamo tutto ciò che è importante sulla vita degli altri. "Avere almeno un amico che è molto più giovane di te" è diventato il mio mantra. Sono rimasto vicino al migliore amico di mia figlia, che adora andare ai concerti con me e agli amici di mio figlio, che ogni tanto si fermano quando sono nel quartiere.

E, proprio come sempre, mi dicono cose che non possono dire ai loro genitori. Eccitato da rapporti come questi, ho raggiunto anche altri giovani, tra cui una donna di 25 anni la cui politica è radicalmente diversa dalla mia. Come dico ai miei coetanei, lei mi dà un altro motivo per restare in giro – se vivo abbastanza a lungo, forse cambierò idea.

Solutions Collecting From Web of "I Super Agers possono essere più intelligenti dei loro coetanei"