I social media ci rendono più sofisticati scrittori?

La risposta è … Sorprendente

O così sosteneva uno studio dei testi sui social media che scopriva correlazioni positive tra la prestazione accademica degli studenti nelle scuole secondarie superiori e la complessità dei loro post sui social media. Inoltre, la complessità dei post sui social media era correlata in modo simile con l’età degli scrittori – non c’è da sorprendersi – con il numero di anni trascorsi dagli utenti con i social media e con la recency dei messaggi stessi. Con il maturare dei social media, i messaggi che gli utenti hanno pubblicato su di esso hanno visto aumentare la sofisticazione.

Lo studio sembra, in un primo momento, alleviare sia le paure che le stringhe di mano sugli impatti dei social media sulla lettura, la scrittura e la nostra capacità di concentrazione. Pubblicato in Social Informatics , lo studio ha esaminato i post di un popolare sito di social media europeo, VK, simile a Facebook, per un periodo di otto anni dal 2008 al 2016. Non sorprende che gli scrittori più anziani, la loro lingua più sofisticata, salendo a picco in metà degli anni venti degli utenti e aumentando costantemente attraverso gli anni sessanta degli utenti. Forse altrettanto ci si aspettava, la complessità dei post sui social media mappata prevedibilmente sulla performance accademica dei loro autori, come definito dalle classifiche delle loro scuole secondarie, sulla base di test nazionali in Russia, e sui documenti accademici disponibili. Tuttavia, la conclusione sorprendente: i social media sono più lunghi, più i messaggi diventano sofisticati.

Questo sviluppo potrebbe sembrare poco sorprendente, poiché la rappresentazione nei media tende ad aumentare nel tempo la sofisticazione, dal momento che i creatori di contenuti diventano più abili a padroneggiare gli schemi che dettano le convenzioni per l’espressione come lo stesso medium si sviluppa (Gombrich, 1961). Tuttavia, a chi si chiede se “R u serious, whatevs” segna la fine del discorso coerente come lo conosciamo, lo studio di Smirnov dovrebbe essere rassicurante. Entro il 2016, il post medio, indipendentemente dall’età degli utenti, era più sofisticato rispetto al post medio del 2008.

Tuttavia, per chiunque abbia familiarità con le misure di scrittura sofisticata, lo studio è tutt’altro che rassicurante. Uno studio simile, pubblicato anche a metà del 2017, ha valutato la leggibilità delle pubblicazioni scientifiche, con risultati meno positivi: anche se la popolazione dedica sempre meno tempo alla lettura, le pubblicazioni scientifiche diventano sempre più difficili da leggere, diminuendo la probabilità che il loro contenuto sarebbe stato richiamato, per non parlare di ulteriori ricerche (Plavén-Sigray et al., 2017). In particolare, entrambi gli studi si basano su strumenti consolidati per valutare la leggibilità della scrittura che producono misurazioni di leggibilità spesso inaccurate.

Entrambe le pubblicazioni si basavano su misure per valutare sofisticazione o difficoltà di scrittura basate sul conteggio semplice, nonostante le complesse formule che offrono strumenti come Flesch Reading Ease (1948) e New Dale-Chall Readability Formula (1995). Dale-Chall almeno va oltre il semplice conteggio di parole e sillabe, contando il numero di parole “dure” per frase. Ma le parole che soddisfano i criteri di difficoltà di Dale-Chall sono semplicemente parole escluse da un elenco di parole comuni familiari alla maggior parte degli studenti di quarta elementare. Più problematico, lo studio di Smirnov sui post sui social media si ferma al conteggio delle sillabe, che non riesce a distinguere tra la difficoltà posta da diverse parole di due sillabe, come la prassi e il baseball . La quarta elementare media difficilmente si soffermerà sul baseball per meditare sul significato della parola. Nel frattempo, molti studenti laureati si fermeranno alla procedura, guarderanno il suo significato e inciamperanno nel resto della frase.

Ancora più preoccupante, nessuno studio prende in considerazione il ruolo giocato dalla complessità della struttura della frase, che pone le richieste più intense a lettori e scrittori. A seconda della loro complessità sintattica, due frasi di lunghezza simile porranno richieste molto variabili ai loro lettori e rifletteranno comandi molto diversi di sofisticatezza scritturale. Considera la frase di 39 parole di Entrepreneur.com : è il mattino ti svegli dopo solo un paio d’ore di sonno e ti senti un inferno e continui a dire: “Questo sarà il miglior giorno della mia vita, perché nulla può impediscimi di lavorare Consideriamo ora la frase di 46 parole da The Cultural Logic di Late Capitalism di Frederic Jameson: Torneremo su quel particolare gap o frattura in seguito; basti qui ricordare alcune delle frasi celebri che modellano il processo con cui queste ormai illustre scarpe contadine ricreano lentamente su se stesse l’intero mondo degli oggetti mancanti che un tempo era il loro contesto vissuto. . Con solo il 7% delle sue parole non familiari a un tipico quarta elementare, il primo esempio riporta un punteggio di leggibilità Dale-Chall che lo mette alla portata del quinto-sesto elementare o a circa il livello della maggior parte dei giornali statunitensi a circolazione di massa. Ma, nel secondo campione, il 28% delle parole non rientra nel corpus di 3000 parole per Dale-Chall, rendendo il testo impegnativo nella lettura per chiunque non abbia almeno una laurea.

Perfino il conteggio offerto da New Dale-Chall, per quanto primitivo e limitato possa essere, è molto più sofisticato delle misure che usa lo studio di Smirnov, il quale tiene tutte le parole di tre sillabe da creare uguali. Tuttavia, rimane una domanda più convincente. Perché, in un’epoca in cui le misurazioni della difficoltà delle parole, come Lexile, includono un corpus di oltre un milione di testi per valutare la difficoltà, e i ricercatori hanno accesso a software che valuta accuratamente la complessità delle strutture delle frasi, stiamo ancora contando?

Riferimenti

Chall, JS e Dale, E., 1995. Leggibilità rivisitata: la nuova formula di leggibilità Dale-Chall . Brookline, MA: Brookline Books.

Flesch, R., 1948. Un nuovo metro di lettura. Journal of Applied Psychology , 32 (3), p.221-233.

Gombrich, EH 1961. Arte e illusione: uno studio sulla psicologia della rappresentazione pittorica . New York: Fondazione Bollingen.

Plavén-Sigray, Pontus, Granville James Matheson, Björn Christian Schiffler e William Hedley Thompson. 2017. “La leggibilità dei testi scientifici diminuisce nel tempo.” ELIFE (5 settembre 2017) https://doi.org/10.7554/eLife.27725.001

Smirnov I. (2017) L’effetto Digital Flynn: la complessità dei messaggi sui social media aumenta nel tempo. In: Ciampaglia G., Mashhadi A., Yasseri T. (eds) Social Informatics 10540: 24-30: https://doi.org/10.1007/978-3-319-67256-4_3

Solutions Collecting From Web of "I social media ci rendono più sofisticati scrittori?"