I serial killer femminili non sono un mito

Wikimedia
Fonte: Wikimedia

I media di notizie e intrattenimento hanno reso popolari i serial killer femminili nell'immagine culturale della "Vedova Nera". La serial killer della vedova nera è una donna che uccide tre o più mariti o amanti per guadagni finanziari o materiali nel corso della sua carriera criminale . Il black widow killer è apparso nel 1944 nel film commedia dark classico Arsenic e Old Lace con Cary Grant. Questo film molto popolare racconta la storia immaginaria di due sorelle che uccidono vecchi signori servendo loro vino di sambuco ricoperto di arsenico.

Sebbene costituiscano meno del venti percento di tutti i serial killer, i serial killer femminili sono molto reali e altrettanto letali quanto i maschi. Tuttavia, usano solitamente metodi più silenziosi e meno disordinati per uccidere rispetto alle loro controparti maschili. I metodi che usano per l'omicidio sono più segreti o di basso profilo come l'omicidio per avvelenamento, che è stata la scelta o il modus operandi preferito dalle donne serial killer intervistate in uno studio di ricerca del 2006 (1). Altri metodi di omicidio che sono stati identificati nello studio includono sparatorie, pugnalate, soffocamento e annegamento.

Molti serial killer di sesso femminile sono coinvolti in furti, frodi o appropriazioni indebite prima di diventare assassini a causa del loro interesse per le cose materiali (2). Sebbene la maggior parte dei serial killer di sesso femminile uccida per denaro o altro profitto, alcuni lo fanno per l'attenzione e la simpatia che ricevono dopo la morte di qualcuno a cui si sono presi cura.

Non è raro che i serial killer di sesso femminile vengano impiegati come badanti in case di riposo per anziani. I serial killer di sesso femminile operano generalmente in un luogo specifico che conoscono bene come la loro casa o una struttura sanitaria in cui sono impiegati. Raramente fanno la trolling per le vittime allo scoperto come fanno spesso i serial killer maschili, ma piuttosto trovano le vittime nella loro famiglia o sul posto di lavoro.

Come si applica alla mitologia popolare, i media di notizie e intrattenimento si concentrano su e sensazionalizzano gli atti di violenza e tortura perpetrati da serial killer maschi. I raccapriccianti racconti di atrocità commessi da uomini forniscono contenuti di intrattenimento allettanti per il pubblico. Le descrizioni scioccanti e stereotipate degli assassini seriali maschili servono un vasto mercato di consumatori, quindi le loro storie sensazionalizzate fanno bene ai profitti aziendali.

Allo stesso tempo, tuttavia, le distorsioni dei media rendono un cattivo servizio al pubblico. Sebbene le immagini grafiche di serial killer maschili vendano innumerevoli libri e biglietti per il cinema, perpetuano anche il mito che tutti i serial killer sono uomini dementi.

Forse il famigerato serial killer femminile nella storia degli Stati Uniti è Aileen Wuornos, una prostituta della strada che ha ucciso sette uomini in Florida nel 1989 e nel 1990. È un'eccezione unica al tipico profilo dei serial killer femminili. I Wuornos uccisero all'aperto invece che a casa, uccisero estranei invece di amici o familiari e uccisi per gratificazione personale e il proprio senso di giustizia.

Wuornos è stato spinto a uccidere gli uomini per rabbia e desiderio di vendetta. Ha cercato rappresaglia per una vita di stupri e percosse da parte di uomini, quindi ha ucciso "Johns" o clienti che l'hanno portata lungo le autostrade della Florida. Ha usato una pistola per uccidere le sue vittime maschili che è atipico di un serial killer femminile. Dopo la sua condanna, Wuornos è stata condannata a morte ed è stata giustiziata con un'iniezione letale nel 2002. È diventata infamia dopo l'uscita del film di successo del 2003 Monster Hollywood, in cui è stata interpretata con grande successo di critica da Charlize Theron.

Prima di Aileen Wuornos, il termine "serial killer femminile" era generalmente considerato un ossimoro, anche tra le forze dell'ordine, nonostante numerosi episodi ben documentati di serial killer di sesso femminile nel corso della storia. La mancanza di consapevolezza da parte dell'opinione pubblica di serial killer di sesso femminile prima di Aileen Wuornos è dovuta a precedenti rappresentazioni stereotipate di assassini seriali maschi squilibrati nei media di notizie e intrattenimento.

Prima di Wuornos, i mass media hanno quasi sempre raffigurato un autore seriale come un uomo, in gran parte a causa dell'erronea e paternalistica concezione della società secondo cui le donne non potevano commettere tali crimini. Wuornos divenne infame perché era atipica di serial killer di sesso femminile. Ironia della sorte, è diventata una celebrità mostro perché ha ucciso come un uomo. A differenza degli oscuri e raramente discussi assassini della vedova nera nel corso della storia, Wuornos è diventata un'icona della cultura popolare perché ha sfidato gli stereotipi di genere e si è comportata come un fuorilegge femminile Jesse James.

In un libro di prossima uscita intitolato Women We Love to Hate: Jodi Arias, Pamela Smart, Casey Anthony e altri, esploro l'intenso fascino delle donne assassine e perché sono demonizzate dai media e da gran parte del pubblico. Più specificamente, esaminerò i processi sociali che trasformano certe donne attraenti, giovani e bianche, che sono accusate di omicidio in mostri celebrità di alto profilo.

Nel mio libro attuale, esamino l'intenso fascino del pubblico nei confronti di famigerati e mortali serial killer, tra cui David Berkowitz ("Figlio di Sam") e Dennis Rader ("Bind, Torture, Kill") con cui ho personalmente corrisposto, in Why We Love Serial Killers: il curioso appello degli assassini più selvaggi del mondo . Per leggere le recensioni e ordinarlo ora, visitare: http://www.amazon.com/dp/1629144320/ref=cm_sw_r_fa_dp_B-2Stb0D57SDB

1) Frei, A., Völlm, B., Graf, M. e Dittmann, V. 2006. "Femmina serial killing: Review e case report." Criminal Behavior and Mental Health, 16 (3), pp. 167-176 .
2) Ibid.

Dr. Scott Bonn è professore di sociologia e criminologia presso la Drew University. È disponibile per consulenze specialistiche e commenti sui media. Seguilo @DocBonn su Twitter e visita il suo sito web docbonn.com

Solutions Collecting From Web of "I serial killer femminili non sono un mito"