I rischi della gioia

La scorsa settimana, uno dei miei clienti è tornato da una vacanza esotica e mi ha detto di non aver sentito quasi nulla durante il viaggio. Non provava alcun piacere in nessuna delle sue avventurose attività, e quando c'era una guida coinvolta, il mio cliente si sentiva preoccupato per l'impressione che stava facendo all'altra persona piuttosto che concentrarsi sull'avventura stessa.

In un'altra sessione della scorsa settimana, uno dei miei clienti mi ha parlato di diverse interazioni in cui aveva desiderato il contatto con altre persone, voleva sentire che erano sinceramente interessati a lei, ma quando in realtà le hanno fatto una domanda su se stessa, lei rispose in modo terso, chiuso, che interrompeva il loro interesse.

I problemi che emergono in queste due sessioni mi sembrano simili. Entrambi i miei clienti hanno avuto difficoltà a entrare pienamente in un'esperienza che avrebbe dato loro piacere. Lo vedo come un problema di gioia e dei rischi che comporta. Aprirsi alla possibilità di gioia significa anche esporsi a una potenziale delusione e vergogna.

Entrambi questi clienti lottano con vergogna. Il primo soffre di un'ansia sociale basata sulla vergogna così grave che cerca di assicurarsi che nessuno mai lo "veda" veramente; invece, esercita il controllo su tutto il suo contegno e presenta una personalità completamente regolata, scritta per trasmettere l'impressione che vuole. A livello inconscio (ea volte cosciente), si sente difettoso e danneggiato; farà qualsiasi cosa per evitare di entrare in contatto con la vergogna nel suo nucleo. Di conseguenza, sembra distaccato e privo di emozioni. Sebbene non possa spesso ammetterlo a se stesso, si sente profondamente solo.

Il secondo cliente ha una vita emotiva molto più vivida. Sente una grande angoscia per come appare agli altri, se la rispettano o la vedono invece come incompetente o addirittura peggio, noiosa. Ha amici intimi con cui può essere se stessa; ma con le conoscenze, si sente inibita e di guardia, costantemente preoccupata per l'impressione che sta facendo. Di conseguenza, lei si presenta facilmente come timida o riservata, non veramente aperta al contatto intimo.

Tutto questo mi ricorda la mia famiglia, divisa in due campi diversi che chiamerò ottimisti e pessimisti. Gli ottimisti, di cui sono il principale proponente, si entusiasmano e anticipano le esperienze future; ma di conseguenza, a volte siamo profondamente delusi quando le cose non vanno come speravamo. I pessimisti credono che non si debba essere troppo eccitati per il futuro, perché è probabile che rimarrai deluso. Meglio non eccitarsi in primo luogo che provare un tale dolore.

I pessimisti della mia famiglia a volte mi sembrano senza gioia. È vero che non provano il tipo di dolore che faccio quando sono deluso, ma non godono i loro successi o soddisfazioni tanto quanto me. Aprirti alla possibilità di gioia significa accettare quella dolorosa delusione che potrebbe essere la tua partita. Questo è uno dei temi del mio prossimo libro, The Masks of Shame .

Entrambi i miei clienti conducono vite senza gioia. Trovano quasi impossibile aprirsi alla possibilità della gioia perché sono terrorizzati – non tanto per la delusione quanto per provare vergogna. La mia cliente femminile vuole fortemente un contatto umano significativo, ma teme di incontrare il rifiuto (e la vergogna). Di conseguenza, nasconde il suo interesse e quindi ostacola la potenziale gioia di sentirsi profondamente connessa e conosciuta da altre persone.

Il mio cliente maschio è più pesantemente difeso. Per la maggior parte, ha completamente represso la parte di lui che desidera un contatto umano gioioso e, di conseguenza, conduce un'esistenza senza possibilità di gioia. Sembra rassegnato a una vita senza intimità; aiutare questo cliente a rivelarsi a me, diventare pienamente mio cliente e farmi curare di lui, è stata una grande sfida.

La connessione gioia-vergogna ha le sue radici nella prima relazione madre-bambino e viene meglio compresa in termini di teoria degli affetti. Veniamo in questo mondo innescato per un'interazione gioiosa con i nostri custodi. Godimento-gioia è uno dei nove affetti geneticamente incorporati; quando viene interrotto – diciamo, quando il nostro gioioso interesse per la madre incontra indifferenza o peggio – l'effetto della vergogna è il risultato. Se i bambini hanno quell'esperienza precoce ancora e ancora, quando l'attaccamento tra il bambino e la madre va gravemente male, la vergogna di base è il risultato e il complesso di emozioni intorno al godimento – la gioia si spegne.

In altre parole, la potenziale esperienza della gioia minaccia l'emergere della vergogna e deve essere evitata a tutti i costi. Le pesanti difese contro la vergogna limitano quindi l'opportunità di provare gioia nella vita.

Solutions Collecting From Web of "I rischi della gioia"