I rifugiati LGBTQ mancano di assistenza sanitaria mentale

William Murphy/Flickr
Fonte: William Murphy / Flickr

Nel 2012, il governo canadese ha introdotto tagli al programma federale provvisorio di salute (IFHP), che fornisce copertura sanitaria per gli immigrati che cercano rifugio in Canada. La copertura è stata ridimensionata per la vista e le cure dentistiche, così come i farmaci prescritti. Allo stesso tempo, l'introduzione di Bill C-31, la Protecting Canada's Immigration System Act, ha lasciato i rifugiati senza copertura per i servizi di consulenza e di salute mentale.

Il disegno di legge riguarda tutti i rifugiati e gli immigrati, ma le persone che cercano asilo sulla base della persecuzione per l'orientamento sessuale o l'identità di genere sono state particolarmente colpite da questi tagli.

I rifugiati LGBTQ sono affetti da traumi psicologici derivanti da torture sessuali e violenze volte a "curare" la loro identità sessuale. Spesso alienati dalla famiglia, sono più propensi a fuggire dal loro paese d'origine da soli, e a rischio di depressione, abuso di sostanze e suicidio.

All'arrivo in Canada, i rifugiati lottano con la stessa procedura di reclamo, che è stata citata dai richiedenti asilo e dagli operatori della salute mentale come una fonte importante di stress per i nuovi arrivati. Per gli individui LGBTQ, il processo è ancora più difficile, dover uscire e difendere il loro orientamento dopo una vita passata a nascondere e negare la propria identità.

Nel 2013, sei province canadesi hanno introdotto programmi individuali per integrare la copertura. Il programma di salute temporanea dell'Ontario (OTHP) è entrato in vigore il 1 ° gennaio 2014 e offre ai rifugiati e agli immigrati una copertura sanitaria urgente a breve termine. Ma ancora manca di provviste per i servizi di salute mentale.

L'ideazione dei diritti umani globali LGBT, un'organizzazione e un progetto di ricerca dell'Università di York a Toronto, ha raccolto dati dai focus group con i richiedenti rifugiati LGBTQ sia pre- che post-auditivi. Un recente rapporto dell'avvocato e membro del progetto Rohan Sanjnani spiega come il sistema sanitario dei rifugiati abbia fallito. I richiedenti asilo LGBTQ sono esseri umani che meritano rispetto, dignità e diritto alla vita in base alla Carta dei diritti e delle libertà canadesi. Sanjnani sostiene che i tagli IFHP sono incostituzionali e che i rifugiati sono stati relegati a uno standard sanitario ben al di sotto di quello del canadese medio.

Argomenti come questi hanno portato sfide legali, incoraggiando tribunali e responsabili politici a considerare i diritti LGBTQ nel quadro dei diritti umani globali.

Nel luglio di quest'anno, Bill C-31 è stato incarcerato in un tribunale federale come incostituzionale, ma il governo ha presentato ricorso il 22 settembre. Solo se l'appello fallisce l'assistenza sanitaria degli immigrati potrà essere reintegrata per includere molti dei benefici rimossi nel 2012.

Invertire i tagli ai finanziamenti IFHP non risolverebbe il problema completamente. I richiedenti asilo LGBTQ affrontano la sfida di trovare fornitori di servizi in grado di soddisfare le loro esigenze specifiche. Gli account personali raccolti da Envisioning raccontano una storia di opportunità mancate, accesso limitato ai servizi essenziali e delusione finale.

Negli ultimi due anni sono sorti programmi per rispondere a questi bisogni speciali. A Toronto, uno dei paradisi privilegiati per i rifugiati LGBTQ, alcuni operatori sanitari offrono ora servizi di salute mentale gratuiti ai rifugiati che non hanno copertura. Centri come Rainbow Health Ontario e Supporting Our Youth hanno programmi per aiutare i rifugiati a uscire, e per aiutare con l'isolamento da amici e familiari a casa, e con l'adeguamento a una nuova vita in Canada.

Tuttavia, la necessità di servizi supera di gran lunga i fornitori; e i problemi di accessibilità persistono.

Organizzazioni come Envisioning cercano di creare cambiamenti attraverso canali legali, ma l'opinione pubblica sull'accesso all'assistenza sanitaria LGBTQ deve essere al suo interno perché si verifichi un reale cambiamento. I recenti eventi World Pride svoltisi a Toronto sono stati un passo nella giusta direzione. Ma la formazione specialistica degli operatori sanitari e dell'istruzione pubblica farebbe molto per fornire alla comunità LGBTQ le cure di cui hanno bisogno.

– Sarah Hall, Collaboratrice, The Trauma and Mental Health Report

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "I rifugiati LGBTQ mancano di assistenza sanitaria mentale"