"I ragazzi nella barca"

Nel best seller di Daniel Brown, "The Boys in the Boat", scrive di nove membri dell'equipaggio dell'Università di Washington che mirano a vincere una medaglia d'oro ai Giochi olimpici di Berlino del 1936. I "ragazzi" sono riusciti per molte ragioni, una delle quali è che "guardavano gli impedimenti e vedevano opportunità" (pagina 94). Questi studenti universitari hanno dimostrato incredibile determinazione, cooperazione e autodisciplina. La loro subordinazione dell'ego per il bene della squadra rivelò una nobiltà di carattere che portò al successo alle Olimpiadi di Hitler.

Contrasta la mentalità di questi giovani con quella del criminale. Per un criminale, le avversità sono tutto ciò che soddisfa le sue aspettative che non sono realistiche per cominciare. Esige l'ammirazione e il rispetto degli altri perché è chi è, non a causa di un risultato o di una buona azione. I criminali credono di essere superiori agli altri. A differenza dei "ragazzi nella barca", non sono giocatori di squadra che subordinano i propri desideri alle esigenze di un gruppo (a meno che forse non sia temporaneamente destinato a una banda criminale). Se nove criminali formano una squadra di baseball, ognuno crede che dovrebbe essere il capitano. In caso contrario, o lascerà o si fermerà e renderà la vita infelice per i suoi compagni di squadra. Contrastare questa mentalità con quella degli uomini dell'equipaggio che devono rimanere "intimamente intrecciati" e "sincronizzati con precisione con il movimento di tutti gli altri" (p.89), perché un errore da parte di uno può distruggere il successo dell'intero equipaggio.

Daniel Brown scrive che "i grandi rematori e le donne di mare … devono essere quasi immuni dalla frustrazione" (pagina 178). Confrontalo con il criminale che è frustrato e irato alla minima battuta d'arresto o sfida alla sua immagine di sé gonfiata. I criminali creano avversità, quindi incolpano gli altri.

I criminali non fanno buoni membri della squadra perché si risentono di sentirsi dire cosa fare. Insistono per essere al comando. Anche se hanno legittimamente autorità, sono irrequieti, insoddisfatti e sfruttano le posizioni che hanno. Raramente considerano il benessere degli altri o di un'organizzazione, a meno che ciò non comporti un arricchimento personale o un potere maggiore.

Un lettore di questa colonna potrebbe pensare che ho semplicemente affermato l'ovvio – che la personalità criminale ha poco in comune con le personalità del vogatore del team olimpico. Ricordo al lettore la visione ancora prevalente che i criminali sono come tutti gli altri, ma si comportano come fanno principalmente a causa di cose sfortunate che sono successe a loro che non sono loro colpa.

I membri dell'equipaggio dell'Università di Washington non permisero alle avversità di sconfiggerli. Joe Rantz, il giovane vogatore che è il personaggio principale del libro, ha vissuto numerose difficoltà tra cui essere abbandonato dalla sua famiglia all'età di quindici anni. L'esistenza impoverita che Joe ha sopportato mentre lottava per vivere da sola ha avuto un profondo impatto. Con determinazione costante e immenso coraggio, Joe capì come superare quelle circostanze, guadagnandosi infine un posto tanto ambito nella squadra dell'Università di Washington.

Alla domanda sul perché non fosse arrabbiato con la famiglia che lo ha abbandonato, Joe ha risposto: "Ci vuole energia per arrabbiarsi. Ti mangia dentro. Non posso sprecare la mia energia in questo modo e aspetto di andare avanti "(p.134). La prospettiva di Joe era in netto contrasto con quella del criminale che è perennemente arrabbiato con un mondo che non soddisfa le sue esigenze. Le caratteristiche della personalità dei "ragazzi nella barca" sono radicalmente diverse da quelle dei criminali che si percepiscono come il centro dell'universo attorno al quale tutti gli altri devono ruotare.

Solutions Collecting From Web of ""I ragazzi nella barca""