I programmi di moderazione incoraggiano bere alcolici?

Di Adi Jaffe, Ph.D. e Marc F. Kern, Ph.D.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su rehabs.com (lo trovi qui)

Come ricorderete, la prima parte di questa serie si è concentrata sull'introduzione di una serie di miti che sono la causa principale, secondo noi, dietro la scarsità del programma di trattamento per non astinenza negli Stati Uniti (Europa e Australia no hanno un divario così ovvio).

Per esaminare, i motivi che avevamo chiamato nell'ultimo pezzo erano:

  1. L'idea che i programmi di moderazione danno il permesso ai "veri alcolizzati" di continuare a bere.
  2. Il timore è che le persone che sono attualmente astinenti decidano di provare a bere di nuovo pensando che dovrebbero essere in grado di moderare.
  3. La convinzione che l'uso di una sostanza che altera la mente, specialmente da parte di individui che in precedenza hanno lottato con loro, è un mezzo di fuga e quindi malsana anche se attualmente non è problematica.

Abbiamo affrontato la prima di queste ultime volte, quindi siamo pronti per passare alla # 2 della lista …

Alcolisti astinenti ovunque cercheranno di tornare a bere

In primo luogo, devo dire che questo argomento specifico è inquietante in quanto suggerisce una vera paranoia, in certi ambienti, sulla presa molto leggera dei membri della comunità di recupero sulla loro vita. In effetti, questo non è altro che un'aringa rossa. Vale a dire – se credi veramente che la semplice disponibilità di opzioni per bere causerà un individuo astinente a buttar via il loro programma attuale. stai anche suggerendo che un tale individuo non è affatto soddisfatto della loro esperienza presente. Ciò sembrerebbe sostenere l'idea che esiste un problema con il sistema attuale che richiede specificamente nuove idee!

Ora sono sicuro che i diabetici positivi potrebbero saltare la possibilità di interrompere l'iniezione di insulina, ma la libertà di fare un simile esperimento è sempre a loro disposizione, indipendentemente dalle nostre raccomandazioni. Lo stesso vale per gli individui astinenti in fase di recupero: possono sempre decidere di bere di nuovo, e molti infatti lo fanno. Questo è il motivo per cui i tassi di successo per l'astinenza completa di 12 mesi dopo il trattamento rientrano nell'intervallo 5% -15%.

Inoltre, questa particolare paura è quella che può essere facilmente gestita da principi di ammissione eticamente sani. Per esempio, le alternative semplicemente non accettano i clienti astinenti che stanno cercando di scoprire se possono ancora bere. Come ho detto personalmente ai 2-3 chiamanti che abbiamo avuto chi ha espresso interesse in questo, "Trattiamo le persone con problemi attuali di droga e alcol." Se una persona vuole cimentarsi nel bere dopo un lungo periodo di astinenza, è il benvenuto partecipare ad alcune riunioni di auto-aiuto e di sostegno tra pari specificamente destinate a tale scopo (come la gestione della moderazione) . Poiché meno dello 0,5% delle nostre telefonate ha addirittura proposto un simile corso per il trattamento, non sono troppo preoccupato per questo problema su larga scala.

La verità è che molte persone che sono state astinenti con successo sono molto soddisfatte della loro nuova vita e non sono affatto interessate a reintrodurre l'alcol nelle loro vite . Questo è a malapena il problema. Invece, il problema è che la maggior parte delle persone che lottano con l'uso di sostanze (il 90% per l'esattezza) non entrano mai in trattamento (SAMHSA, 2010; Center for Substance Abuse Research, 2012) e che una piccola percentuale di coloro che entrano in terapia trovano successo recupero. Ci stiamo occupando di circa l'1% dei problemi di uso di sostanze che vengono gestiti con successo ora – L'obiettivo è di introdurre un'opzione di trattamento che aumenti la portata del trattamento e gli approcci di astinenza semplicemente non lo fanno.

E la ricerca suggerisce che l'introduzione di opzioni di non astinenza aprirebbe il trattamento a milioni di più! Il Centro per la ricerca sull'abuso di sostanze ha rilevato che il 40% delle persone che non sono entrate nel trattamento citava "Non pronto a smettere di usare" come una delle ragioni principali. La mia ricerca UCLA e NIDA (Jaffe, 2013) supporta questa scoperta in un gruppo di persone che cercano cure online. Tutto questo suggerisce che piuttosto che servire da scusa, offrire metodi di non astinenza è un passo necessario per aprire soluzioni per le decine di milioni di americani che lottano con problemi di uso di sostanze. Le loro lotte con la depressione, l'ansia e altre condizioni concomitanti (Jaffe, 2007) saranno notevolmente alleviate se smettiamo di attenerci a dogmi superati che semplicemente non sono sufficienti.

Testa fuori di sabbia ora per favore.

citazioni:

CESAR (2012). Mancanza di motivazione per smettere e copertura sanitaria: i principali motivi per non ricevere l'alcol o il trattamento farmacologico necessari.

Jaffe A., Colman A., e Strahl W. (2014, agosto). Non vergognoso ma ancora troppo povero: cambiamenti longitudinali negli ostacoli all'accesso alla terapia per i richiedenti trattamento online. Documento presentato alla 3a conferenza annuale sulla terapia e la ricerca sulle dipendenze, Chicago, IL.

Jaffe, A., Shoptaw, S., Stein, JA, Reback, CJ e Rotheram-Fuller, E. (2007). Rating di depressione, comportamenti a rischio sessuale segnalati e uso di metanfetamina: modelli di curva di crescita latente di cambiamento positivo tra uomini gay e bisessuali in un programma di trattamento ambulatoriale. Psicofarmacologia sperimentale e clinica, 15, 301-307.

Abuso di sostanze stupefacenti e amministrazione dei servizi di salute mentale (SAMHSA), risultati dell'indagine nazionale sulle famiglie sull'uso e la salute delle sostanze stupefacenti 2007-2010: risultati nazionali, 2010

© 2014 Adi Jaffe, tutti i diritti riservati

Cerca Rehab con il Rehab-Finder A3

Mailing List di Adi | E-mail di Adi | Segui Adi su Twitter

Diventa un fan su Facebook | Connettiti con Adi su LinkedIn

Solutions Collecting From Web of "I programmi di moderazione incoraggiano bere alcolici?"