I professionisti se ne vanno, ma l'abuso e il controllo continuano

La vittima ha smesso di contattare la polizia o di incontrare il suo avvocato per violenza domestica. Ha rinunciato al suo avvocato. L'ordine protettivo è scaduto. I professionisti ritengono che la violenza domestica sia "finita". Ma troppo spesso, i molestatori interferiscono con la vita dei loro ex partner per mesi, anni o persino decenni dopo che i servizi e i sistemi sono andati avanti. Le persone spesso trattano i sopravvissuti alla violenza domestica che parlano di ciò che stanno vivendo come se fossero pazzi, esagerando o inventando storie. È difficile per le persone credere che la fine formale di una relazione (come lo spostamento o il divorzio) non significhi sempre la fine del comportamento abusivo o di controllo. Troppo spesso, l'abuso assume solo nuove forme. L'abuso persistente può presentarsi come:

Molestie: ogni pochi mesi, l'ex marito di Sally gettava le cose a casa sua nel cuore della notte. Avrebbe continuato a farlo fino a quando non accendesse la luce. Una volta saputo che l'aveva svegliata, se ne sarebbe andato. Questo comportamento continuò anni dopo il loro divorzio, e anche dopo che si era risposato. La polizia le disse che non c'era modo di dimostrare che il suo ex marito era responsabile. Hanno anche detto che, poiché la casa non è stata danneggiata, non c'era "nulla da perseguire".

Intimidazione travestita da gentilezza: l'ex fidanzato di Tracie irruppe in casa sua ogni pochi mesi e lo pulì. Quando chiamò il 911, il dispatcher rispose che desiderava avere "un ladro del genere". Il dispatcher non capì la sensazione che qualcuno entrasse nella casa di Tracie senza il suo permesso e toccando tutte le sue cose; soprattutto una persona che una volta le aveva causato un grande danno. Altri molestatori inviano carte di compleanno e di festa, lasciano fiori sulla soglia, lasciano "note d'amore" sulla macchina del bersaglio e si impegnano in altri atti che non sono apertamente violenti ma sono ancora progettati per intimidire. Mentre questi comportamenti si qualificano tecnicamente come stalking, i pubblici ministeri raramente li perseguono. Sfortunatamente, a volte i giudici, la polizia e i familiari osservano questi comportamenti come "dolci" o romantici, sottovalutando la paura che essi inducono. Questi comportamenti hanno lo scopo di invocare la paura e comunicare a un ex partner: "Non sarai mai libero da me".

Sessualmente coercitiva: Cassandra ha abusato di alcolici mentre era sposata con un uomo che controlla in modo coercitivo, Tom. Anche se si svegliò quando si separarono, Tom distrusse la sua reputazione in tribunale e ottenne la piena custodia della loro giovane figlia. Per un decennio, Tom ha costretto Cassandra a compiere atti sessuali umilianti se voleva visite con sua figlia. Quando ha cercato di cambiare custodia o combattere per ulteriori visite, avrebbe trascinato la sua storia e l'avrebbe distrutta di nuovo in tribunale. Poi l'avrebbe privata delle visite per settimane. Se Cassandra voleva qualsiasi contatto con la figlia, era obbligata a soddisfare le sue richieste sessuali.

Stalking: Margarita ha riferito occasionalmente di essere seguita mentre guidava dal suo ex-ragazzo dopo che si erano separati. Quando ha contattato la polizia o discusso della situazione con gli amici, ha incontrato domande del tipo: "Come sai che non stava semplicemente andando nella tua stessa direzione?" Una volta, quando credeva di essere seguita, ha fatto quattro a destra gira intorno a un blocco. E poi lo ha fatto ancora e ancora. Ogni volta che il veicolo dietro di lei si girava con lei. La polizia ha respinto le sue preoccupazioni, dicendo che questo comportamento non era illegale, che il suo ex si sarebbe stancato di esso, e che la sua migliore opzione era "aspettare". Questo è continuato per anni.

Passeggiando per la Visitazione minorile: comunemente, i giudici chiederanno alle donne che ricevono ordini di protezione come si assicureranno che il padre abbia ancora accesso ai bambini; Raramente assicurano che gli scambi dei bambini siano sicuri per la madre. Allo stesso modo, raramente chiedono alla madre se i bambini sono sicuri di visitare il padre o vogliono vedere il padre. Solitamente non chiedono ai padri se sono interessati alla visita con i loro figli. Tutta la responsabilità per organizzare la visita paterna ricade sulla vittima, che potrebbe dover inseguire il padre per placare il giudice. Gli abusanti usano spesso le visite per stalking, seguendo le vittime a casa dopo le visite o persino piazzando inseguitori sul veicolo della vittima o negli effetti personali dei bambini.

Manipolare i bambini: anche dopo che la relazione è finita, i molestatori reclutano i bambini per spiare o tormentare la loro madre o girare i bambini contro di lei. Quando una vittima è finalmente riuscita a separarsi da un molestatore, potrebbe trovarsi soggetta ad abusi per procura, attraverso i suoi figli.

Liz Bannish, with permission
Fonte: Liz Bannish, con permesso

Monitoraggio e sorveglianza : l'ex marito di Laura ha lavorato in tecnologia. Quando vivevano insieme, aveva segretamente installato le telecamere in tutta la casa, usato un registratore di tasti per monitorare la sua attività online e rintracciato dove si trovava attraverso il suo telefono cellulare. Comprò un nuovo cellulare e fece pulire il suo computer dal software dannoso. Un detective ha setacciato la sua casa per le telecamere segrete. Ha installato un sistema di sicurezza a casa sua e ha fatto attenzione a utilizzare un nuovo codice chiave. Un giorno, mentre guidava con suo figlio in macchina, il padre ha chiesto al ragazzo il codice chiave del sistema di sicurezza, così da poter raccogliere qualcosa che il figlio aveva lasciato a casa di Laura. Non volendo "fare storie" davanti ai bambini, Laura gli ha dato il codice chiave. Ha rinunciato alla possibilità di privacy.

Stalking by Proxy: Sebbene Harry abbia rotto con il suo fidanzato, Michael, ha comunque chiarito che non voleva che Michael uscisse con nessun altro. Harry iniziò a frequentare l'unico altro omosessuale nell'ufficio di Michael e lo interrogò regolarmente sulle abitudini di Michael. Ha diffuso voci nell'ufficio su Michael attraverso il suo nuovo fidanzato.

" Abuso di carta :" Alcuni molestatori perseguitano i loro ex partner per anni attraverso i tribunali. Presentano numerose petizioni per modifiche in custodia o visite. Chiamano le autorità a denunciare il loro ex partner per pedofilia, sapendo che lei è innocente, solo per interrompere la sua vita. Si rifiutano di concedere il divorzio e trascinano il procedimento il più a lungo possibile. Possono persino presentare una "inversione" del loro divorzio.

Anche dopo che si sono separati, alcune vittime sanno che non saranno mai completamente libere dal loro aggressore. L'aggressore non lascerà andare. Queste vittime percorrono un sentiero molto solitario. A volte non sono più idonei per servizi o anche per un ordine di protezione. E i professionisti potrebbero non essere interessati ad aiutarli quando l'abuso si è trasmutato da acuto a cronico. Queste vittime a lungo termine diventano silenziose riguardo alle loro esperienze.

Stephanie Russo, LMSW, descrive la sua esperienza personale di abuso post-relazione nel suo video, The Art of War. Descrive di innamorarsi e diventare una moglie di soldati, affrontando quindi anni di difficili scelte nei suoi sforzi per sopravvivere.

Mentre alcuni pubblici ministeri e dipartimenti di polizia prendono sul serio queste intimidatorie tattiche post-relazioni, altri no. Le leggi statali variano nelle protezioni che offrono. Anche se non è perfetto, in Inghilterra e nel Galles, il comportamento coercitivo e di controllo di un ex-partner attuale o precedente è illegale. Senza queste protezioni, avere una volta un rapporto di controllo e abusivo può essere un ergastolo per le vittime, anche quando hanno fatto "tutte le cose giuste" per liberarsi.

Solutions Collecting From Web of "I professionisti se ne vanno, ma l'abuso e il controllo continuano"