I professionisti devono riconoscere e fermare il bullismo anti-gay

"Non dovresti essere un eroe per passare attraverso l'adolescenza".
(Avvocato giovanile citato in Drifting Toward Love di Kai Wright).

Tutte le storie hanno un inizio. La maggior parte dei 65 giovani intervistati che ho intervistato per il libro: Coming Out, Coming Home: aiutare le famiglie ad adattarsi a un bambino gay o lesbico (www.comingoutcominghome.com), ha descritto la consapevolezza di avere attrazioni dello stesso sesso come un lento accoppiamento accoppiato con la tormentata consapevolezza che c'era qualcosa di sbagliato, molto sbagliato, nel modo in cui si sentivano. Hanno capito che se i loro pari oi loro genitori hanno scoperto i loro sentimenti sessuali, hanno rischiato di diventare oggetto di rifiuto e abuso.

Sfortunatamente, per alcuni di questi bambini, i loro coetanei hanno capito cosa c'era. Gli adolescenti sono guardiani con lo sguardo falco dello status quo, punendo severamente coloro il cui comportamento non rientra nelle strette norme di genere della società e per alcuni degli sfortunati intervistati nel mio studio che hanno inavvertitamente rivelato comportamenti di genere incrociato, le conseguenze sono state brutali.

Una volta che ho raggiunto la scuola media, penso che davvero altri ragazzi abbiano capito prima di me.
Ero abituato a essere sempre gay e non sapevo cosa
significava. . . .Non ero il ragazzo più mascolino (ricordato da un gay di ventun anni).

Sono stato picchiato molto. Non avevo molti amici, erano piuttosto scoraggiati.
Un sacco di ragazzi si prenderebbero a prendermi. . . . Mi chiamerebbero dyke e beat
me up (lesbica di vent'anni).

Aggiungendo la beffa al danno, gli adulti che lo hanno assistito spesso non hanno fatto nulla per fermarlo. Come ricordato da questo diciannovenne.

Be ', vedete, ho avuto la colite l'estate dopo il mio anno di scuola elementare, che è stato il mio peggior anno di scuola. I bambini mi picchiavano senza pietà e il mio insegnante non faceva niente, assolutamente nulla. Ed ora è il vicepreside!

Chiaramente, questi ragazzi non erano soli. Un recente sondaggio condotto su oltre 6000 lesbiche, gay, bisessuali e transgender, condotto da Gay, Lesbian e Straight Education Network (GLSEN) ha rilevato che oltre l'86% ha riferito di essere molestato con il 44% di denunce spinte, spinte, prese di mira, o feriti con un'arma a causa del loro orientamento sessuale o identità di genere.

Inoltre, la ricerca mostra che tali molestie possono avere un effetto devastante sulla salute mentale e sul rischio di suicidio dei bambini LGBT. Le ferite persistono fino all'età adulta, rendendo le persone LGBT inclini a depressione, ansia e bassa autostima come indicano le esperienze dei miei clienti e degli intervistati.

Per i bambini del mio studio, ciò che aggravava i loro sentimenti di stigmatizzazione, paura e isolamento era che dovevano nascondersi dai loro genitori – le stesse persone a cui si rivolgevano normalmente per ricevere conforto, supporto e consigli. Avevano anche paura di dire ai consulenti o ai loro assistenti sociali a scuola per paura che questi aiutanti li rifiutassero o, peggio, condividessero il loro segreto con i loro genitori.

Quindi, cosa si può fare per aiutare questi bambini?

La maggior parte di noi che sono fornitori di servizi di salute mentale o educatori sono a proprio agio lavorando con i giovani incaricati uno a uno o in classe, ma quando iniziamo a pensare di cambiare i sistemi che influenzano la vita di questi ragazzi, beh, questa è un'altra storia. E non c'è da meravigliarsi: è un compito difficile affrontare la politica e le politiche scolastiche e comunitarie in modo efficace, ma si spera che non metta in pericolo il nostro lavoro. Tuttavia, se vogliamo davvero aiutare i bambini gay e lesbiche e anche i bisessuali e transgender, dobbiamo uscire dai nostri uffici e aule scolastiche, lasciando indietro le nostre zone di comfort.

Bulli e compagni molesti non sono la progenie del diavolo, allettante quanto potrebbe essere per coloro che testimoniano i loro misfatti a pensarla così. Come tutti noi, sono nati e cresciuti in un mondo omofobo ed eterosessico e sono quindi prodotti del loro ambiente. Pertanto, il modo di aiutare i giovani che stanno lottando per venire a patti con il loro orientamento sessuale è quello di intervenire nelle loro scuole per contribuire a ridurre l'omofobia. In tal modo, i professionisti del servizio umano e dell'istruzione possono contribuire a rendere questi luoghi più favorevoli allo sviluppo sano dei loro studenti gay.

Come primo passo, sarebbe necessaria una valutazione ambientale. La scuola è un luogo che accoglie e accetta studenti LGBT? Ci sono docenti apertamente LGBT? La scuola sponsorizza un gruppo di supporto LGBT? Il materiale sulle persone LGBT è incorporato in programmi che educano gli studenti alla diversità? Durante la mia ricerca ho notato che i bambini che frequentavano scuole che avevano tali risorse riferivano meno molestie di quelli che frequentavano scuole che non lo facevano. In che modo il bullismo antigay e le molestie tra pari sono rivolte a livello istituzionale? I professionisti della scuola intervengono o semplicemente lo ignorano?

I professionisti della salute mentale e dell'educazione che hanno a cuore i giovani dovrebbero sostenere questo gruppo vulnerabile rivolgendosi agli amministratori della scuola per servizi come gruppi di sostegno e l'educazione alla tolleranza e all'antiviolenza per l'intero corpo studentesco. Certo, nelle scuole con genitori, insegnanti e consigli scolastici politicamente e religiosamente conservatori, stabilire tale programmazione sarebbe difficile. Tuttavia, ci sono risorse disponibili sviluppate da coloro che hanno precedentemente tracciato questi percorsi. I professionisti del servizio umano o chiunque desideri assistere i giovani LGBT possono contattare organizzazioni nazionali come Gay, Lesbian e Straight Education Network (GLSEN, www.glsen.org, 212-727-0135) e Genitori, Famiglie e Amici di Lesbiche e Gays (PFLAG, www.pflag.org, 202-467-8180) per informazioni e supporto tecnico su come stabilire tali gruppi e su come difendere gli studenti LGBT anche nelle strutture scolastiche più ostili.

Anche se intraprendere questi passi potrebbe non essere facile, i bambini feriti hanno bisogno del nostro aiuto e ci stanno aspettando – gli adulti responsabili – per fare la cosa giusta.

Solutions Collecting From Web of "I professionisti devono riconoscere e fermare il bullismo anti-gay"