I problemi di salute mentale di iGen scompaiono

Quanto deve essere importante la differenza per avere importanza? Questo è un dibattito chiave in diverse aree della psicologia, compresa la psicologia culturale, la psicologia sociale e lo studio delle differenze tra i sessi (si veda l'approfondito articolo di David P Schmitt sulle differenze sessuali, il cui titolo ho adattato qui).

Dopo che il mio estratto del libro iGen sulle preoccupanti tendenze della salute mentale tra gli adolescenti e la loro possibile connessione agli smartphone è stato pubblicato nell'Atlantico, ho sentito da molti terapeuti, genitori e insegnanti che hanno osservato in prima persona come gli smartphone hanno colpito gli adolescenti. Altri hanno pubblicato le risposte al pezzo discutendo di questi problemi, utilizzando una serie di tecniche per ridurre al minimo le differenze generazionali.

Innanzitutto, Alexandra Samuel ha pubblicato un grafico colorato della felicità degli utenti di social media elevati e bassi tra i dodicesimi selezionatori nel 2015 nel vasto sondaggio Monitoring the Future, trovando poca differenza. Nelle analisi per il mio libro, iGen, ho invece incluso i dati di tutti gli anni in cui è stata posta la domanda delle ore sui social media (2013, 2014 e 2015) e di tutti e tre i gradi (8 °, 10 ° e 12 ° livello).

Samuel ha scelto l'anno e il gruppo di età con la correlazione più bassa tra l'uso dei social media e la felicità. Il collegamento è più grande per l'8 ° e il 10 ° selezionatore e più grande quando tutti e tre gli anni sono inclusi per i 12 ° elementare. Ecco la figura 3.6 di iGen :

Jean Twenge
Figura 3.6 in iGen. Fonte: monitoraggio dei dati futuri
Fonte: Jean Twenge

Questo è il motivo per cui è stato sorprendente e anche un po 'strano quando Elizabeth Nolan Brown, scrivendo su Buzzfeed, ha affermato di aver portato "uno studio suggerendo più infelicità tra gli studenti dell'ottavo anno che sono pesanti utenti di social media, ma non menziona che lo stesso studio non ha avuto alcun effetto per la dodicesima elementare. "Lo" studio "a cui si riferisce è questo – dal mio stesso libro. E quando tutti i dati sono inclusi, c'è in realtà una correlazione significativa tra la felicità e le ore trascorse sui social media tra i 12 ° elementare.

Samuel ha anche mostrato un grafico della felicità della dodicesima classe nel tempo, anche se ha usato percentuali anziché mezzi, è difficile distinguere le linee di tendenza. E ancora una volta, evidenzia il tratto e il gruppo di età con il minimo cambiamento. Ecco la felicità nel tempo per l'8 °, il 10 ° e il 12 ° classificatore:

Jean Twenge
Mean happiness, 8 °, 10 ° e 12 ° elementare, Monitoring the Future
Fonte: Jean Twenge

Samuel si chiede anche come avrei potuto scoprire, solo pochi anni fa, che la felicità adolescenziale stava salendo. Come mostra questo grafico, la risposta a questa domanda è semplice: la felicità dei teenager è aumentata, e poi è andata giù.

Sebbene sia evidente, il declino della felicità è relativamente piccolo e viene misurato con un solo oggetto. Per vedere meglio il benessere dei ragazzi, aiuta a guardare molti indicatori diversi. Per esempio, ecco la percentuale che segna un punteggio di 3 su 5 su una misura di depressione di 6 item, per sesso:

Jean Twenge
8 °, 10 ° e 12 ° classificatore con un punteggio di 3 su 5 o superiore sui sintomi depressivi, per sesso, 1991-2015, Monitoraggio del futuro
Fonte: Jean Twenge

Il passaggio tra le ragazze non è un piccolo cambiamento: è un aumento del 50%. Anche l'aumento del tasso di suicidi è grande – secondo il CDC, è triplicato tra le ragazze e raddoppiato tra i ragazzi di età compresa tra 10 e 14 anni e aumentato del 50% tra i 15 ei 19 anni. Inoltre, lo studio di screening nazionale NS-DUH ha riscontrato un aumento del 50% della depressione a livello clinico tra i 12 ei 17 anni in soli 4 anni (dal 2011 al 2015). Un altro studio ha rilevato che il numero di bambini e adolescenti ammessi negli ospedali per pensieri suicidi o autolesionismo è raddoppiato negli ultimi 10 anni. In altre parole, i problemi di salute mentale più gravi hanno mostrato i maggiori aumenti.

Ma cosa sta causando queste tendenze inquietanti? Loro sono all'inizio della Grande Recessione di circa 5 anni, quindi i fattori economici ciclici sembrano improbabili. Il più grande cambiamento nella vita dei ragazzi tra il 2011 e il 2015 è stata l'adozione estremamente rapida dello smartphone. E abbastanza sicuro, gli adolescenti che passano più tempo sugli schermi hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute mentale. Ciò suggerisce che l'avvento dello smartphone potrebbe essere una delle cause del deterioramento della salute mentale.

Alla Slate, Lisa Guernsey ha sollevato correlazione e causalità: "dobbiamo capire meglio cosa sta causando cosa. I social media e la comodità dei nostri dispositivi mobili causano la depressione dei giovani? Oppure, potrebbe essere il contrario: sono già più depressi e si rivolgono ai loro telefoni per il conforto? "Tuttavia, tre studi hanno praticamente escluso quest'ultima possibilità (discussa in dettaglio qui). Due studi che hanno seguito le stesse persone nel tempo hanno rilevato che un maggiore utilizzo dei social media ha portato all'infelicità, ma l'infelicità non ha portato a un maggiore utilizzo dei social media. Un terzo studio era un vero esperimento (che può determinare la causalità); ha assegnato a caso gli adulti a rinunciare a Facebook per una settimana, oppure no. Coloro che hanno rinunciato a Facebook hanno concluso la settimana più felici, meno soli e meno depressi. Tutti e tre questi studi suggeriscono che l'uso dei social media provoca infelicità / depressione, piuttosto che un minore benessere che causa infelicità.

Anche la depressione che causa l'uso dei social media non può spiegare perché la depressione aumenterebbe così improvvisamente dopo il 2011-12. Se l'aumento della depressione si fosse verificato prima, un altro fattore sconosciuto avrebbe dovuto causare un aumento vertiginoso della depressione, che avrebbe portato a un maggiore utilizzo di smartphone e social media. Sembra molto più probabile che l'uso di smartphone e social media sia aumentato e che l'aumento dei sintomi della depressione sia seguito.

Guernsey scrive di vedere solo due soluzioni: "C'è la via del laissez faire: 'Non preoccuparti, i bambini sono bambini, almeno non stanno facendo droghe, lasciami tornare al mio telefono.' Oppure ce n'è uno impossibile: togli quei telefoni dalle mani dei tuoi ragazzi e digli di tornare subito nel 1985, proprio ora, senza fare retrospie ".

Nessuno ha bisogno di tornare al 1985, perché c'è una terza soluzione: uso moderato. Come altri hanno anche riscontrato, l'uso di smartphone o internet fino a un'ora o due al giorno non è legato a problemi di salute mentale o infelicità. (Ecco la Figura 3.10 di iGen, che riguarda anche il punto di Samuel sulla quantità di utilizzo, ma con i dati di tutte le età e di tutti gli anni). Sono due ore al giorno e oltre questo è il problema.

Jean Twenge
Figura 3.10 di iGen: 8 °, 10 ° e 12 ° classificatore, Monitoraggio del futuro e selezionatori nono-dodicesimo, Sistema di sorveglianza del rischio per i giovani (CDC)
Fonte: Jean Twenge

Lo stesso vale per i social media: sono due ore al giorno di utilizzo e oltre, dove l'infelicità inizia davvero ad aumentare. Quindi non c'è bisogno di portare via il telefono – invece, mettere limiti alla quantità di tempo che gli adolescenti trascorrono online o sui social media (c'è un'app per questo – diversi, in realtà, tra cui Kidslox e Teen Safe).

Poi c'è il pezzo di Brown su Buzzfeed. Non parlerò qui di ciò che dice del mio precedente lavoro sui Millennials, poiché tutto ciò che lei menziona è stato confutato tante volte prima, e così a fondo, la maggior parte di esso più di 7 anni fa. Naturalmente, lei non menziona una sola di quelle risposte di confutazione. (Tratta anche alcuni classici trucchi subdoli, come scrivere che il Chronicle of Higher Education "ha dichiarato" qualcosa, quando l'articolo è stato effettivamente scritto da un professore della Texas A & M International University).

Una volta che hai superato il bluster, ecco i punti principali di Brown su iGen:

• Scrive che non ho incluso "la controprova [che] include ampi dati che dimostrano che la Gen Z, come i millennial prima di loro, ha tassi di fumo molto più bassi, sesso non protetto, incidenti automobilistici, uso di alcool e gravidanze adolescenti … Twenge ignora tutto questo. "In effetti, il mio estratto del libro nell'Atlantico menziona – e nel caso del sesso adolescenziale, anche dei grafici – queste tendenze.

Jean Twenge
La figura sul sesso adolescenziale tratta dall'articolo / estratto del libro sull'Atlantico.
Fonte: Jean Twenge

Inoltre, documenterò ampiamente queste tendenze nei Capitoli 1 e 6 di iGen: c'è un'intera sezione sul declino dell'uso di alcol e due grafici sul declino degli incidenti automobilistici. Il sesso teenager è il terzo grafico del libro; la gravidanza da teenager è la quarta. Questa non è una "controprova": i dati sono una parte centrale del mio libro. L'articolo sull'Atlantico lo mette addirittura in evidenza: "i post-Millennials sono più sicuri, fisicamente, che gli adolescenti siano mai stati". Questo è uno dei temi principali del mio libro: iGen è fisicamente più sicuro ma più mentalmente vulnerabile.

Jean Twenge
Figura 1.4 di iGen: il tasso di natalità negli adolescenti negli Stati Uniti, 1980-2016
Fonte: Jean Twenge

Qui, Brown sembra presumere che, poiché documento le lotte di iGen con la salute mentale, devo pensare che tutte le tendenze generazionali sono cattive e che la generazione è tutta negativa. Niente affatto: alcune delle tendenze sono buone, altre no e alcune sono neutre.

Sembra anche pensare che io creda automaticamente che tutte le tendenze – anche quelle che la maggior parte della gente vedrebbe come buone o neutrali – sono cattive, per adattarsi a una tesi negativa predeterminata che in realtà non ho. Ad esempio, lei chiede: "Perché dovremmo lamentarci, come fa Twenge, di una riduzione del 50% dagli anni '70 nell'ottavo elementare che lavora per la retribuzione?" Ma non me ne lamento. Invece, osservo che vedere le tendenze come buone o cattive non tiene conto del quadro generale, ovvero che gli adolescenti impiegano più tempo a dedicarsi sia ai piaceri che alle responsabilità dell'età adulta. Alcuni di questi sono buoni (meno adolescenti rimangono incinte), ma la maggior parte non sono né buoni né cattivi (meno guida e lavoro). Sara Rose Cavanaugh fa la stessa ipotesi, dicendo che "metto da parte" le buone tendenze. Neanche vicini: si trovano nel capitolo 1 di iGen – davanti e al centro, esattamente l'opposto di essere messi da parte.

Brown e Cavanaugh sembrano non essere in grado di comprendere la semplice idea che una generazione possa dimostrare tendenze sia positive che negative. Credono che sto dicendo che è tutto negativo (che non sono), quindi cercano di dimostrare che è tutto buono (che non lo è).

La loro argomentazione sembra essere "IGen ha meno probabilità di fumare e di entrare in incidenti automobilistici, quindi non possono essere depressi". È come dire "I bambini hanno delle belle guance paffute e dicono cose carine, quindi non possono avere alcun carattere "I comportamenti non sono collegati – è solo che i primi set sono" buoni "e quelli successivi sono" cattivi ". Sia le cose" buone "che quelle" cattive "possono essere vere allo stesso tempo.

• Brown ripete l'affermazione di Cavanaugh che ho ignorato gli studi che non mostravano un legame tra l'uso dello schermo e il benessere. Come notato più dettagliatamente qui, l'articolo sull'Atlantico era un estratto di un libro, quindi non sorprendentemente includeva le analisi del libro, basate sulle grandi indagini nazionali sugli adolescenti. Quelli hanno mostrato correlazioni negative tra il tempo sullo schermo e il benessere. Inoltre, una recente meta-analisi di 67 studi ha riscontrato anche una correlazione negativa media. Quindi questa idea non regge.

• Poi osserva: "Gli adolescenti oggi escono senza supervisione di meno. Ci sono ragioni per questo, a parte il fatto che gli adolescenti siano vittime di guscio di esseri umani – come una maggiore partecipazione alle attività extracurricolari e alle attività organizzate – che potrebbero spiegare questo. "Tranne che non c'è stato alcun aumento nella partecipazione alle attività extrascolastiche. Come ha osservato l'articolo sull'Atlantico , "Il tempo che gli studenti delle scuole superiori spendono in attività come club per studenti, sport ed esercizio fisico è cambiato poco negli ultimi anni." Il libro dedica 3 pagine nel testo principale (incluso 1 grafico) e 2 grafici nelle appendici ai dati sul tempo dei compiti (in calo o invariato dagli anni '80 / '90 agli anni 2010) e tempo di attività extrascolastiche (invariato). Guernsey ipotizza anche che sia il momento delle extracurriculars, ma non può esserlo, perché non è cambiato.

• Brown conclude: "I bambini, per quasi tutte le misure, sono più che buoni".

Vorrei che fosse vero. Ma quando il CDC ci dice che il tasso di suicidi per le ragazze adolescenti è il più alto da quando hanno iniziato a monitorarlo, e gli studi finanziati dal governo documentano un aumento del 50% nella depressione a livello clinico, purtroppo non è vero. Per tornare al tema del libro: iGen è fisicamente più sicuro che mai. Questo è meraviglioso. Ma questo si è verificato nello stesso momento in cui più sono affetti da ansia, depressione e stress, e altri si stanno suicidando.

Respingere questi problemi reali, o provare a fingere che siano piccole differenze, non li farà andare via. Invece, abbiamo bisogno di scoprire perché tanti adolescenti stanno soffrendo in modo che possiamo aiutarli. Il rovescio della medaglia di presunti schermi è una delle cause di questi gravi problemi: i genitori limitano l'uso di telefoni o social media a 2 ore al giorno o meno. Questo sembra avere pochi aspetti negativi. Tuttavia, le conseguenze di spazzare via questi considerevoli aumenti nella depressione e nei tassi di suicidio tra adolescenti sono molto più gravi.

Solutions Collecting From Web of "I problemi di salute mentale di iGen scompaiono"