I problemi con il transumanesimo

Ho pensato di scrivere del movimento per il transumanesimo per un po ', e l'opportunità è finalmente arrivata sul mio desktop quando ho letto un breve articolo di Kyle Munkittrick dell'Institute for Emerging Ethics & Technologies. L'articolo è sotto forma di una FAQ che affronta espressamente la questione se l'invecchiamento è un bene morale, e in esso Munkittrick brevemente spiega e (pensa che lui) confuta alcuni degli argomenti standard contro il transumanesimo. Diamo un'occhiata.

Per cominciare, cos'è il transumanesimo? È un tipo di filosofo futurista per trasformare la specie umana per mezzo di biotecnologie. I transumanisti pensano alla malattia, all'invecchiamento e persino alla morte in quanto indesiderabili e non necessari, e pensano che alla fine la tecnologia li supererà tutti. Devo confessare che, nonostante sia uno scienziato sempre affascinato dalle nuove tecnologie (ehi, sto scrivendo questo su un MacBook Pro, porto sempre con me un iPhone con me e leggo libri sul Kindle!) – Sono sempre stato scettico di utopie di qualsiasi tipo, non escludendo la varietà tecnologica. È per questo che sto usando il breve saggio di Munkittrick come un modo per chiarire i miei pensieri sul transumanesimo.

Munkittrick inizia la propria risposta ai critici del transumanesimo affermando che se qualcuno ha un problema con la tecnologia che affronta i problemi della malattia, dell'invecchiamento e della morte, allora "con questa logica non dovrebbero essere consentiti interventi o cure mediche dopo i 30 anni". naturalmente, è un classico errore logico noto come falsa dicotomia. Munkittrick vorrebbe che i suoi lettori prendessero una delle due posizioni: o nessun miglioramento tecnologico della nostra vita o accettasse qualsiasi cosa la tecnologia potesse fare per voi. Ma questo è piuttosto sciocco, poiché ci sono molte altre posizioni intermedie più ragionevoli. È perfettamente legittimo scegliere e scegliere le tecnologie che vogliamo (io voto contro la bomba atomica, ad esempio, ma a favore dell'energia nucleare, se può essere perseguita in modo ecocompatibile). Inoltre, è perfettamente accettabile, anzi necessario, che individui e società abbiano una discussione approfondita su quali limiti sono o non sono accettabili quando si tratta di questioni etiche sollevate dall'uso delle tecnologie (ad esempio, non desidero essere mantenuto artificialmente vivo a tutti i costi in caso di danni irreparabili al mio cervello, anche se tecnologicamente fattibile, inoltre, penso che sia immorale che le persone siano troppo spesso costrette a spendere enormi somme di denaro per "assistenza sanitaria" nelle ultime settimane o mesi della loro vita).

Munkittrick continua: "I transumanisti stanno cercando di sfuggire all'invecchiamento – e il suo inevitabile sintomo, la morte – perché in realtà lo riconosciamo per quello che è: un orrore". Beh, io personalmente sono d'accordo con il sentimento generale. Come dice famoso Woody Allen, non voglio essere immortale attraverso il mio lavoro, voglio essere immortale senza morire. Ma interpretare la morte come un "sintomo" della malattia dell'invecchiamento è inverosimile e biologicamente assurda. L'invecchiamento e la morte sono i naturali risultati finali delle vite degli organismi pluricellulari, e in un senso profondo sono l'inevitabile risultato dei principi della termodinamica (il che significa che possiamo armeggiare e ritardarli, ma non evitarli).

Ci sono diversi problemi con la ricerca dell'immortalità, uno dei quali è particolarmente ovvio. Se viviamo tutti (molto, molto) di più, tutti consumiamo più risorse e abbiamo più figli, portando a una sovrappopolazione ancora maggiore e al degrado ambientale. Ovviamente, i techno-ottimisti di tutto il mondo hanno una risposta pronta per questo: più tecnologia. Per citare di nuovo Munkittrick: "Malthus non capiva che la tecnologia migliora ad un ritmo esponenziale, quindi anche se la produzione di cibo senza aiuti è aritmetica, la seconda Rivoluzione Agricola ci ha permesso di nutrire più persone di un ordine di grandezza." Sì, e come spieghiamo che più persone che mai stanno morendo di fame in tutto il mondo? La tecnologia non migliora indefinitamente in modo esponenziale e deve, in un dato momento o in un altro, andare in crash contro i limiti imposti da un mondo finito. Semplicemente non abbiamo spazio, acqua e altre materie prime per nutrire una popolazione in costante aumento esponenziale. Probabilmente, è proprio la tecnologia a creare il problema della sovrappopolazione, poiché la rivoluzione agricola originaria (quella che si è verificata qualche migliaio di anni fa) ha portato a cicli di boom e busti e alla rapida diffusione della malattia nelle città affollate. Questo può essere un compromesso accettabile (io certamente non desidero tornare in una società di cacciatori-raccoglitori), ma dimostra che la tecnologia non è un bene non qualificato.

Tuttavia, l'ottimista transumanista non può essere fermato. Ecco di più da Munkittrick: "Uno degli obiettivi chiave del transumanesimo è quello di ottenere la tecnologia più avanzata e utile per i paesi in via di sviluppo, permettendo loro di saltare l'industrializzazione (e l'inquinamento / i rifiuti associati) e andare direttamente nel tardo capitalista, post-industriale la società, dove la crescita della popolazione è negativa e il tasso di mortalità estremamente basso. "Oltre al fatto che con l'attuale tracollo economico globale una società tardo-capitalista non sembra davvero attraente, abbiamo qualche prova che ciò stia accadendo, o addirittura possibile? Gli esempi attuali di tale transizione provengono da paesi come l'India, la Cina e il Brasile, e quelli non sembrano affatto incoraggianti, in quanto il risultato sembra essere l'aumento della disparità economica e l'enorme quantità di inquinamento aggiuntivo. In che modo esattamente i transumanisti stanno progettando di saltare l'industrializzazione?

Per quanto riguarda le società postindustriali che hanno una crescita demografica negativa, questo è vero solo per pochissimi paesi, e certamente non per uno dei più massicciamente inquinanti di tutti, gli Stati Uniti. È vero che i tassi di natalità sono drammaticamente inferiori nei paesi post-industriali in generale, ma questo è il risultato dell'istruzione non della tecnologia in sé. Succede quando le donne si rendono conto che possono passare la vita a fare qualcosa di diverso dall'essere fabbriche perenni perenni. Ciononostante, la popolazione mondiale sta ancora aumentando e la qualità ambientale continua a diminuire drasticamente. La tecnologia può sicuramente aiutarci, ma è anche (forse soprattutto) una questione di scelte etiche: il problema sarà seriamente affrontato solo quando le persone abbandonano l'idea ingenua e piuttosto pericolosa che la tecnologia possa risolvere tutti i nostri problemi, così da poter continuare a indulgere in qualunque eccessi ci piace.

Un ultimo punto: Munkittrick descrive ciò che pensa sia uno scenario idilliaco di persone che vivono a 150 anni (questo potrebbe non essere possibile senza significative alterazioni del genoma umano, il che solleva naturalmente ulteriori questioni sia di fattibilità che di etica). Dice che "qualsiasi tecnologia che estenderebbe la vita oltre la media attuale di 70-100 lo farebbe ritardando l'invecchiamento nel suo insieme, cioè la degradazione che inizia a verificarsi dopo circa 27 anni. La maturazione avverrebbe allo stesso ritmo, con un picco tra 22 e 26 a seconda della persona, ma dopo che la medicina preventiva e le tecniche di riparazione rallenterebbero l'invecchiamento, risultando in un'età "principale" molto più lunga, ad esempio estendendo la giovinezza adulta (ciò che pensiamo ora come 20 e 30) Anni '50 e forse anni '60. Poiché queste tecniche saranno tutt'altro che perfette, l'invecchiamento si verificherà ancora in una certa misura. Come la giovinezza adulta, presumibilmente la mezza età dovrebbe iniziare molto più tardi e durare molto più a lungo. Quindi diciamo che una persona raggiunge la vera età avanzata a 100 anni, con tutti i problemi che riducono uno dal 'prosperare' alla sopravvivenza, lasciandoli 50 anni di età invece di 20 o 10. "Hmm, mi piace la prima parte (estendendo la mia primo attraverso i miei anni '60), ma quest'ultimo sembra orribile. Sia dal punto di vista personale che sociale, i cinquant'anni di età sono un pesante prezzo da pagare e uno che sarebbe psicologicamente devastante e in ulteriore bancarotta le nostre risorse. Ora se potessimo considerare l'eutanasia per le persone veramente vecchie, non funzionali e sofferenti … ma questa è un'altra discussione.

Non voglio lasciare al lettore l'impressione di essere un luddista, lontano da esso. Ma penso che i tecno-ottimisti di tutto il mondo dovrebbero davvero fantasticare meno e prestare molta più attenzione alle complessità non solo della logistica, ma in particolare dell'etica implicita nei loro sogni. Una vita migliore e più lunga è certamente un obiettivo degno (anche se personalmente metterei l'accento sulla qualità piuttosto che sulla quantità), ma questo non autorizza una ricerca folle per l'immortalità. Inoltre, la vera immortalità (l'obiettivo finale se si pensa alla morte come un "sintomo") deve essere insopportabile per qualsiasi essere senziente: immagina di avere così tanto tempo a disposizione che alla fine non ci sarà nulla di nuovo da fare per te. Saresti costretto a giocare agli stessi giochi, a guardare gli stessi film, a fare le stesse vacanze, ancora e ancora e ancora e ancora. Oppure potresti perdere tempo leggendo articoli come quello di Munkittrick letteralmente un numero infinito di volte. L'inferno potrebbe essere altre persone, come ha detto Sartre, ma almeno al momento non dobbiamo vivere all'inferno per sempre.

Solutions Collecting From Web of "I problemi con il transumanesimo"