I probiotici possono aiutare ad alleviare i sintomi dell'autismo

David Robert Bliwas/Flickr
Fonte: David Robert Bliwas / Flickr

I probiotici si possono trovare in molti alimenti, come yogurt, zuppe e persino pizza, e sono spesso visti come un "toccasana" – dal miglioramento della salute dell'apparato digerente e della funzione immunitaria, all'abbassamento dei livelli di colesterolo.

I probiotici sono organismi viventi che, se assunti in quantità adeguate, hanno la capacità di colonizzare rapidamente la traccia gastrointestinale e aumentare la quantità di microbi benefici, creando un equilibrio nel microbiota intestinale che è considerato un miglioramento della salute.

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) è una condizione neurobiologica che altera il funzionamento sociale e comunicativo dei bambini e spesso si presenta nei primi tre anni di vita. Molti bambini con autismo sperimentano gravi problemi gastrointestinali e il disagio associato spesso peggiora il comportamento.

Attualmente, non esiste una cura per l'autismo, né sono stati sviluppati farmaci per trattare i sintomi. E nessun test di screening può determinare se un bambino è a rischio per l'autismo. Il disturbo può essere rilevato a volte in 18 mesi, ma la maggior parte non viene diagnosticata fino a molto più vecchio.

Recentemente, Elaine Hsiao, ricercatrice della California Institute of Technology, ha scoperto che il trattamento di topi che presentano sintomi autistici con i probiotici può ripristinare sia la funzione di barriera intestinale che le anomalie comportamentali.

Nello studio di Hsiao, i ricercatori hanno iniettato topi gravidi con un virus che ha aumentato l'ansia, diminuito le vocalizzazioni ultrasoniche, aumentato la permeabilità della barriera intestinale e spostato la micro flora intestinale nella prole. Quando alla prole venne somministrato un ceppo umano di Bacteroides fragilis come probiotico, l'equilibrio batterico fu ripristinato e i sintomi comportamentali simili all'autismo furono attenuati.

Un metabolita siero chiamato 4-etilfenilsolfato, prodotto da alcuni topi batterici intestinali, è risultato essere elevato nella prole del modello di autismo. Dopo l'iniezione di probiotici, questo metabolita è sceso a livelli normali. Inoltre, l'iniezione di 4-etilfenilsolfato in topi normali ha prodotto sintomi di ansia, suggerendo che questo metabolita, in combinazione con altri, colpisce i circuiti neurali legati all'autismo.

La neurologa Natasha Campbell-McBride, ex Bashkir Medical University in Russia, ha riferito che quasi tutte le madri di bambini autistici hanno flora intestinale irregolare. Ciò è degno di nota dal momento che al momento della nascita i neonati ereditano la flora intestinale dalle madri. Un'analisi delle microflore intestinali di bambini sani e autistici ha rivelato che la flora batterica intestinale nei bambini autistici è di minor quantità e diversità.

Gli studi hanno dimostrato che i bambini nati dalla sezione C sviluppano una microflora diversa e meno diversificata rispetto ai bambini nati naturalmente. Sembra che il passaggio attraverso il canale del parto abbia un effetto positivo sui batteri intestinali del bambino e possa svolgere un ruolo preventivo nell'autismo.

La percentuale di donne con sezioni C negli Stati Uniti è aumentata dal 5-10% nel 1965 al 32,8% di oggi. Secondo i Centers of Disease Control and Prevention (CDC), anche i tassi di autismo sono in aumento. Quindici anni fa, a 1 su 10.000 bambini è stato diagnosticato un autismo. Dieci anni fa, 1 su 1.000. Le statistiche correnti del CDC riportano la cifra come 1 su 50.

Preso per via orale, i probiotici sono stati considerati sicuri e sono ben tollerati per l'uso durante la gravidanza. Gli effetti indesiderati più comuni riportati sono gonfiore e flatulenza, che tipicamente diminuiscono con l'uso continuato. Non è ancora chiaro quale ceppo di probiotico possa essere più vantaggioso.

Ad oggi, la Food and Drug Administration (FDA) non ha approvato alcuna specifica affermazione sulla salute probiotica e la quantità di probiotici necessaria per essere benefica non è ancora chiara.

Celebrità come Jenny McCarthy ritengono che i sintomi dell'autismo possano essere alleviati da cambiamenti dietetici. McCarthy sostiene che una dieta rigorosa di frumento e latticini ha curato suo figlio. Ma i resoconti aneddotici hanno un valore limitato, spesso riflettendo le opinioni idiosincratiche di individui influenti.

Sono necessari studi clinici su larga scala che studiano gli effetti della dieta su quelli con autismo. Nel frattempo, le prove aneddotiche sono convincenti e possono portare a conclusioni definitive.

Spostare la micro flora nell'intestino può rendere disponibile un trattamento potenzialmente utile per l'autismo. Il metodo può anche rendere possibile la valutazione di una predisposizione genetica all'autismo.

La ricerca è ancora nelle sue fasi iniziali. I probiotici possono migliorare la salute dell'apparato digerente, ma la giuria non è ancora in grado di ridurre definitivamente i sintomi dell'autismo.

– Jenna Ulrich, autrice collaboratrice, relazione sul trauma e salute mentale

– Redattore capo: Robert T Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T Muller

Solutions Collecting From Web of "I probiotici possono aiutare ad alleviare i sintomi dell'autismo"