I principi universali del comportamento criminale

Katarzyna Bialasiewicz/123RF
Fonte: Katarzyna Bialasiewicz / 123RF

La capacità di prevedere il comportamento criminale consente agli investigatori delle forze dell'ordine di fermare i crimini prima che si verifichino e aiuta gli investigatori a risolvere i crimini dopo la loro commissione. L'analista comportamentale dell'FBI Joe Navarro e io abbiamo sviluppato un modello chiamato Principi universali del comportamento criminale per prevedere il comportamento criminale. Cinque elementi di base comprendono tutti i comportamenti criminali, l'ideazione, la comunicazione, la facilitazione, l'attuazione e la comunicazione.

Ideazione

Tutti i crimini iniziano con un pensiero. Pensare di commettere un crimine, persino uccidere il coniuge o commettere atti terroristici non è contro la legge. Tuttavia, gli atti criminali germinano quando i pensieri diventano ossessivi.

Comunicazione

Le persone comunicano i loro pensieri attraverso visualizzazioni verbali e non verbali. I movimenti oculari spesso indicano che una persona è profondamente pensata o fissata su un'idea. Le persone comunicano anche verbalmente ciò che pensano o elaborano le informazioni. Vicini, amici e colleghi, spesso osservano che i sospetti hanno comunicato direttamente o indirettamente le loro intenzioni molto prima della commissione di atti criminali. Tuttavia, comunicare idee, non importa quanto odioso, non è un crimine. Le forze dell'ordine possono monitorare le persone che comunicano cattive intenzioni, ma ciò richiede risorse che sovrasfruttano i finanziamenti pubblici. Inoltre, le persone hanno spesso paura di riferire ciò che gli altri dicono per paura che possano essere considerati razzisti, sessisti, omofobi o peggio. Se le persone che denunciano l'intento criminale di altri sono sbagliate, allora i sospetti non supportati sostengono le accuse politicamente scorrette, che nel migliore dei casi sono imbarazzanti e, nel peggiore dei casi, possono distruggere la reputazione delle persone che segnalano comunicazioni sospette.

facilitazione

I criminali hanno bisogno di denaro, attrezzature e strumenti per commettere crimini. I criminali devono acquisire materiale per commettere reati attraverso mezzi legittimi o illegittimi. I criminali richiedono denaro per acquistare il materiale per commettere reati. I criminali devono anche imparare come utilizzare l'attrezzatura appena acquistata. I sospetti devono anche sorvegliare la persona o il caso il bersaglio dell'atto criminale. La maggior parte del materiale necessario per commettere reati è disponibile in commercio o su Internet o attraverso luoghi di mattoni e malta. L'acquisto di componenti separati che compongono una bomba non è illegale. Sparare armi da fuoco a una distanza non è contro la legge. Perché l'America è una società aperta e libera, la facilitazione degli atti criminali passa spesso inosservata.

Attuazione

Effettuare un atto criminale è una violazione della legge. Sfortunatamente, questo è in genere la prima volta che le forze dell'ordine vengono coinvolte nel processo criminale. Se il crimine è particolarmente atroce, lo sfondo del sospettato viene esaminato dagli investigatori e dai giornalisti. Non sorprende che l'ideazione, la comunicazione e la facilitazione del crimine del sospetto divengano evidenti. Le domande abbondano, "Perché le forze dell'ordine non hanno raccolto le bandiere rosse?"; "Perché amici, vicini e colleghi non si sono fatti avanti quando hanno sentito il sospetto fare minacce?"; e "Perché qualcuno non ha segnalato le attività sospette del sospetto prima?" I comportamenti legali precedenti diventano sospettosi solo quando è stato commesso un crimine. La polizia non può arrestare la gente per aver pensato di commettere crimini. La polizia non può arrestare persone che parlano di crimini commessi con l'eccezione della cospirazione quando viene intrapresa un'azione per compiere azioni criminali. La polizia non può arrestare le persone per fare acquisti legali di articoli necessari per facilitare un crimine. La polizia può effettuare arresti solo quando viene commesso un crimine.

Comunicazione

Quando i criminali commettono crimini, sentono un enorme bisogno di dire a qualcuno quello che hanno fatto, specialmente se il crimine richiedeva abilità e astuzia. I criminali bramano il riconoscimento per le loro nefande azioni. L'unico modo in cui i criminali possono ottenere il riconoscimento è quello di dire a qualcuno quello che hanno fatto. Un atto che passa inosservato è il riconoscimento non celebrato. I criminali che si vantano con gli altri di quello che hanno fatto danno loro un immediato riconoscimento e gratificazione ma, alla lunga, portano al loro arresto. Come Ben Franklin ha detto, "Tre [persone] possono mantenere un segreto se due di loro sono morti".

Conclusione

I principi universali del comportamento criminale possono essere abbreviati in, pensare, parlare, agire, fare, parlare. Una volta che un crimine è stato commesso, gli investigatori possono andare dagli amici del sospettato, dai vicini e dai colleghi e scopriranno che il sospetto ha comunicato direttamente o indirettamente il suo intento criminale molto prima che il crimine fosse commesso. Inoltre, gli investigatori scopriranno anche che il sospettato si è vantato del crimine che ha commesso. Il prossimo passo nel processo investigativo è identificare dove il sospettato ha ottenuto il materiale necessario per commettere il crimine. La scena del crimine può essere elaborata utilizzando tecniche forensi per portare continuità alle attività pre-criminali e post-criminali del sospetto.

I Principi universali del comportamento criminale possono essere utilizzati per prevedere il comportamento criminale poiché tutti i crimini seguono la stessa sequenza di attività, pensano, parlano, agiscono, fanno, parlano. Molte persone pensano e parlano di commettere crimini, ma poche persone effettivamente seguono ciò che pensano e dicono. Le forze dell'ordine hanno il compito scoraggiante di separare i pensatori e gli oratori dagli agenti.

Solutions Collecting From Web of "I principi universali del comportamento criminale"