I principi dell'oggettività possono aiutarti a pensare in modo più intelligente

Quanto sei obiettivo? Quante volte reagisci in modo eccessivo alle situazioni, prendi le cose personalmente, percepisci il tono nella posta elettronica o giudichi le persone ingiustamente? Lo facciamo tutti in un momento o nell'altro.

La sfida per molti di noi è che quando siamo sotto pressione, tendiamo ad essere meno obiettivi. Sotto stress, la maggior parte di noi attinge unicamente alle nostre esperienze passate, a vecchi presupposti e pregiudizi, che offuscano la nostra capacità di vedere le cose chiaramente e dare giudizi seri. Inoltre, il nostro desiderio di successo è spesso così forte che, in queste circostanze intense, le nostre insicurezze ei nostri modelli mentali limitanti e improduttivi tendono a intralciarci, creando ancora più stress e inducendoci a reagire in modi che potremmo rimpiangere.

La nostra capacità di essere obiettivi dipende dalla nostra volontà di mettere in discussione i nostri modelli mentali, la lente attraverso cui percepiamo, interpretiamo e rispondiamo al nostro mondo. Se i nostri modelli mentali non sono corretti, la nostra comprensione di ciò che sta accadendo e la nostra risposta ad esso, sono spesso errate. Questo è il motivo per cui a volte giudichiamo male le situazioni, reagiamo in modo eccessivo e prendiamo le cose personalmente.

La buona notizia è che con il cervello neuroplasticità e con la pratica, possiamo interrompere le nostre reazioni automatiche, quelle che guidano spesso i miei modelli mentali limitanti e improduttivi, e scegliere una risposta diversa. Ogni volta che lo facciamo, ricabliamo la nostra rete neurale creando nuovi percorsi basati su nuovi modelli: nuovi modi di percepire e rispondere al nostro mondo. Possiamo davvero imparare a pensare in modo più intelligente!

Uno dei più potenti catalizzatori di trasformazione del modello mentale è la conoscenza, la nuova informazione o la logica che sfida i vecchi modelli mentali e i modi di pensare. Come abbiamo visto, i modelli mentali sono credenze, idee e nozioni radicate su cui tendiamo a restare, qualunque cosa accada. Definiscono il nostro senso della realtà e guidano la nostra percezione, interpretazione e risposta a tutto ciò che sperimentiamo. I modelli mentali ci predispongono a modi di pensare e di agire molto specifici. Di solito sono con noi da un po ', quindi tendiamo a fidarci di loro, in alcuni casi in modo giustificato. Per la maggior parte di noi, non ci è mai stato insegnato sui modelli mentali e su come valutarli per determinare se sono utili o dannosi.

Per trasformare i modelli mentali improduttivi, devi cambiare idea! Non posso dirti che il tuo modello mentale perfezionista non ti sta bene. Devi decidere, attraverso la tua logica e ragione, se il tuo modo di vedere il mondo non è più valido per te. Ciò richiede che tu sia aperto a nuove conoscenze, informazioni e ragionamenti. È sulla scia di questa nuova conoscenza che la trasformazione ha luogo. Mark Jung-Beeman dell'istituto di neuroscienza della Northwestern University e altri lo definiscono un "momento di intuizione" e hanno utilizzato le tecnologie MRI ed EEG per studiare come avvengono. I risultati suggeriscono che in un momento di intuizione, viene rilasciata una sostanza chimica adrenalinica e viene creato un complesso insieme di nuove connessioni nel cervello. Sono queste nuove connessioni che hanno il potenziale per migliorare le nostre risorse mentali per aiutarci a trasformare i modelli mentali limitanti.

Per aiutare a facilitare un momento di intuizione, ci sono quattro Principi di oggettività che sono stati molto efficaci nel trasformare i vecchi modelli mentali. Queste sono intuizioni che tutti intuitivamente comprendiamo e che possono essere verificate attraverso la nostra esperienza personale, e tuttavia tendiamo a prenderle per scontate o scontate del tutto. I prossimi blog esamineranno ciascuno dei quattro principi dell'oggettività. Il primo è:

Principio di oggettività # 1 – Ci saranno sempre situazioni che non ci piacciono

Image purchased via Istock photo
Fonte: immagine acquistata tramite foto Istock

Sappiamo tutti che ciò che può andare storto, andrà male. Ma spesso quando accadono cose che non ci aspettiamo o non prevediamo, iniziamo il mini-film intitolato "Perché io, questo mi succede sempre". Iniziamo a riprodurre i ricordi di tutte le cose che sono andate male ultimamente. Alcuni di noi reagiscono disinnescando il problema o, peggio ancora, impegnandosi in un pio desiderio, lasciando che il problema si risolva da solo. Naturalmente, nella maggior parte dei casi, non lo farà.

Per gestire efficacemente i problemi quotidiani, il primo passo è accettare che essi esistano. L'accettazione di "ciò che è" è una condizione preliminare per la giusta azione. La non accettazione è una condizione ideale per una reazione emotiva e soggettiva, e abbiamo già imparato come ciò può finire. Inoltre, la non accettazione non altera il fatto che c'è un problema. Crea solo una catena di ulteriori reazioni emotive che peggiorano il problema. Se sei obiettivo nella tua percezione di una situazione, puoi rispondere in modo appropriato. La chiave è accettare un problema mentre si verifica e non prenderlo sul personale.

Caso n. 1 – Mary, una donna in carriera nella sua metà degli anni '30 che lavora per una società di investment banking condivide:

Mantenendo questo principio in prima linea nella mia mente, insieme a un profondo respiro dentro e fuori, sarò più flessibile nel momento. Mi piace avere un piano, e attualmente mi irrito quando sorgono delle deviazioni dal piano. Piuttosto che spendere tempo prezioso lamentando e irritando quelli intorno a me, se riesco a ricordare questo principio, posso più facilmente adattarmi a ciò che è ora di fronte a me. Oltre ad essere più adattabile, mi permetterà di essere più disinvolto, sia nel lavoro che nella vita personale.

Caso 2 – Josh, un imprenditore seriale di 30 anni lo descrive così:

Il principio ha definitivamente cambiato il mio modello mentale di me stesso e il mondo intorno a me. Mi ha reso più felice nella vita rendermi conto che essere contento di ciò che mi succede dipende dal modo in cui scelgo di percepirlo. Nessuno è là fuori per "prendermi" e nessuno è responsabile per il mio stato mentale. Solo io posso cambiare il mio stato d'animo e come reagisco agli eventi. Guardo gli eventi al loro valore nominale, proprio come gli eventi che accadono. Alcuni sono buoni e altri cattivi, ma il modo in cui trasformo una brutta cosa dipende da me.

Può ricordare il principio dell'oggettività n. 1: ci saranno sempre situazioni che non ci piacciono per essere più obiettivi? Se é cosi, come?

Nel mio prossimo blog esaminerò il principio dell'oggettività n. 2: le persone sono fondamentalmente le stesse ma sono uniche . Riesci a immaginare come questo potrebbe aiutarti a essere più obiettivo sulle persone?

Estratto da: The Objective Leader: come sfruttare il potere di vedere le cose così come sono.

Solutions Collecting From Web of "I principi dell'oggettività possono aiutarti a pensare in modo più intelligente"