I primi cani nelle Americhe

Negli ultimi 20 anni alcune nuove tecniche di ricerca ci hanno permesso di iniziare a rispondere alla domanda su dove originariamente provenivano i cani, o più specificamente dove e quando erano originariamente addomesticati, e come si sono diffusi in tutto il mondo. Tuttavia rimangono alcuni intriganti enigmi. Esiste un consenso scientifico sul fatto che i cani fossero originariamente addomesticati nell'Asia meridionale o centrale da 11.000 a 16.000 anni fa, tuttavia dal momento che il concetto di cane era una buona idea, è possibile che ci siano stati diversi addomesticamenti separati in tempi e luoghi diversi il mondo. Se restiamo fedeli all'idea che i cani siano nati in Asia, allora la domanda diventa come e quando i cani si sono diretti verso le Americhe?

Un recente studio pubblicato sul Journal of Human Evolution * era diretto da Kelsey Witt della School of Integrative Biology presso l'Università dell'Illinois a Urbana-Champagne e ha cercato di rispondere a queste domande. Lo studio ha riportato dati sui resti di 84 cani di cui 34 da un unico sito di sepoltura situato vicino all'antica città di Cahokia in quello che oggi è il sud dell'Illinois. Risale a circa 1000-1400 anni. Qui gli scienziati hanno trovato dozzine di cani che sono stati sepolti in modo cerimoniale, suggerendo che la gente di quel tempo aveva una particolare venerazione per i cani. Mentre la maggior parte dei cani è stata sepolta individualmente, alcuni sono stati posizionati uno dopo l'altro a coppie.

dog primative ancient pet canine Cahokia Illinois
Una sepoltura rituale di due cani in un sito nell'Illinois vicino a St. Louis suggerisce una relazione speciale tra uomo e cane in questo luogo e nel tempo (da 660 a 1350 anni fa).

L'aspetto tecnico della ricerca ha comportato un esame del DNA mitocondriale di questi animali. Il DNA mitocondriale è più facile da ottenere dai resti antichi del DNA trovato nel nucleo delle cellule. Una caratteristica speciale del DNA mitocondriale è che viene trasmessa direttamente solo dalla madre. Ciò significa che offre ai ricercatori una linea ininterrotta di eredità attraverso il passato, in teoria alla prima madre di cani. Fornisce anche una sorta di timeline approssimativa, dal momento che il DNA mitocondriale non dovrebbe cambiare e può essere modificato solo da mutazioni. Abbiamo un'ipotesi plausibile su quante mutazioni del DNA potrebbero essere previste in periodi di tempo come secoli. Basandosi sull'analisi di questo materiale genetico, i ricercatori riescono a fornire alcune risposte interessanti sulla storia dei cani nel Nuovo Mondo, ma i dati lasciano alcune domande irrisolte.

Si ritiene che gli esseri umani siano entrati nel Nord America da 15.000 a 20.000 anni fa. La gente arrivò nelle Americhe arrancando attraverso un ponte di terra che si estendeva dalla Siberia all'Alaska e che scomparve circa 10.000 anni fa. Witt ha spiegato: "Eravamo interessati a vedere se potevamo vedere quando i cani sono arrivati ​​nelle Americhe. Si presume che siano venuti con gli umani ma nessuno in realtà l'ha guardato. "

La prima cosa che hanno trovato i ricercatori è stata una sorpresa. Sulla base dei cambiamenti nel DNA mitocondriale che fungevano da orologio, sembra che i cani siano arrivati ​​in Nord America circa 10.000 anni fa, che sarebbero diversi migliaia di anni dopo la comparsa dei primi umani qui, e poco prima della scomparsa del ponte terrestre . Questo tardo arrivo di cani suggerisce che dopo l'afflusso originario di umani potrebbe esserci stata una seconda importante migrazione di persone che portavano un nuovo gruppo di persone, questa volta con i loro cani, nel Nuovo Mondo.

Una volta arrivati ​​i cani in Nord America si sono rapidamente diffusi e si sono fatti strada fino in Sud America. Tracciare la migrazione dei cani ci dice qualcosa sui movimenti geografici umani. In effetti, tracciare la storia dei cani può farci intuire la storia umana preistorica. Witt dice così: "I cani sono uno dei primi organismi a migrare con gli esseri umani in ogni continente, e penso che questo dica molto sulla relazione che i cani hanno avuto con gli umani. Possono essere uno strumento potente quando si guarda a come le popolazioni umane si sono spostate nel tempo. "Va poi notato che i resti umani non sono sempre disponibili per lo studio" a causa delle popolazioni viventi che sono molto legate ai loro antenati e in alcuni casi possono essere contrari alla natura distruttiva dell'analisi genetica. "L'analisi di resti di cani antichi è spesso consentita quando l'analisi dei resti umani non è, ha detto.

I cani che arrivavano nelle Americhe erano geneticamente simili ai lupi europei e secondo Witt la teoria prevalente è che alcuni di questi cani hanno continuato a riprodursi con lupi americani. Lei suggerisce che alcuni di questi ibridi potrebbero in seguito essere stati "ri-addomesticati" per darci diverse linee di cani, in particolare alcuni di quelli nelle regioni settentrionali del continente.

Potrebbe essere che i cani siano arrivati ​​nel Nord e nel Sud America da soli? Witt sicuramente pensa che questo non sia il caso. "L'assunto è che gli umani hanno scelto di portarli. Immagino che siano stati portati perché erano utili alle persone che li hanno portati. Per qualsiasi motivo, hanno pensato che sarebbero stati utili mentre stavano migrando. "Prosegue suggerendo che i cani venivano mantenuti per lo stesso motivo per cui oggi le persone hanno cani. Il rapporto di ricerca rileva che i cani venivano sepolti in modo cerimoniale più di 9000 anni fa, solo poco tempo dopo essere arrivati ​​sul continente, e questo certamente suggerisce che ci fosse rispetto e un legame emotivo tra questi primi cani e gli umani che li tenevano.

Ricostruzione di come sarebbero stati i primi cani nelle Americhe

Mentre ci sono ancora domande sull'arrivo di cani nelle Americhe, l'esistenza di scheletri reali ci permette di determinare come fossero fatti questi primi cani. Una ricostruzione assomiglierebbe molto a questo disegno.

Almeno ai miei occhi, questi antichi cani americani sembrano molto simili ai moderni dingo australiani.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Wisdom of Dogs; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

* Dati da: Kelsey E. Witt, Kathleen Judd, Andrew Kitchen, Colin Grier, Timothy A. Kohler, Scott G. Ortman, Brian M. Kemp, Ripan S. Malhi. (2014), analisi del DNA di cani antichi delle Americhe: identificazione di possibili aplotipi fondatori e ricostruzione di storie di popolazione. Journal of Human Evolution, http://dx.doi.org/10.1016/j.jhevol.2014.10.012

Solutions Collecting From Web of "I primi cani nelle Americhe"