I potenziali pericoli della convivenza prematrimoniale e come evitarli

Secondo il censimento degli Stati Uniti, quasi la metà di tutti i matrimoni finisce con il divorzio. Con un tasso di divorzio così elevato, è appropriato un po 'di scetticismo e preoccupazione per l'adesione ai legami matrimoniali. La convivenza prematrimoniale permette alle coppie di sperimentare un "matrimonio di prova" prima di impegnarsi concretamente. La convivenza sta diventando sempre più una parte naturale del rituale del corteggiamento, una transizione dalla datazione al matrimonio. Infatti, secondo un recente intervento a cui ho partecipato, due terzi degli americani convivono con un partner relazionale, e una metà dei matrimoni emerge dalla convivenza. Seguendo il buon senso, sembrerebbe che coloro che convivono prima del matrimonio sarebbero più preparati e sicuri del fatto che il matrimonio abbia già vissuto insieme. Questa preparazione e fiducia dovrebbero quindi portare a tassi di divorzio più bassi per coloro che convivono prima del matrimonio rispetto a quelli che non hanno convissuto. La ricerca ha dimostrato, tuttavia, che in questo caso il buonsenso è sbagliato . La convivenza prematrimoniale sembra effettivamente portare a tassi di divorzi più elevati in molti paesi occidentali. Perché potrebbe essere?

È solo una differenza di religiosità? Il mio primo pensiero quando ho inciampato su questa piccola statistica è stato: "Non può essere giusto! Deve essere dovuto alle differenze religiose. "Le persone che sono più religiose hanno meno probabilità di impegnarsi nella convivenza e hanno anche meno probabilità di divorziare. Tuttavia, una revisione della letteratura ha dissipato rapidamente questa credenza. Molti studi hanno dimostrato che anche tenendo conto della religiosità, le persone che convivevano avevano maggiori probabilità di divorziare rispetto a quelle che non convivevano prima del matrimonio.

Se non è solo una differenza tra coloro che sono più o meno religiosi, che cosa potrebbe guidare questo effetto? La risposta sembra essere un impegno. Le coppie che sono già fidanzate per sposarsi quando si trasferiscono insieme non sperimentano gli stessi effetti dannosi di quelli che si fidanzano dopo la coabitazione. Hanno migliori capacità comunicative, meno interazioni negative, più alta qualità delle relazioni e più fiducia nel loro matrimonio post matrimonio.

Quindi cosa succede a quelle coppie che convivono prima del fidanzamento? Piuttosto che entrare in convivenza dopo aver già deciso che vogliono passare le loro vite insieme, alcuni di loro stanno scivolando nei loro matrimoni. In altre parole, alcune coppie che non dovrebbero (e non dovrebbero) sposarsi, lo fanno perché vivono insieme. Gli studiosi definiscono questa "inerzia della relazione". Semplicemente, è più difficile terminare una relazione quando si vive con il proprio partner. La minaccia di dover separare gli oggetti personali potrebbe essere sufficiente per tenere insieme alcune coppie! Pertanto, alcune coppie potrebbero trovarsi sulla strada del matrimonio perché sembra più appetibile dell'alternativa.

La coabitazione rappresenta anche un potenziale "costo irrecuperabile". Ogni ulteriore investimento nella relazione rende molto più difficile terminare la relazione. Le persone possono avere un momento più difficile tagliando le loro perdite quando pensano a tutto il tempo, l'energia e il denaro che hanno messo nel rapporto, anche riducendo le loro perdite li salverà più angoscia in futuro.

Le coppie che vivono insieme hanno maggiori probabilità di trascorrere del tempo insieme, dando loro meno opportunità di incontrare altri potenziali partner . Ciò riduce effettivamente la possibilità che uno o entrambi i partner trovino qualcun altro con cui sono più compatibili.

Anche il genere ha un ruolo. È più probabile che le donne vedano la coabitazione come un precursore del matrimonio, dove gli uomini che convivono prima del fidanzamento hanno meno probabilità di avere questa visione a lungo termine della convivenza e sono meno dediti ai loro partner. Le donne potrebbero infine spingere i loro partner meno dediti a matrimoni più rock.

La linea di fondo: la convivenza prematrimoniale è pensata per essere una scelta pratica e intelligente per la maggioranza delle persone oggi. In un sondaggio, il 61% dei giovani adulti ha riferito che la convivenza prematrimoniale ha migliorato le probabilità di una persona al matrimonio (Kline, et al., 2002). Data questa visione positiva della convivenza e l'ampio numero di coppie che scelgono di convivere, c'è un modo per evitare i costi della convivenza? Ogni relazione è diversa, ma questa vasta letteratura sembra ridursi a un chiaro suggerimento: non convivere finché tu e il tuo partner siete entrambi sicuri di essere investiti nel futuro della relazione. Se scegli di convivere come un "matrimonio di prova", continua a verificare i tuoi sentimenti verso la relazione e i tuoi obiettivi a lungo termine e metti in atto piani di emergenza per uscire dalla relazione se non è giusto per te – Non scivolare semplicemente in un matrimonio di cui non sei sicuro perché sembra che sia il momento giusto.

Tu o qualcuno che conosci sperimentato la diapositiva nel matrimonio? Avete altre idee sul perché la convivenza potrebbe danneggiare la qualità coniugale?

Ulteriori letture:

Kline, GH, Stanley, SM, Markman, HJ, Olmos-Gallo, PA, St. Peters, M., Whitton, SW, e Prado, L. (2004). Il tempismo è tutto: convivenza pre-fidanzamento e aumento del rischio per i poveri esiti coniugali. Journal of Family Psychology, 18, 311-318.

Stanley, SM, Kline Rhoades, G., e Markman, HJ (2006). Sliding Versus Deciding: Inertia and the Premarital Cohabitation Effect Relazioni familiari, 55, 499-509 DOI: 10.1111 / j.1741-3729.2006.00418.x

Solutions Collecting From Web of "I potenziali pericoli della convivenza prematrimoniale e come evitarli"