I pericoli del perfezionismo

6 confutazione per calmare quella voce interiore fastidiosa

Shutterstock

Fonte: Shutterstock

Il perfezionismo è diventato il disturbo moderno? La ricerca sta suggerendo così. In questa “Age of Anxiety”, ci sono sempre più prove che stiamo prendendo l’esca della cultura di oggi, quella che ci fa sentire sottovalutati se non siamo una specie di bot di successo ingemmato.

Dovremmo assomigliare ai Kardashian, essere macchine che fanno goal, rispondere ad ogni ding entro millisecondi e non permettere a nessuno di vederci sudati, a meno che non sia per sfoggiare la lezione di yoga follemente hot che sei riuscito a intrufolare tra tutte le scadenze, incontri e tempo trascorso a giudicare l’ultimo disastro.

Ci si aspetta che i bambini stiano esaurendo le scelte del college in seconda elementare. I loro genitori sono spinti a trovare lo stile genitoriale perfetto. Ci è stato detto di tagliare la corda, andare a tiro libero, ma non al punto che tuo figlio viene scelto da un gorilla. Disinfettatevi con un disinfettante, ma non uccidere i batteri buoni. Non osare spalmare quella crema solare tossica su tutto il tuo bambino – darai loro un diverso tipo di cancro. Lascia che scendano la diapositiva da soli, ma se si danno una calmata, sei un idiota. Non essere un elicottero, sii un sottomarino. E nonostante tutto questo sforzo, ti senti ancora colpevole anche se questa generazione trascorre più tempo intenzionale con i loro figli di qualsiasi altra generazione.

Thomas Curran, PhD e Andrew Hill, PhD definiscono il perfezionismo come “un desiderio irrazionale da raggiungere insieme ad essere eccessivamente critico verso se stessi e gli altri”. Lo studio del 2017 rivela un aumento del 33 per cento del perfezionismo socialmente prescritto dal 1989. Spiegano che “il forte bisogno “per la generazione di oggi da raggiungere si riferisce alle” aspettative educative e professionali sempre più irrealistiche “scritte in grande.

L’incessante messaggio ci induce a pensare che cosa facciamo definisce chi siamo. Ci conduce all’autocritica costante e alla preoccupazione incessante che non stiamo misurando. La nostra voce interiore assume il tono della cultura e, se rediriggiamo noi stessi, potremmo essere a rischio per problemi di salute mentale e malcontento cronico.

Ecco alcuni mantra per aiutarti a parlare al tuo perfezionismo e mantenere la tua ricerca dell’eccellenza da spirale a pensieri e comportamenti irrazionali:

1. Essere perfetti non è la mia chiave per l’accettazione sociale. Non è ciò che ci rende degni, amabili o connessi. Il perfezionismo interrompe le connessioni autentiche.

2. Quando le cose vanno “male”, ci sono lezioni da trovare. Quando partiamo per fare cose difficili, le cose non andranno sempre come previsto. Questo fornisce molto materiale per aiutarci a imparare e a crescere. Se siamo iper focalizzati su cose che vanno per il verso giusto, ci perdiamo le lezioni all’interno dei pasticci.

3. Non esiste una cosa perfetta. La perfezione è un mito. Non innamorarti delle illusioni create dai tuoi feed sui social media o dalla presentazione di qualcun altro del loro sé accuratamente curato. Probabilmente ci sono voluti circa 35 scatti per ottenere quel “selfie perfetto”, completo di filtro. Le celebrità assumono pubblicisti e possono permettersi ogni tipo di potenziamento delle immagini. Quegli inseparabili gruppi di amici e famiglie di Camelot che vedi lampeggiare attraverso il tuo feed potrebbero essere infelici dietro le quinte. La vita non è perfetta per nessuno. Abbiamo tutti una dinamica.

4 . “Perfetto” non è sostenibile. È un tapis roulant difficile da smontare. L’ossessione di essere perfetti può portare all’esaurimento e al burnout. Aspettarsi che tu esegua 24-7 senza pause può mandare il tuo cervello, corpo e anima in cicli di esaurimento e sovrastimolazione che possono essere dannosi nel lungo periodo.

5. Ho bisogno di praticare la consapevolezza, non la mancanza di mente. Il perfezionismo ci porta a comportarci in comportamenti senza mente. Fissiamo obiettivi inumani, li raggiungiamo, prendiamo a malapena tempo per apprezzarli o festeggiarli, quindi colpire ripetizione. Perdiamo la prospettiva e dimentichiamo di praticare la gratitudine per ciò che abbiamo, e invece riflettiamo sulle parti a cui pensiamo di non essere all’altezza. Il perfezionismo ci impedisce di stare nel presente e di assaporare ciò che è, ci tiene ossessionati da ciò che non lo è.

6. Non posso lasciare che il perfezionismo mi consumi . Il perfezionismo aumenta la nostra tendenza a consumare impulsivamente. Ci induce a pensare che troveremo soddisfazione attraverso lo stato, i soldi, le lettere dopo i nostri nomi e le cose che possiamo permetterci quando diventeremo “di successo”. Noi siamo ciò che i buddisti chiamano “Hungry Ghosts” – non importa quanto duramente lavoriamo per trovare conforto, ci troviamo perennemente vuoti perché abbiamo passato del tempo a costruire un’identità su cose che la scienza dimostra non ci lascia sentirsi integri e sani.

Resistere al perfezionismo non significa rinunciare alla tua ricerca di fare bene, o che devi rinunciare all’ambizione, ma esagerare può farti stare male. Invece di lasciare che le aspettative sociali dominino la tua voce interiore, vedi come puoi ripensare al perfezionismo e invece cercare gli psicologi positivi che chiamano “La buona vita”, caratterizzato da connessioni, allineamento del valore e maggiore presenza con noi stessi e l’un l’altro.

Riferimenti

Schulte, B. (2014). Sopraffatto: lavoro, amore e gioco quando nessuno ha il tempo. New York: Sarah Crichton Books.

Thomas Curran, Andrew P. Hill (2017). Il perfezionismo sta aumentando nel tempo: una meta-analisi delle differenze di coorte di nascita dal 1989 al 2016. Bollettino psicologico.

Solutions Collecting From Web of "I pericoli del perfezionismo"