I pedofili non offendenti soffrono di isolamento

Simon Prades, Used with permission
Fonte: Simon Prades, usato con permesso

Lo stigma della pedofilia e la paura di conseguenze criminali spesso impediscono ai pedofili non-offendenti di cercare aiuto. I non-detenuti che confessano le pulsioni sessuali verso i bambini sono di solito allontanati da professionisti non addestrati o non disposti ad aiutare, lasciando questi adulti o adolescenti a lottare da soli.

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali definisce un pedofilo come qualcuno che ha "fantasie ricorrenti, intense, sessualmente eccitanti, impulsi sessuali o comportamenti che coinvolgono l'attività sessuale con un bambino in età prescolare o bambini". Per essere diagnosticati con pedofilia, la persona deve sperimentare questi sintomi per almeno sei mesi e provano un serio disagio per le pulsioni e le fantasie sessuali.

Essendo una popolazione sottopagata, è difficile conoscere il numero preciso di pedofili non-offensivi. Michael Seto, direttore dell'Unità di ricerca forense dell'Università di Ottawa, stima che fino al 9% degli uomini abbia fantasticato di fare sesso con un bambino in età prepuberale. Si ritiene ora che approssimativamente dall'1 al 5% degli uomini si identifichi come pedofilo.

Adam (nome cambiato), un pedofilo non-offendente, ha notato per la prima volta la sua attrazione verso i bambini quando aveva 11 anni. In un'intervista alla rivista Matter, Luke Malone, descrive la sua adolescenza come un periodo di angosciante odio di sé:

"Sono stato passivamente suicida per molto tempo […] Molto è stato, 'Sono un mostro' per aver visto [pedopornografia], ma anche solo per avere queste attrazioni."

Attualmente non esiste alcun sistema in Canada per trattare coloro che sono sessualmente attratti dai bambini, ma non hanno agito su questi impulsi. Le leggi sulla segnalazione obbligatoria, che rendono i professionisti responsabili di segnalare sospetti di abuso sui minori ai Servizi di protezione dell'infanzia, spesso scoraggiano i pedofili che non hanno commesso un reato dal cercare un trattamento. In Ontario, questo requisito esiste ai sensi della legge sui servizi per bambini e familiari.

Elizabeth Letourneau, direttore del Moore Center for the Prevention of Child Abuso sessuale presso la Johns Hopkins University, è una forza trainante nella programmazione della prevenzione rivolta ai pedofili non-offensivi. In un'intervista con TIME Magazine, descrive le sue esperienze lavorando con questa popolazione.

"Ho parlato con giovani uomini che erano inorriditi rendendosi conto che erano attratti dai bambini più piccoli durante l'adolescenza e che non stavano uscendo dalla loro attrazione. Descrivevano terribili fanciulle, vivendo nell'isolamento autoimposto per paura di essere scoperti e etichettati come pedofili. Diversi hanno espresso il disprezzo di sé. Molti consideravano il suicidio. Da adolescenti, volevano aiutare a controllare i loro impulsi sessuali, ma non avevano nessun posto dove rivolgersi per chiedere aiuto. "

Ricercatore statunitense nel campo della prevenzione primaria, Letourneau richiede lo sviluppo di una "cultura della prevenzione" sulla pedofilia. Sostiene la terapia preventiva sia per i non colpevoli che per i trasgressori allo stesso modo:

"Se potessero semplicemente rivolgersi a qualcuno per parlare di questo, un professionista che lo tratterà in modo obiettivo e vederli come una persona di valore, che sapranno che non sono bambini cattivi, che sono bravi ragazzi ma hanno questo aspetto di loro che hanno davvero bisogno di aiuto per il controllo. Questo è quello che stanno cercando ed è quello che spero di poter fornire ".

Molti pedofili non-offensivi come Adam si rivolgono disperatamente a Internet per il supporto sociale. Nelle sue parole:

"Per un pedofilo, non c'è quasi posto dove andare e ottenere informazioni o qualsiasi tipo di aiuto, sono sicuro che ci sono dei pedofili che si uccidono e che non potranno mai rivelarlo o ammetterlo, nemmeno in una lettera di suicidio. Penso che ci sia probabilmente molto più di quanto le persone realizzerebbero. "

Adam ora conduce un gruppo informale di supporto online per i pedofili adolescenti e ventenni che desiderano aiutare a combattere questo problema. Ci sono un totale di nove membri, tra i sedici ei ventidue anni. Tutti i membri devono attenersi a due regole: nessuna precedente storia di offesa e completa astinenza dalla pedopornografia.

Esistono altre risorse di auto-aiuto online per pedofili non-offendenti. Virtuous Pedophiles, il più grande gruppo di supporto online per pedofili negli Stati Uniti, ha attualmente oltre 1200 membri e opera sotto la semplice convinzione che il sesso con i bambini sia sbagliato.

In Germania, gli sforzi di prevenzione sono già in atto. Migliaia di pedofili autoidentificati raggiungono il Progetto di prevenzione Dunkelfeld, un programma terapeutico rivolto ai maschi non-offensivi attratti dai bambini. La Germania non ha leggi di segnalazione obbligatorie, rendendo più facile per i pedofili che non hanno commesso l'infrazione il trattamento.

In accordo con le recenti ricerche sulla pedofilia che rivendicano una base neurobiologica alla malattia, Klaus Beier, direttore del progetto tedesco, ritiene che, per lo meno, un'attrazione minore per i bambini sia una parte fissa dell'identità di un pedofilo. Dunkelfeld opera all'interno di un quadro di riduzione del danno. Piuttosto che cercare di cambiare comportamento, il programma lavora per gestire l'attrazione dei propri clienti verso i bambini. Il progetto offre sia sessioni settimanali di terapia cognitiva comportamentale che farmaci per la riduzione della libido.

Il paradigma si sposta verso l'alleviamento dello stigma e il trattamento della pedofilia come una malattia è la chiave per attuare un cambiamento reale. È fondamentale distinguere tra fantasia e comportamento e offrire risorse a coloro che vogliono gestire le loro condizioni volontariamente.

– Lauren Goldberg, autrice collaboratrice, rapporto sul trauma e salute mentale

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "I pedofili non offendenti soffrono di isolamento"