I numeri non mentono

Mentre celebriamo un altro mese della storia LGBT di ottobre, non ci vuole che gli scienziati ci dicano che gli omosessuali ci convincono di qualcosa che conosciamo fin troppo bene: essere picchiati e messi giù porta alla depressione e ad altri problemi psicosociali e può portarci a trattare noi stessi in modo da garantire la vittoria dei bulli.

"Durante l'adolescenza sta accadendo qualcosa di orribile ai giovani gay", ha detto in un'intervista Ron Stall, Ph.D., direttore del Centro per la ricerca sulla salute LGBT dell'Università di Pittsburgh.

Disse Stall: "A 18 anni possiamo dimostrare che i giovani uomini che hanno rapporti sessuali con uomini hanno molte più probabilità di soffrire di una lunga lista di problemi di salute psicosociale, che crediamo sia guidato dalla marginalizzazione e dalla vittimizzazione della violenza in giovane età . Questi giovani non capiscono cosa sta succedendo a loro stessi. Non c'è comunità. A volte, se un ragazzo picchiato dai bulli della scuola perché viene percepito come una femminuccia, va da suo padre per raccontare di essere stato picchiato nel cortile, rischia anche di essere picchiato da suo padre ".

Chiaramente, c'è un vero danno dai messaggi che i ragazzi gay ricevono dicendo loro che in qualche modo non sono normali, forse nemmeno completamente umani: dalle chiese che rivendicano l'attrazione che possono provare ad altri ragazzi, esattamente come i ragazzi etero sentono nei confronti delle ragazze, è un "Disordine oggettivo" che li inclina "verso un male morale intrinseco", come ha affermato la chiesa cattolica, al loro governo dicendo loro che sono cittadini di seconda classe.

Ma è diventato ugualmente chiaro che i messaggi positivi e i modelli di ruolo possono rafforzare l'autostima dei giovani gay e quindi ridurre il loro rischio di abuso di sostanze, l'HIV e altri comportamenti autodistruttivi che affliggono in modo sproporzionato gli omosessuali.

Questa nuova consapevolezza sta guidando un approccio completamente nuovo alla salute degli uomini gay. Invece di concentrarsi sui nostri "deficit", si basa sulla resilienza e sulla forza che praticamente tutti gli uomini gay dimostrano semplicemente sopravvivendo all'età adulta. Usa i nostri punti di forza come punto di partenza, piuttosto che assumere debolezze semplicemente perché siamo gay. E offre esempi di omosessuali che gestiscono con successo le loro sfide – sia che si tratti di lutto per una perdita, o di ansia, di convivenza con l'HIV, o di una miriade di traumi grandi e piccoli che possono sconvolgere il nostro equilibrio e forse anche indurci a fare qualcosa potremmo pentirci più tardi.

"Non ha più senso", ha chiesto Ron Stall, "guardare le persone che hanno prosperato, che sono resilienti e non imparare da cosa è andato storto ma cosa è andato bene? Guarda i ragazzi che hanno attraversato situazioni orribili e imparato e cresciuto. Impara da loro piuttosto che sollevare i ragazzi che esemplificano lo stereotipo sociale degli omosessuali come fallimenti. "

Stall ei suoi colleghi nella loro ricerca hanno identificato quattro "epidemie" interconnesse di condizioni di salute psicosociale che affliggono sproporzionatamente gli uomini gay e bisessuali, ciascuno peggiorando gli altri: abuso sessuale infantile, violenza da parte dei partner, depressione e uso di droghe. Insieme, i loro effetti insidiosi vengono definiti "syndemics".

Gli uomini che sono più fortemente colpiti da uno di questi tendono ad essere ad alto rischio di HIV e abuso di sostanze. Quelli tra noi che appartengono a gruppi a basso reddito o etnicamente culturalmente emarginati sono particolarmente vulnerabili agli effetti sindemici.

In uno studio, Stall ha scoperto che l'11% di 812 uomini che hanno segnalato un problema – la depressione, per esempio – si era impegnato nel sesso ad alto rischio (definito come rapporto anale non protetto). Di 129 uomini che hanno segnalato tre o quattro problemi, il 23% ha dichiarato di avere rapporti sessuali ad alto rischio.

La solita reazione a tali numeri è un commento sugli omosessuali "spericolati". Ma guarda di nuovo.

Incorniciato in un altro modo, i numeri ci dicono qualcosa di abbastanza sorprendente che non può essere ignorato: l'89 per cento degli uomini che hanno segnalato un problema non ha praticato sesso ad alto rischio. Allo stesso modo, più di tre quarti degli uomini con tre o quattro problemi non ha avuto rapporti sessuali ad alto rischio.

I numeri lo rendono abbondantemente chiaro: la stragrande maggioranza degli omosessuali – anche quelli di noi che si occupano di molteplici problemi di salute mentale, quando solo uno è sufficiente per indebolirci – in realtà si prendono cura, proteggono e danno valore a noi stessi.

Come può essere? Di fronte a pressioni e lotte travolgenti che possono dare agli uomini gay tutte le ragioni per cui potremmo voler ferire o medicarci, o peggio, come mai la maggior parte di noi non lo fa?

Ron Stall attribuisce le sorprendenti scoperte alla resilienza degli uomini gay. "Siamo così concentrati sui fattori di rischio al punto da dimenticare la resilienza", ha affermato.

Stall crede che "un modo più intelligente di andare" nel pensare alla prevenzione dell'HIV, per esempio, sia guardare i ragazzi che stanno prosperando nonostante le loro avversità, come lo hanno tirato fuori, vedere quali lezioni offre la loro esperienza e applicarla agli interventi volti a sostenere la salute e la salute mentale degli omosessuali e dei bisessuali.

Stall ei suoi colleghi descrivono la resilienza degli uomini gay come "una risorsa inutilizzata" nell'affrontare gli alti tassi di problemi di salute psicosociale – come la depressione, l'abuso di sostanze e la vittimizzazione – che causano anche il rischio di HIV.

"Sfruttare queste forze e resilienze naturali", scrivono, "può migliorare i programmi di prevenzione e di intervento dell'HIV, fornendo in tal modo l'ulteriore efficacia necessaria per invertire le tendenze dell'infezione da HIV tra gli uomini che fanno sesso con uomini".

John-Manuel Andriote/photo
Fonte: John-Manuel Andriote / foto

La ricerca suggerisce che il nostro viaggio verso l'essere gay resilienti inizia accettando il nostro orientamento sessuale. Come Ron Stall ha messo nella nostra intervista, "I ragazzi che fanno il miglior lavoro per risolvere l'omofobia interiorizzata hanno meno probabilità di avere attuale vittimizzazione, abuso di sostanze e sesso compulsivo".

Mettendo un po 'diversamente, Stall ha detto: "Ottenere una popolazione di persone che non odia se stesso fa bene alla loro salute. Questa non è scienza missilistica. "

Solutions Collecting From Web of "I numeri non mentono"