I muscoli fanno l’uomo?

Una nuova ricerca aiuta a spiegare perché alcuni uomini di minoranza sessuale si battono per i muscoli grandi.

Uno studio pubblicato su Psychology and Sexuality la scorsa primavera ha esaminato l’associazione tra omofobia interiorizzata e insoddisfazione dell’immagine corporea per gli uomini appartenenti a minoranze sessuali.

L’omofobia interiorizzata o omonegatività si riferisce alla misura in cui gli individui appartenenti a minoranze sessuali interiorizzano gli ideali eterosessisti della società e le opinioni negative sulla diversità sessuale. L’omofobia interiorizzata è spesso comune quando un individuo inizia a cimentarsi o a fare i conti con la sua identità sessuale e può dissolversi rapidamente man mano che ci si sente più a proprio agio con la propria identità o può rimanere in vita, in agguato nell’ombra della propria psiche! L’insoddisfazione dell’immagine corporea è proprio come sembra: sensazioni di insoddisfazione associate al proprio aspetto fisico, che sono spesso associate a duramente giudicandosi contro i prototipi di una bellezza accettata dalla società: alias celebrità e top model. I ricercatori di Badenes-Ribera, Fabris e Longobardi hanno voluto indagare su come questi due concetti possano essere collegati tra uomini appartenenti a minoranze sessuali (ad esempio, uomini gay e bisessuali).

Questo argomento è stato studiato in precedenza, ma il problema è stato che diversi studi hanno fornito risposte diverse. Alcuni trovano un collegamento, mentre altri no. Per affrontare questo problema all’interno della letteratura, i ricercatori hanno condotto una meta-analisi. Le meta-analisi richiedono la ricerca nella letteratura per trovare il maggior numero di studi pertinenti possibili e quindi combinare i dati pubblicati su ciascuno di questi studi in modo che i risultati possano essere analizzati statisticamente insieme. Uno dei principali vantaggi della realizzazione di una meta-analisi è che può superare i limiti degli studi che hanno campioni di dimensioni molto ridotte combinando tali studi con altri studi, e quindi aumentando il numero complessivo di partecipanti che hanno contribuito con le loro risposte alla domanda a mano.

I ricercatori che hanno condotto questa meta-analisi sono stati in grado di trovare 59 studi che erano pertinenti alla domanda se l’omonegatività internalizzata potesse essere associata a una maggiore insoddisfazione dell’immagine corporea tra gli uomini minoritari, ma a causa delle variazioni nelle metodologie, solo 12 degli studi incontrati i criteri di inclusione (ad esempio, utilizzando le misure pertinenti, riportando le statistiche necessarie). Gli autori descrivono dettagliatamente come hanno analizzato i 12 studi e vi incoraggio a leggere il documento se volete saperne di più, ma qui, mi concentrerò sui loro risultati e conclusioni.

Dopo aver esaminato questi 12 studi, che provenivano dal Canada, dagli Stati Uniti, dall’Australia e dall’Italia, i ricercatori sono stati in grado di calcolare le dimensioni dell’effetto combinato per l’associazione tra omonegatività interiorizzata e quattro tipi di insoddisfazione del corpo:

Anush Gorak/Pexels

Fonte: Anush Gorak / Pexels

  1. Volendo essere più muscoloso
  2. Volendo essere più magro
  3. Monitorare attentamente il proprio aspetto (sorveglianza del corpo)
  4. Disagio generale per l’aspetto fisico.

Una maggiore omofobia interiorizzata predisse una maggiore insoddisfazione del corpo per tutti e quattro i tipi esaminati, e l’associazione più forte era tra l’omofobia interiorizzata e l’angoscia generale sul proprio aspetto fisico (angoscia correlata al corpo).

Perché gli uomini gay e bisessuali che vivono l’omonegatività interiorizzata sono anche meno soddisfatti del loro aspetto fisico?
Una spiegazione suggerita è che, per gli uomini, la muscolosità e il fisico sono visti come un simbolo della mascolinità. L’omofobia, d’altra parte, si concentra spesso sul dipingere gli uomini gay come deboli ed effeminati. Alcuni teorici hanno persino sostenuto che gli omosessuali non sono realmente mirati a causa dell’omofobia, ma piuttosto della femmobia o della pervasiva svalutazione della femminilità all’interno della società occidentale (ad esempio, “non essere una femminuccia”, “si getta come una ragazza!” ). In altre parole, la società può essere meno turbata per gli uomini che amano gli altri che per gli uomini che non agiscono come uomini! Di conseguenza, gli uomini delle minoranze sessuali che si sentono meno fiduciosi nella loro identità sessuale e che hanno interiorizzato le visioni negative dell’omosessualità del mondo esterno possono valutare e monitorare più criticamente il proprio corpo nel tentativo di apparire più maschili nella speranza che anche così farli sembrare meno gay. Ovviamente, ciò che è importante notare è che l’omonegatività interiorizzata è un processo inconscio, quindi è improbabile che singoli omosessuali o bisessuali dichiarino esteriormente di essere insoddisfatti della loro mancanza di muscolosità perché vogliono evitare di essere visti dagli altri come gay!

Un’altra spiegazione suggerita per il legame tra omonegatività interiorizzata e insoddisfazione del corpo è legata alle esperienze di bullismo. Ricerche passate hanno scoperto che gli uomini che hanno subito bullismo (indipendentemente dalla loro identità sessuale) tendono ad avere un maggiore desiderio di muscolosità. Questo può essere guidato dal desiderio di apparire forte e tenace, così da scongiurare qualsiasi istanza futura di vittimizzazione fisica (sicuramente ci pensi due volte prima di scegliere il tipo i cui muscoli stanno quasi per esplodere nella sua maglietta). Quindi, dato che sappiamo che i giovani delle minoranze sessuali sperimentano una quantità sproporzionata di bullismo durante la loro infanzia e adolescenza, è logico che alcuni possano crescere per avere una preoccupazione nello sviluppare quel tipo di corpo che farebbe pensare ad aspiranti aggressori due volte .

È anche importante notare che dopo aver combinato le informazioni di 12 studi diversi, le dimensioni dell’effetto (o la misura in cui queste due variabili sono associate tra loro) erano tutte da piccole a moderate. Come notano gli autori, lo studio non fornisce un nesso causale tra omonegatività interiorizzata e insoddisfazione del corpo, ma indica un’associazione interessante che non dovrebbe essere ignorata. Dopotutto, l’insoddisfazione del corpo è anche legata ai disordini alimentari, il che potrebbe significare che, per estensione, gli uomini appartenenti a minoranze sessuali che hanno livelli più elevati di omonegatività interiorizzata possono essere anche a più alto rischio di disturbi alimentari e relative complicazioni sanitarie.

In altre parole, solo perché noti uno di questi tratti in qualcuno che conosci (o omonegatività interiorizzata o insoddisfazione del corpo), ciò non significa che i due siano correlati, significa solo che a volte, per alcune persone, lo sono. Quindi, se hai un amico o un partner gay che passa molto tempo in palestra, non iniziare la tua prossima conversazione con loro dicendo “Penso che tu abbia interiorizzato l’omonegatività” – credimi, sono sposato con una palestra ratto – quella conversazione non finirà mai bene!

Infine, anche se pensi che qualcuno che conosci, o anche te stesso, possa essere rappresentato nei dati discussi da questo studio, dovremmo ricordare che l’omonegatività interiorizzata è una reazione naturale a vivere in un mondo eteronormativo. In definitiva, l’unica soluzione duratura per l’omonegatività interiorizzata sarà una società che smette di considerare la diversità sessuale come qualcosa da fissare, tollerare o estirpare, piuttosto che celebrato e accettato.

Riferimenti

Badenes-Ribera, L., Fabris, MA, e Longobardi, C. (2018). La relazione tra omonegatività interiorizzata e preoccupazioni sull’immagine corporea negli uomini appartenenti a minoranze sessuali: una meta-analisi. Psicologia e sessualità, 9 (3), 251-268.

Boyda, D. & Shevlin, M. (2011). Vittimizzazione infantile come predittore di dismorfismo muscolare nei bodybuilder maschi adulti. The Irish Journal of Psychology, 32 (3-4), 105-115.

Wolke, D. & Sapouna, M. (2008) Uomini grandi che si sentono piccoli: esperienza di bullismo infantile, dismorfismi muscolari e altri problemi di salute mentale nei bodybuilder. Psicologia dello sport e dell’esercizio, 9 (5), 595-694.

  • Massimizza la tua capacità di recupero e diventa più felice al lavoro
  • Trumpcare: quando l'assicurazione sanitaria non è realmente assicurativa?
  • Humanizing Healthcare per le persone LGBTQ
  • Molto più di una Turchia
  • Avere un senso di casa
  • Come la tua gelosia guida il tuo partner
  • Applicando il metodo scientifico alla carità
  • I rifugiati LGBTQ mancano di assistenza sanitaria mentale
  • Comprensione e trattamento del mutismo selettivo
  • Tre risoluzioni di Capodanno e accoppiamento
  • Come trattare con i familiari che ti stressano
  • 10 segni di un bambino è in un'amicizia tossica e come si può aiutare
  • 5 Vital Keys to Success in Love and Dating
  • 52 modi per dimostrare che ti amo: dare
  • Un miliardo di persone condivide questa dipendenza. Sei tra loro?
  • A volte la mancanza di soldi è la via della relazione del male
  • Al servizio degli stessi vecchi miti sul matrimonio, con un lato di condiscendenza
  • L'abilità di Kevin Powell per essere reale
  • Come migliorare l'educazione sessuale
  • Lezioni dal Maestro
  • Dove vanno tutti i cani?
  • Storie di solitudine: obesi, decide di perderla da sola
  • Quello che il racconto della serva può insegnarci riguardo alle donne costrette
  • L'ultimo farmaco per il dolore cronico: buone notizie o cattive?
  • I batteri che modellano il tuo cervello
  • Gli avvocati non dovrebbero dirci come allevare i nostri figli
  • Avvio di antidepressivi? Informazioni sull'aumento di peso
  • I narcisisti potrebbero essere più abusivi?
  • Instagram è incolpato di traffico turistico?
  • Confuso dalla vita nel mondo di oggi? Riavvia e Remix! - Parte 1
  • Come è il tuo "dovere"?
  • Insieme saliamo
  • Alcune parole sulla pace e sulla pace
  • Animali domestici come fattore di rischio per lesioni correlate alla caduta
  • Può esserci troppa sensibilità romantica?
  • "Un-Whining" Your Life