I miti del "self made man" e la meritocrazia

La recessione ha causato un significativo aggiustamento economico, tra cui un riallineamento delle attività e la domanda e l'offerta di talenti. Insieme a questi aggiustamenti è stato rinnovato il dibattito su questioni come la distribuzione della ricchezza, la scomparsa della classe media e la credenza nella meritocrazia. Alcuni esperti recenti hanno riaffermato la percezione che sia la credenza nel "self made man" che i benefici della meritocrazia siano in gran parte miti e non servano bene la società.

Film, programmi televisivi e media popolari, e molti politici stanno rafforzando questi miti discutendo e promuovendo l'idea che chiunque può essere ricco o arrivare al vertice in virtù del loro duro lavoro e dell'atteggiamento positivo ed è così che le persone di successo lo hanno fatto nel passato. Se ciò fosse vero, non vedremmo un'esplosione virtuale di persone che acquistano biglietti della lotteria, ei governi che utilizzano le lotterie come una significativa fonte di entrate.

Alcuni degli imprenditori più ricchi del Nord America affermano che non esiste un "uomo fatto da sé". Con più milionari che fanno, piuttosto che ereditare, la loro ricchezza, c'è la falsa credenza che ce l'abbiano fatta da soli senza aiuto, un nuovo rapporto pubblicato da United For a Fair Economy, con sede a Boston , afferma. Il gruppo ha firmato più di 2.200 milionari e miliardari in una petizione per riformare e mantenere la tassa di successione negli Stati Uniti. Il rapporto afferma che il mito della "ricchezza autoprodotta è potenzialmente distruttivo per la stessa infrastruttura che consente la creazione di ricchezza".
Le persone profilate nel rapporto credevano di prosperare in gran parte per cose al di fuori del loro controllo e per il sostegno degli altri. Warren Buffet, il secondo uomo più ricco del mondo, ha dichiarato: " Personalmente ritengo che la società sia responsabile di una percentuale molto significativa di ciò che ho guadagnato". Erick Schmidt, CEO di Google, afferma: " Un sacco di persone che sono intelligenti e lavorano duro e giocare secondo le regole non hanno una frazione di quello che ho. Mi rendo conto che non ho le mie ricchezze perché sono così brillante. "

Malcolm Gladwell, nel suo libro, The Outliers, attacca il mito americano dell'uomo che si è fatto da sé. La meticolosa ricerca di Gladwell ha dimostrato che persone di enorme successo come Bill Gates, The Beatles e atleti professionisti, scienziati e artisti, tutti hanno avuto persone nelle loro vite che li hanno aiutati ad arrivare là.

Simile al mito fatto da sé, la credenza nella meritocrazia è un mito.

Il termine meritocrazia è definito come una società che premia coloro che mostrano talento e competenza come dimostrato da azioni passate o prestazioni competitive. Il termine fu usato per la prima volta nel libro satirico di Michael Young del 1958, Ris e of Meritocracy , che descrive un futuro distopico in cui il proprio posto sociale era determinato dal QI e dallo sforzo.

I fautori della meritocrazia sostengono che è più giusto e produttivo, consentendo di fare distinzioni sulla base delle prestazioni. Quando la meritocrazia è implementata nelle organizzazioni, tuttavia, produce invariabilmente strutture gerarchiche. La meritocrazia è stata criticata come un mito che serve solo a giustificare lo status quo; il merito può sempre essere definito come qualunque risultato abbia successo. Quindi chiunque abbia successo può essere interpretato come un successo meritevole, piuttosto che il successo è in realtà previsto da criteri di merito. Il libro di Lawrence Peter, The Peter Principle , sottolinea che la meritocrazia promuove gli individui in base alla loro capacità di eseguire il loro incarico precedente, non quelli attuali o futuri.

Nigel Nicholson, professore di comportamento organizzativo alla London Business School, sostiene in un articolo della Harvard Business Review che è un mito dannoso che la meritocrazia nelle organizzazioni si basi sulla proposizione che è uguale a qualità ed efficienza. Nicholson dice che " nel tipo di meritocrazia che le aziende cercano di attuare, le persone progrediscono in modo lineare: l'alpha migliore si trova in alto, con un gruppo di beta che gli riferiscono (occasionalmente lei), fino alle omegas che lavorano le macchine e trattare con i clienti. " Dice che questo approccio non funziona per 3 motivi: non consente alcuno spazio per l'apprendimento perché le persone non possono cambiare i loro voti; ignora il fatto che il valore o il talento delle persone dipende dalle circostanze: ognuno ha capacità uniche che devono essere costantemente rivalutate; e non puoi ridurre il valore di una persona a una singola lettera o numero su una scala di merito.

Nicholson sostiene che la meritocrazia ha troppi manager che guardano oltre le loro spalle, cercando di migliorare se stessi invece di cercare di tirare fuori il meglio dagli altri. Egli osserva che un rigido modello gerarchico ha dominato la società umana per oltre 10.000 anni. Dice che la nostra storia d'amore con la gerarchia aziendale ricade direttamente nelle mani dei nostri ancestrali istinti primati per contestare, dominare e beccare ordini – ossessioni e dipendenze tradizionali degli uomini in un ordine patriarcale.

Che mi dici delle donne? Nicholson dice che alle donne mancano le stesse presunzioni degli uomini; le donne sono più aperte alla cooperazione e alla collaborazione, il che spiegherebbe perché così poche donne salgono al vertice.

Cosa suggerisce Nicholson come soluzioni? Dice che una vera meritocrazia riconoscerebbe tutti i molteplici talenti dei lavoratori. Riconosceremmo che viviamo in un mondo dinamico e incerto, e le strutture sarebbero fluide e mutevoli, citando Google, Opticon, Chapparal Steel e altri che hanno sperimentato con successo culture basate su team, gerarchie sfocate e progetti auto-organizzati spontanei.

Stephen McNamee e Robert Miller della University of North Carolina, sostengono nel loro libro The Meritocracy Myth che c'è un serio divario tra il modo in cui le persone pensano che il nostro sistema economico funzioni e come funzioni effettivamente. Gli autori citano dati che mostrano che il 20% delle famiglie americane riceve il 50% di tutti i redditi disponibili e il più basso 20% delle famiglie riceve meno del 4%; il 5% superiore delle famiglie riceve il 22% di tutte le entrate disponibili; il più ricco 1% delle famiglie rappresenta il 30% di tutto il patrimonio netto disponibile. La disuguaglianza economica negli Stati Uniti è la più alta tra tutti i paesi industriali.

McNamee e Miller affermano che, nonostante la visione popolare che gli Stati Uniti sono una società della classe media, non è perché la maggior parte della ricchezza è concentrata al vertice. Sostengono anche che il caso per merito presupporrebbe che la ricchezza sia distribuita secondo la curva a campana, che non è.
Allo stesso modo, lavorare sodo è spesso visto come una parte della formula del merito. Ma cosa intendiamo lavorando sodo? Il numero di ore che spendiamo per raggiungere un obiettivo? Energia spesa? Non c'è alcuna correlazione tra duro lavoro e successo economico. Infatti, le persone che lavorano più ore e spendono più energia sono di solito i più poveri, sostengono gli autori. E i soldi veramente grandi non vengono dal lavoro, provengono dal possesso di beni.

McNamee e Miller contestano anche l'idea che il carattere morale e l'integrità siano importanti per il successo economico. Ci sono poche prove che siano risultati onesti nel successo economico. In realtà, è vero il contrario, come si vede negli esempi di Enron, WorldCom, Arthur Anderson e la debacle di Wall Street. Il crimine dei colletti bianchi sotto forma di abuso di informazioni privilegiate, appropriazione indebita, frode fiscale e assicurativa non è certo un riflesso di integrità e onestà. Giocare secondo le regole probabilmente funziona per sopprimere le prospettive di successo economico, rispetto a coloro che ignorano le regole.

Nel guardare i posti di lavoro, tendiamo a concentrarci sul lato "offerta" dei mercati del lavoro, il pool di talenti disponibili. Molta meno attenzione viene spesa dal lato della domanda. Negli ultimi 20 anni i "lavori di crescita" sono stati sproporzionati nel settore dei salari bassi nei posti di lavoro iniziali. Allo stesso tempo, un numero crescente di persone riceve un'educazione avanzata, con un numero insufficiente di posti di lavoro ad alto potenziale per soddisfarle.

McNamee e Miller affermano, in conclusione, che la nostra fede in una meritocrazia sostiene un mito che maschera le disuguaglianze economiche nel Nord America e impedisce alle iniziative progressiste del governo di affrontare la questione.

Nel mio lavoro come trainer di leadership e executive coach, sono rimasto colpito da quante persone seguono ciecamente le immagini ritratte dai media che cercano di convincere le masse che "anche tu" può essere la prossima star di atletica, canto, recitazione o d'affari indipendentemente dal tuo background, quando le probabilità sono astronomiche che accadrà. Inoltre, così tanti guru dell'auto-aiuto aiutano a perpetuare i miti discussi qui convincendo i loro clienti che chiunque può arrivare fino in cima con un duro lavoro e alcune affermazioni positive. Queste pratiche ingenue e dannose, in particolare per i giovani, rafforzano e sostengono il mito dell'uomo che si è fatto da sé e della meritocrazia.

Solutions Collecting From Web of "I miti del "self made man" e la meritocrazia"