I medici scrivono una lettera ai loro pazienti nell'era di Trump

In questo nuovo e incerto periodo della storia americana, noi medici e tirocinanti sentiamo una responsabilità speciale. Ci sforziamo di mantenere il nostro giudizio clinico senza ombra di dubbio dalle nostre convinzioni politiche, tuttavia non possiamo fare a meno di vedere le manifestazioni dei mali della nostra società nella nostra pratica quotidiana. Per i nostri pazienti, la povertà, la violenza e l'emarginazione non sono semplici astrazioni ma piuttosto realtà dure. Di conseguenza, ci sentiamo in dovere di agire e difenderci da qualsiasi minaccia per il benessere dei nostri pazienti.

Le politiche proposte dall'amministrazione entrante sotto il presidente eletto Donald Trump potrebbero rappresentare una tale minaccia. Alla luce di questi cambiamenti proposti al nostro sistema sanitario, affermiamo con orgoglio le seguenti otto convinzioni a nome della salute di tutti gli americani:

1. Crediamo che la salute sia un diritto umano.
La salute è una condizione fondamentale per la prosperità umana, senza la quale la prosperità economica e la libertà politica hanno poco significato. Pertanto, tutti gli americani dovrebbero avere accesso a un'assistenza sanitaria essenziale ed efficace indipendentemente dalla loro capacità di pagare. Con il passaggio della Affordable Care Act (ACA), abbiamo fatto grandi progressi per aumentare l'accesso alle cure, in particolare per le comunità economicamente svantaggiate. Le decine di milioni di americani che hanno ottenuto la copertura assicurativa ai sensi dell'ACA sono comprensibilmente spaventati dalle richieste di questa legislazione da adottare in toto o in parte. Promettiamo di lottare per le disposizioni dell'ACA che ci hanno permesso di ottenere questi vantaggi in termini di accesso e qualità dell'assistenza, continuando nel contempo a spingere la riforma sanitaria verso il nostro obiettivo di accesso all'assistenza per tutti.

2. Crediamo nella medicina basata sull'evidenza e nella politica di salute pubblica.
Dopo un ciclo elettorale in cui i sentimenti spesso trionfano sui fatti, dobbiamo riaffermare il nostro impegno verso i principi della scienza. In medicina, ci sforziamo di produrre una ricerca che non è partigiana e priva di pregiudizi personali per guidare la nostra pratica di medici. Dobbiamo continuare a riporre la nostra fiducia nel consenso scientifico e utilizzare i fatti per combattere i sentimenti quando i leader eletti sollevano dubbi sui dibattiti a lungo stanziati, dai vaccini ai cambiamenti climatici. Inoltre, dobbiamo garantire che il processo normativo per la determinazione della sicurezza e dell'efficacia delle droghe farmaceutiche rimanga rigoroso e non sia influenzato da incentivi finanziari del settore privato. Giuriamo a difendere la ricerca della verità scientifica e la libera inchiesta in America.

3. Crediamo che non ci sia salute senza salute mentale.
Gli individui con malattie mentali e disturbi da uso di sostanze subiscono uno stigma debilitante e spesso vengono loro impediti di accedere alle cure essenziali attraverso blocchi assicurativi sottofinanziati e intenzionali. Questi problemi sono tanto più urgenti nel mezzo della nostra attuale epidemia di oppioidi. Ogni giorno, 78 americani muoiono per overdose da oppioidi. Come medici, comprendiamo la dipendenza come una malattia cronica e debilitante che richiede compassione e trattamento, non giudizio e punizione. Promettiamo di sostenere la parità – in pratica, non solo a parole – per la cura della salute mentale e il trattamento dei disturbi da uso di sostanze.

4. Crediamo che la salute delle donne debba essere protetta.
Le donne dovrebbero essere in grado di accedere a servizi sanitari completi senza timore di intimidazioni o violenze. Questa cura deve includere la contraccezione sicura ed efficace come servizi sanitari preventivi essenziali. Ci impegniamo a sostenere il diritto all'autodeterminazione di ogni donna, senza l'intervento del governo nelle decisioni che dovrebbero basarsi esclusivamente sui valori e sulla sicurezza di una singola donna. Questa lotta è la lotta di tutti: l'assistenza sanitaria femminile di alta qualità migliora i risultati sanitari non solo per le donne stesse, ma anche per le loro famiglie e comunità. Inoltre, chiediamo una cultura politica che non condona l'aggressione sessuale, fisica o verbale. Promettiamo di lottare per la salute delle donne e di respingere la violenza contro le donne in tutte le forme.

5. Crediamo che tutti gli americani meritino accesso all'assistenza sanitaria e alla libertà dalla violenza, indipendentemente dal loro status di immigrati.
Ogni giorno, ci prendiamo cura delle persone che contribuiscono in modo significativo alle loro comunità – e alla nostra economia – eppure lottano per mantenere se stessi e le loro famiglie in buona salute con una copertura assicurativa limitata o inesistente. Dopo le elezioni, abbiamo assistito a un'ondata di paura tra i nostri pazienti immigrati, in quanto si trovano di fronte alla prospettiva di famiglie lacerate e all'esilio forzato a condizioni di povertà e violenza politica. Promettiamo di proteggere i nostri pazienti privi di documenti, difendiamo i loro diritti e continuiamo a servirli come guaritori.

6. Crediamo che le strutture oppressive che danneggiano le persone di colore in America debbano essere smantellate.
Il razzismo e la xenofobia influenzano negativamente la salute dei nostri pazienti su più livelli. L'esperienza vissuta della discriminazione è di per sé un forte fattore di rischio per morbilità e mortalità, mentre i crimini di odio e la violenza della polizia contro le minoranze religiose e razziali rappresentano un danno diretto per i corpi delle persone. Questi problemi sono aggravati dalle ineguaglianze di accesso e qualità che affliggono ancora il nostro sistema sanitario. Promettiamo di combattere pregiudizi e pregiudizi nelle nostre interazioni con i pazienti, così come nelle nostre cliniche, ospedali e comunità.

7. Crediamo che tutti gli americani, indipendentemente dalla loro identità di genere o orientamento sessuale, meritino di essere trattati con dignità e rispetto.
Non solo gli individui LGBT sono l'obiettivo più frequente dei crimini di odio in America, ma affrontano anche sfide diffuse nell'accedere a cure mediche culturalmente competenti e complete. Facciamo voto contro la violenza, la vittimizzazione e le disparità sanitarie che colpiscono la popolazione LGBT.

8. Crediamo che la tortura e le violazioni dei diritti umani non abbiano alcun posto nella società americana.
Tutte le principali organizzazioni mediche internazionali si sono opposte alla tortura, e siamo fermi nell'opporsi a tutte le forme di tortura o "interrogatori potenziati", indipendentemente dall'impostazione o dalla presunta giustificazione. Le vittime di queste violazioni dei diritti umani potrebbero non identificarsi come americane, ma non possiamo giustificare un doppio standard che equipara "non americano" con "non umano". Inoltre, come medici, comprendiamo le devastanti conseguenze del trauma sulla salute di entrambe le vittime e dei perpetratori. Promettiamo di resistere al ciclo di violenza proposto in nome della sicurezza nazionale.

L'amministrazione presidenziale potrebbe cambiare, ma i nostri valori e priorità come i medici americani non lo faranno. Dichiariamo queste otto convinzioni come principi fondamentali che sosterremo nel nostro lavoro quotidiano mentre ci preoccupiamo per gli americani di tutte le classi, generi, colori, fedi e orientamenti sessuali. La nostra dichiarazione mette in evidenza i gruppi emarginati più a rischio nel recente discorso politico della nostra nazione, ma insistiamo sul fatto che questi principi rappresentano anche gli americani bianchi e altri gruppi di maggioranza. Resisteremo a tutti gli sforzi per violare questi principi, poiché crediamo fermamente che un tale cambiamento metterebbe a repentaglio la salute dei nostri pazienti, ai quali giuriamo di servire.

Cordiali saluti,

Nina Sreshta, MD; Cambridge Health Alliance
Siva Sundaram, MD Candidate; Harvard Medical School
Nikhil "Sunny" Patel, MD, MPH, MS; Cambridge Health Alliance
Laurie Schleimer, MD Candidate; Harvard Medical School
Rachel Hathaway, MD; Cambridge Health Alliance
James B. McKenzie, DO, MBA; Cambridge Health Alliance
Jennifer Adaeze Okwerekwu, MD, MS; Cambridge Health Alliance
J. Wesley Boyd, MD, PhD; Cambridge Health Alliance, Harvard Medical School Center for Bioethics

Per firmare questa lettera o per condividerla, vai su: https://medium.com/@socialjusticecoalition/a-letter-to-our-patients-in-t…

Solutions Collecting From Web of "I medici scrivono una lettera ai loro pazienti nell'era di Trump"