I malati di mente possono essere ricoverati contro la loro volontà?

Le persone con disturbi mentali possono essere ricoverate in ospedale contro la loro volontà? La risposta breve è "sì", ma solo in circostanze specifiche.

Alcuni disturbi psichiatrici provocano gravi cambiamenti comportamentali che richiedono un'azione rapida e drammatica, inclusa la limitazione della libertà di una persona. Tale azione può essere necessaria al fine di proteggere la persona dall'auto lesione o dal danneggiare gli altri.

L'ospedalizzazione psichiatrica involontaria comporta un'interazione appropriata tra i sistemi medico e legale. Sebbene le esatte politiche che regolano l'ospedalizzazione involontaria varino tra gli stati, alcuni operatori sanitari possono essere certificati per ospedalizzare un paziente contro la sua volontà se vengono soddisfatte determinate condizioni. Queste condizioni implicano quasi sempre pericolosità per sé o per gli altri. Questa autorità è presa molto seriamente dagli psichiatri e da altri fornitori certificati di assistenza sanitaria, e esistono importanti controlli ed equilibri per ridurre al minimo le decisioni inappropriate.

Quali sono i problemi connessi a tale decisione e quali sono alcuni dei pesi e contrappesi che proteggono le persone dall'assumere i loro diritti portati via in modo inappropriato?

Se un paziente con un disturbo psichiatrico attivo mostra comportamenti che un professionista sanitario certificato ritiene possa portare a un danno imminente a quella persona oa un'altra persona, allora il fornitore di assistenza sanitaria può avviare il processo di ospedalizzazione involontaria. Nella maggior parte delle giurisdizioni, il periodo iniziale di ospedalizzazione involontaria è generalmente breve, fino a 96 ore esclusi i fine settimana. Le condizioni che sollecitano tali interventi possono essere abbastanza varie. Ad esempio, tale azione potrebbe essere intrapresa quando una persona gravemente depressa ha compiuto un tentativo di suicidio e continua a esprimere l'intenzione suicida ma rifiuta il ricovero in ospedale. Un altro esempio potrebbe essere una persona con schizofrenia che dimostra comportamento agitato e attacca un membro della famiglia con un coltello, credendo che gli sia stato comandato di farlo da un agente esterno che appare sotto forma di allucinazioni uditive (sentire "voci").

Il breve periodo iniziale di confinamento involontario viene spesso utilizzato per l'osservazione e la valutazione diretta. Al momento dell'ammissione involontaria, viene raccolta una documentazione sostanziale, comprese le dichiarazioni di testimoni che hanno osservato comportamenti pericolosi. Naturalmente, questo è imbarazzante per molti coinvolti. Molte persone si sentono a disagio nel presentare documenti legali che portano alla perdita di libertà per i propri familiari o amici. Tuttavia, la famiglia e gli amici sono preoccupati per l'individuo e spesso fanno tutto il necessario per aiutarlo a ricevere cure.

Una volta ricoverato, l'individuo detenuto riceve informazioni sul processo legale e l'accesso a un avvocato. Molti psichiatri esitano a prescrivere farmaci durante questo periodo iniziale di 96 ore, a meno che non sia necessario impedire a un paziente di danneggiare se stesso o altri. Anche in un ambiente ospedaliero con una supervisione sostanziale, i pazienti agitati possono infliggere danni e alcuni farmaci psichiatrici possono essere il modo più efficace per minimizzare tale danno.

Durante il periodo iniziale di ospedalizzazione, si spera che il paziente sviluppi una comprensione e intuizioni sufficienti per diventare un paziente volontario e rispettare le raccomandazioni sul trattamento. In tal caso, i procedimenti giudiziari vengono chiusi e possono essere avviati trattamenti volontari.

Se il paziente non vuole rimanere in ospedale come paziente volontario, l'équipe clinica, guidata dallo psichiatra, determina se il paziente continua a dimostrare comportamenti che indicano la pericolosità come il risultato di una malattia psichiatrica. In caso contrario, il paziente può essere dimesso anche se mostra ancora sintomi di malattia. È imminente la pericolosità e non la presenza di sintomi psichiatrici che guida la necessità di ricovero involontario. Se i comportamenti della persona continuano a suggerire un pericolo significativo per sé o per gli altri, allora un'udienza del tribunale si verifica poco dopo il periodo iniziale di 96 ore di ospedalizzazione involontaria.

Il paziente è presente a questa udienza ed è rappresentato da un avvocato. I testimoni possono essere chiamati; questi sono spesso familiari, amici e professionisti della salute mentale. I professionisti della salute mentale, in particolare gli psichiatri, testimoniano la natura della malattia del paziente e le ragioni per cui ritengono che la persona sia un pericolo imminente per sé o per gli altri. Un giudice imparziale decide se le prove supportano la continua negazione della libertà della persona. Se il giudice non trova che le prove siano sufficienti, il paziente viene rilasciato immediatamente. Se il giudice ritiene che vi siano prove sufficienti che una malattia psichiatrica possa comportare un danno imminente per il paziente o altri, il giudice autorizza un periodo più lungo di ospedalizzazione involontaria, per esempio, altri 21 giorni nello Stato del Missouri. Durante questo periodo, viene iniziata la terapia del disturbo psichiatrico. Questo trattamento comporta spesso farmaci psichiatrici e terapia di gruppo o individuale. La terapia elettroconvulsiva (ECT) non è un'opzione senza un ordine specifico del giudice; l'uso di ECT involontario richiede la dimostrazione che tentativi ragionevoli di altri trattamenti sono falliti e che il paziente è probabile che risponda all'ECT.

Durante il lungo periodo di impegno involontario, si spera che la persona risponda al trattamento. Spesso, man mano che il trattamento progredisce, il paziente sviluppa una visione sufficiente per rendersi conto che è malato e che il trattamento può essere d'aiuto. Durante un impegno di diverse settimane, sarebbe inusuale per una persona "recuperare" completamente, ma non sarebbe inusuale per una persona migliorare al punto di essere dimessa dall'ospedale e sottoposta a trattamento volontario in un ambiente meno restrittivo. Questo può essere un day hospital o un setting ambulatoriale.

Se una persona rimane ammalata dopo il periodo di trattamento prescritto dalla corte ma non è più considerata pericolosa per sé o per altri, il gruppo di trattamento incoraggerà il paziente a seguire un trattamento ambulatoriale e lo dimetterà. Se la persona rimane malata e pericolosa, e rifiuta ulteriori cure, allora si verificherà un'altra udienza e al giudice verrà chiesto di determinare se è giustificato un periodo più lungo di isolamento involontario.

È importante sottolineare che la stragrande maggioranza dei pazienti con malattie psichiatriche non richiede mai l'ospedalizzazione involontaria. Lo scopo di questo post è quello di spiegare che sono in atto procedure legali formali in modo che i sistemi medici e legali possano lavorare insieme in modo da bilanciare la necessità di salvaguardare i pazienti e la società proteggendo allo stesso tempo i diritti individuali.

Questo post è stato co-scritto da Eugene Rubin MD, PhD e Charles Zorumski MD.

Solutions Collecting From Web of "I malati di mente possono essere ricoverati contro la loro volontà?"