I genitori dovrebbero semplicemente dire di no quando arrivano alla droga e al college?

Quando mi siedo nel mio ufficio in un centro di consulenza universitaria, a volte penso che se questi muri potessero parlare, se i genitori potessero vedere quello che vedo, potrebbero prendere una linea più dura quando si tratta dei loro figli, uso di droghe e binge drinking.

Almeno una volta ogni semestre vedrò uno studente entrare nel mio ufficio che ha una psicosi legata al consumo di droga.

Lo studente potrebbe sentire voci che le dicono che il governo la sta spiando. Ha paura di lasciare la sua stanza o mangiare cibo del campus.

Il suo fidanzato la porta dentro perché è spaventato e preoccupato. Hanno fumato marijuana ogni giorno per un anno. Sta bene, quindi perché sta avendo questa risposta?

Gli direi che alcuni adolescenti fanno esperimenti con la droga senza problemi, mentre altri avranno una reazione negativa, in particolare alla marijuana. La marijuana ha 3 volte il THC (tetraidrocannabinolo) come negli anni '80, portando ad un aumentato rischio di psicosi.

Per alcune persone, l'interruzione della marijuana può portare a una riduzione dei sintomi psicotici, ma in altri, anche dopo aver terminato l'uso di droghe, la psicosi può portare al disturbo bipolare o alla schizofrenia. La marijuana può accelerare il processo di malattia negli individui geneticamente predisposti a questi disturbi.

Anche se la maggior parte degli utenti di marijuana non svilupperà la psicosi, gli utenti regolari sono in media meno motivati ​​a scuola e hanno minore attenzione e memoria. Uno studio del 2015 mostrava che gli studenti universitari che fumano marijuana hanno GPA più bassi e impiegano più tempo per diplomarsi.

Ho dozzine di altre storie: uno studente sviluppa disturbo bipolare dopo aver assunto alte dosi di Adderall per mesi; una giovane donna rimane depresso e suicida dopo aver usato LSD una volta; uno studente ha una lesione alla testa dopo essere caduto da ubriaco. Un giovane viene da me perché è depresso e ansioso; sta usando alcol o una droga diversa ogni notte per sentirsi meglio, ma niente funziona.

Nessuna droga è benigna quando si tratta dello studente universitario.

L'alcol è associato a quasi 2.000 decessi studenteschi, 700.000 assalti e 100.000 assalti sessuali all'anno, secondo l'Istituto nazionale di abuso di alcool e alcolismo.

Overdose di narcotici (compresa l'eroina) e sedativi possono portare alla morte. L'abuso di eroina è così diffuso in alcuni stati che è diventato un problema di campagna nelle imminenti elezioni presidenziali.

Uno dei principali problemi con il consumo regolare di droghe è che impedisce agli studenti universitari di sviluppare sane capacità di coping per lo stress accademico, il crepacuore e la perdita che potrebbero verificarsi. Possono scegliere di bere o drogarsi quando sono stressati, piuttosto che fare esercizio fisico, parlare con gli amici, meditare, fare un diario o guardare un divertente programma televisivo.

Quante volte gli studenti universitari usano droghe e alcol?

ep_Jhu/Flickr
Fonte: ep_Jhu / Flickr

Ad un certo punto in un periodo di 30 giorni, il 64,9% degli studenti usava alcol, il 16% usava marijuana e il 10,9% usava altri farmaci, secondo il sondaggio del 2015 dell'American College Health Association. Ogni giorno in un periodo di 30 giorni, lo 0,9% degli studenti utilizzava alcol, il 2,2% degli studenti utilizzava marijuana e l'1,4% degli studenti utilizzava altri farmaci.

Nell'ultimo anno, molti studenti usavano farmaci non prescritti: il 5,2% usava antidolorifici, il 3,2% usava sedativi come lo Xanax e il 7,3% usava stimolanti come Adderall. Troverai anche LSD, funghi, sciroppo per la tosse (destrometorfano) e uso di cocaina nella maggior parte dei campus.

I tassi di abuso sono alti. Quasi uno su quattro studenti universitari soddisfa i criteri di abuso di sostanze o dipendenza.

L'anno di matricola è un momento particolarmente vulnerabile per gli studenti. Sono lontani dai controlli parentali per la prima volta. E biologicamente, sono più inclini a cercare nuove esperienze senza considerare le conseguenze.

I genitori sono in prima linea nella prevenzione dell'abuso di droghe dalla scuola media in poi. I seguenti suggerimenti possono aiutarti a promuovere il benessere nel tuo bambino.

1. Pratica genitorialità positiva . Il passo più importante che puoi fare per prevenire l'abuso di droghe è avere una relazione affettuosa e amorevole con il tuo bambino. Sarai molto più efficace nell'impostare le aspettative per il tuo bambino se hai uno stile di comunicazione confortevole.

2. Inizia una conversazione sulle droghe in anticipo e continua attraverso il college . Uno studio del 2014 di Turrisi e Ray dimostra che i genitori possono ridurre il consumo di alcolici nelle loro matricole del college se iniziano a comunicare sull'alcol con i loro figli già durante l'ultimo anno di liceo e continuano il loro primo anno di college. Tre fattori genitore sono cruciali: approvazione, accessibilità e monitoraggio . Gli studenti berranno meno se sanno che i loro genitori disapprovano il bere eccessivo; se i genitori sono disponibili a parlare con loro quando necessario; e se i genitori stanno chiedendo dove stanno andando i loro figli e cosa stanno facendo.

3. Approccio al consumo di droga come problema di salute, non un problema morale . Gli studi dimostrano che il consumo eccessivo di bevande alcoliche e l'uso di droghe è più dannoso per il cervello dell'adolescente rispetto al cervello adulto. Se i genitori usano droghe o no, dovrebbero scoraggiare l'uso di droghe nei loro figli il più a lungo possibile. Se c'è una storia familiare di dipendenza, questa informazione dovrebbe essere condivisa con lo studente del college, così lui o lei diventa consapevole dei rischi. La dipendenza è una malattia, non un deficit di carattere.

4. Stabilisci i limiti all'uso di droghe e alcol . Gli studi dimostrano che i genitori che stabiliscono dei limiti al consumo di alcool al college possono ridurre significativamente il consumo di alcol. Insegna a tuo figlio i pericoli del binge drinking: 5 o più bevande per un uomo e 4 o più bevande per una donna in un periodo di 2 ore. Incoraggia una quantità molto inferiore.

La marijuana è controversa, poiché molte persone, compresi gli studenti universitari, preferiscono la legalizzazione. Consiglio ai miei pazienti in clinica di astenersi dal fumare marijuana, ma per i genitori che assumono una posizione diversa, raccomando che almeno scoraggino l'uso quotidiano.

Per quanto riguarda altri farmaci, inclusi Adderall non prescritto, cocaina, LSD e funghi, i genitori dovrebbero opporsi al loro uso. Il danno di questi farmaci supera di gran lunga qualsiasi beneficio percepito.

In risposta alla domanda, i genitori dovrebbero semplicemente dire di no? Non limitarti a dire di no, questo in genere non è abbastanza per impedire a qualcuno di usare droghe o alcolismo. Avere una discussione a partire dalla scuola media che sia amorevole ed educativa. Stabilisci i confini con tuo figlio fino a quando non si diplomerà al college. Essere in grado di promuovere un cambiamento positivo per il benessere attuale e futuro del bambino.

Sfortunatamente, nonostante i migliori sforzi di un genitore, l'abuso di sostanze e la dipendenza possono accadere negli anni del college. Se questo è un problema che stai affrontando, il mio prossimo articolo fornirà idee su come un genitore può rispondere per promuovere il recupero.

© 2016 Marcia Morris, tutti i diritti riservati

I dettagli sono stati modificati per proteggere la privacy del paziente.

Se sei interessato a leggere su un argomento particolare riguardante il benessere del college e la salute mentale di tuo figlio, scrivimi a marciamorrismd@gmail.com

Solutions Collecting From Web of "I genitori dovrebbero semplicemente dire di no quando arrivano alla droga e al college?"