I francesi sono 10 volte più ignoranti degli americani sulla nutrizione

Per i genitori preoccupati per il peso dei loro figli – sia ora che adulti – un nuovo pezzo sull'obesità in America di Frank Bruni del New York Times – "… E Love Handles for All" – è una lettura eccellente, anche se scoraggiante .

La tesi di Bruni è che la nostra crescente dimensione nazionale è una perfetta corrispondenza tra la nostra disposizione biologica di assorbire e conservare calorie e un ambiente alimentare pieno di calorie a basso costo. Lui scrive:

Il cibo densamente calorico e fin troppo conveniente ora ci avvolge, e molti di noi fanno ciò a cui siamo collegati cromosomicamente, grazie a millenni di cicli di festa e carestia. La divoriamo, creando paffuti conti di risparmio di energia in eccesso, a volte conosciuti come maniglie dell'amore, per una futura mancanza immaginata che, in America oggi, non viene.

Certo, Bruni non è il primo a chiarire questo punto. L'ex critica del Commissario FDA Dr. David Kessler va ancora oltre. In The End of Overeating Kessler mostra come le persone finiscono per mangiare troppo, anche quando sono motivate a non farlo: i cibi iperpalabili, quelli con la giusta quantità di zucchero, grasso e / o sale, modificano la nostra chimica cerebrale che imita la dipendenza. 1

Ho scritto sul problema degli alimenti che danno assuefazione, specialmente quelli mirati ai bambini, nel mio ultimo post La verità sugli alimenti "adatti ai bambini". È un grosso problema.

Ma penso che ci sia un fattore ambientale aggiuntivo che ha contribuito all'obesità in America di cui nessuno vuole parlare: la nostra ossessione culturale con la nutrizione.

Il dialogo sulla nutrizione in America si basa sul presupposto che abbiamo bisogno di saperne di più per mangiare meglio. Non è così.

Recentemente, un team collaborativo di ricercatori francesi, canadesi e americani ha intervistato persone in ciascuno dei loro rispettivi paesi per scoprire quanto sapessero sui grassi alimentari. 2

  • Gli americani lo sanno di più.
  • I francesi sanno meno.
  • I canadesi sono più come gli americani che i francesi.

Puoi indovinare il resto: il tasso di obesità negli Stati Uniti è 3 volte più alto di quello che è in Francia.

In questo sondaggio, le persone sono state istruite a rispondere, "Non so", piuttosto che azzardare un'ipotesi. Complessivamente:

  • Gli intervistati francesi non conoscevano la risposta al 43% delle domande.
  • Gli intervistati canadesi non conoscevano la risposta al 13% delle domande.
  • Gli intervistati americani non conoscevano la risposta al 4% delle domande.

Tra le persone che pensavano di poter stimare la percentuale di grassi in diversi alimenti, gli intervistati americani avevano più probabilità di essere corretti.

In altre parole, non pensiamo solo che sappiamo … lo sappiamo davvero. Evviva per noi. (Sono l'unico a pensare che sia un po 'ironico che siamo una nazione grassa che sa molto di grasso?)

Quindi ecco un riassunto: il francese ha fornito le risposte minori e, tra i partecipanti che hanno fornito una risposta, i francesi hanno ottenuto i punteggi peggiori. Gli americani hanno fornito la maggior parte delle risposte e hanno ricevuto i punteggi migliori. I francesi sono magri e ordinati, e noi … non lo siamo.

Probabilmente non è una coincidenza che le persone più esperte siano anche i peggiori mangiatori. Un ambiente che sottolinea le sfumature della nutrizione – o, come mi piace chiamarlo, il rumore nutrizionale – distrae le persone dal vedere la foto GRANDE.

In effetti, questo è ciò che i ricercatori ipotizzano:

"[I] n un ambiente di grande tecnicità delle informazioni nutrizionali, i consumatori potrebbero perdere di vista il" quadro generale "quando si tratta di informazioni nutrizionali e diventare consumatori di sostanze nutritive al posto del cibo. Poiché pone l'accento sulle sostanze nutritive e sui singoli prodotti piuttosto che sulla dieta globale, l'approccio "nutritivo" potrebbe ulteriormente confondere i consumatori e portare a scelte alimentari discutibili ".

Nella mia esperienza, è particolarmente facile per i genitori perdere di vista il quadro generale perché è così importante, ea volte così difficile, da nutrire bene i bambini. Ironia della sorte, la mentalità nutrizionale rende sempre più difficile nutrire i bambini.

I genitori che conosco non sono mai soddisfatti del fatto che i loro bambini abbiano consumato abbastanza calcio, abbastanza proteine ​​o addirittura abbastanza calorie. Al fine di ottenere questi nutrienti nei loro figli, i genitori nutrono spesso i loro figli alimenti marginali e usano tattiche discutibili, che inavvertitamente promuovono cattive abitudini alimentari a lungo termine.

Per quanto posso dire, i francesi promuovono buone abitudini invece di sapere nutrizionale. E questo è quello che serve per mangiare bene.

Alla fine, la nutrizione non è la risposta perché mangiare bene non riguarda il cibo, ma il comportamento: cosa, quando, perché e quanto qualcuno sceglie di mangiare.

Poiché la nutrizione modella solo in parte queste scelte, specialmente per i bambini, la chiave del successo non può mai essere trovata concentrandosi solo sul cibo. Genitori, non è necessario saperne di più sulla nutrizione. Piuttosto, devi modellare come si comportano i tuoi figli in relazione al cibo. Questo si ottiene promuovendo deliberatamente e consapevolmente le proprie abitudini.

1 Kessler, DA, MD, 2009. The End of Overeating: prendere il controllo dell'insaziabile appetito americano. New York, NY: Rodale

2 Saulais, L., M. Doyon, B. Ruffieux e H. Kaiser. 2012. "Conoscenza dei consumatori sui grassi alimentari: un altro paradosso francese?" British Food Journal 114 (1): 108-20.

Parti di questo post sono apparse originariamente su ItsNotAboutNutrition.com.

© 2012 Dina Rose, PhD autore del blog It's Not About Nutrition. Cambiare la conversazione dalla nutrizione alle abitudini.

Solutions Collecting From Web of "I francesi sono 10 volte più ignoranti degli americani sulla nutrizione"