I due tipi di leader

C'è una vecchia battuta, "Ci sono due tipi di persone: quelli che dividono le persone in due tipi e quelle che non lo fanno." (OK, immagino che sia divertente solo se sei uno psicologo). Ma è interessante che quando si tratta di pensare alle persone, in generale, ma ai nostri leader / capi, in particolare, abbiamo la tendenza a dividerle in due tipi: "buono" o "cattivo", "efficace" o "inefficace" “.

Esiste un "euristico" cognitivo (un euristico è una sorta di scorciatoia mentale) che ci costringe a categorizzare le cose in dicotomie. Stamattina sono stato informato se avessi approvato il lavoro che il presidente Obama stava facendo. Le scelte erano approvate o disapprovate. Nessuna terza o quarta opzione.

La storia della ricerca sulla leadership è piena di queste dicotomie. I leader sono stati classificati in due tipi, in base ai loro stili decisionali, quindi hai avuto teorie incentrate su leader "autocratici" e "democratici". Coloro che detengono il potere decisionale e coloro che lo condividono.

Oppure, i leader di Teoria X e Teoria Y. I leader della teoria X pensano che i seguaci siano fondamentalmente immotivati ​​e piuttosto poco sofisticati, quindi il leader deve motivare e dirigere le attività dei seguaci. Il leader Theory Y crede che i follower siano auto-motivati ​​e autodiretti e quindi ha uno stile più pratico.

O leader orientati ai compiti e orientati alla gente. Coloro che si concentrano su come portare a termine il compito, e su coloro che si concentrano sul processo sociale e sugli aspetti di leadership del team.

Queste dicotomie rappresentano concetti piuttosto vecchi di leader. Gli approcci più recenti cercano di considerare la leadership come più complessa – un'interazione tra diversi tipi di leader, diversi tipi di seguaci e i fattori situazionali che interagiscono con la leadership (e il seguito).

Eppure, le persone possono ancora essere costrette a pensare nelle dicotomie. Nella nostra ricerca sulla leadership etica, stiamo scoprendo che le persone tendono a categorizzare i leader come "etici" o "non etici", "buoni" o "cattivi", con poco in mezzo. Stiamo trovando difficile interpretare le sottili differenze tra i leader, ad esempio, che hanno un carattere sostanzialmente buono, ma hanno determinati difetti o hanno avuto un fallimento morale. Le persone tendono a concentrarsi sul bene, ignorando il male e dicendoci "questo è un buon leader". O, si concentrano sul fallimento e dicono "cattivo leader". Quando lo abbiamo incontrato per la prima volta, abbiamo pensato che fosse un difetto nella nostra misurazione Ma ora, siamo abbastanza convinti che è solo il modo in cui le persone pensano e categorizzano.

Quali sono le implicazioni per la pratica di leader e manager? Il mio amico, studioso di leadership, Marty Chemers, sottolinea che la gestione delle immagini è una parte fondamentale della leadership di successo. Quindi, sii un buon leader (facile da dire, eh?), Ma se inciampi, o soffi, fallo proprio. È meglio essere visti come un leader fondamentalmente buono che ha fatto qualcosa di male che non ha permesso di colorare l'intera immagine e cadere nella categoria "cattiva". Certo, se sei cattivo, allora questa è una situazione completamente diversa.

Seguimi su Twitter:

www.twitter.com/#!/ronriggio

Solutions Collecting From Web of "I due tipi di leader"