I disturbi della personalità mai "vanno via?"

I disturbi della personalità comportano comportamenti problematici a lungo termine che, in genere, si manifestano per la prima volta durante l'adolescenza e causano un marcato disagio e compromissione. La definizione stessa di disturbi della personalità come "modelli di comportamento disadattivi cronici" implica che i sintomi siano stabili nel tempo; tuttavia, studi recenti indicano che i sintomi migliorano e possono persino rimettere completamente nel corso degli anni. Questo significa che questi disturbi possono andare via? Sì e no.

Il disturbo borderline di personalità è un tipo specifico di disturbo di personalità caratterizzato da impulsività e marcata instabilità che coinvolgono le relazioni interpersonali, l'immagine di sé e l'umore. Può verificarsi insieme ad altri disturbi psichiatrici, tra cui alcune forme di disturbi dell'umore, disturbi da abuso di sostanze e disturbi di somatizzazione, tra gli altri. È un disturbo con sintomi psichiatrici complessi e diversi.

In uno studio pubblicato di recente, John Gunderson e colleghi hanno riferito che i sintomi evidenti del disturbo borderline di personalità sono sostanzialmente diminuiti nell'arco di 10 anni. Infatti, circa l'85% delle persone con questo disturbo ha mostrato una riduzione così marcata dei sintomi che è stata considerata "in remissione". Solo l'11% ha recidivato, suggerendo che, una volta rimessi, gli individui vanno bene. Come notato, il disturbo borderline di personalità è associato a una lunga lista di sintomi comportamentali drammatici nel DSM (Diagnostic and Statistical Manual); tutti questi sintomi hanno dimostrato lo stesso pattern e il medesimo corso di miglioramento nel corso dei 10 anni dello studio. Il miglioramento è stato più evidente nei primi due anni e poi gradualmente continuato per il resto dello studio.

Oltre ai sintomi comportamentali, tuttavia, il disturbo borderline di personalità è associato a una sostanziale menomazione psicosociale e interpersonale che coinvolge matrimonio, lavoro, amici, ecc. Sebbene i sintomi evidenti siano sostanzialmente diminuiti nel tempo, cioè, i comportamenti che le persone vedono diventano meno drammatici, il Gunderson et al. il rapporto indicava che il deterioramento psicosociale migliorava solo leggermente e molti pazienti continuavano a soffrire di disfunzione sostanziale. Quindi, questi individui erano veramente in "remissione"? O i comportamenti drammatici osservati sono solo una manifestazione di un disturbo mentale più pervasivo e persistente? Nel considerare questo problema, dovremmo notare che i risultati con disturbo di personalità borderline non sono unici per quel disturbo; Risultati simili a lungo termine, inclusa la disfunzione psicosociale in corso, sono stati descritti oltre 50 anni fa da Lee Robins nel suo lavoro classico su individui con disturbo antisociale di personalità.

Cosa potrebbe spiegare questa disconnessione tra sintomi e funzione? La compromissione psicosociale può essere correlata alle conseguenze dei sintomi comportamentali evidenti. I ponti interpersonali possono essere stati bruciati da precedenti sintomi comportamentali drammatici e alcuni di questi ponti potrebbero essere impossibili da riparare. D'altro canto, il deterioramento psicosociale può essere correlato a cambiamenti cerebrali funzionali meno visibili che non migliorano e influenzano le varie abilità cognitive, emotive, sociali e motivazionali. Vorremmo dire che entrambe le possibilità saranno probabilmente importanti.

Lo studio Gunderson richiama l'attenzione su due concetti importanti. Innanzitutto, alcune malattie che presentano sintomi comportamentali drammatici possono presentare anche anomalie cerebrali meno visibili che interferiscono con la funzione psicosociale. La schizofrenia è un esempio di un disturbo che ha non solo sintomi "positivi" molto drammatici come allucinazioni e delusioni ma anche sintomi "negativi" che coinvolgono una varietà di funzioni cognitive che interferiscono sostanzialmente con le capacità di funzionare e interagire con le persone. In secondo luogo, le malattie che iniziano durante la gioventù di una persona possono avere conseguenze distruttive che persistono anche dopo il miglioramento dei sintomi. Coerentemente con questo, Read Montague e colleghi hanno scoperto che gli individui con disturbo di personalità borderline hanno problemi significativi con il modo in cui elaborano le informazioni quando si relazionano con gli altri, in particolare con il mantenimento della cooperazione interpersonale e la correzione dei difetti nella cooperazione quando si rompe durante le interazioni sociali. Questi problemi sono associati a differenze specifiche nel modo in cui il cervello di questi individui elabora la ricompensa e la reciprocità sociale.

Questi risultati hanno importanti implicazioni e suggeriscono che sono richiesti almeno due tipi di trattamenti. In primo luogo, sono necessari trattamenti che riducono i sintomi del disturbo mentre si è giovani prima dello sviluppo di danni psicosociali difficili da revertire. Tali trattamenti devono affrontare sia i sintomi comportamentali visibili sia i cambiamenti meno visibili nella funzione cerebrale che coinvolgono l'elaborazione cognitiva, emotiva, sociale e motivazionale. Affinché tali trattamenti possano essere sviluppati, è necessaria una ricerca sostanziale che coinvolga meccanismi cerebrali. Inoltre, i trattamenti che si concentrano sulla riabilitazione psicosociale sono essenziali. Se una persona può riconquistare la capacità di lavorare, mantenere relazioni e godere degli hobby, è probabile che si sentano meglio e siano più produttivi. Questi ultimi tipi di trattamenti si riflettono in molteplici forme di psicoterapia, tra cui la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), la terapia interpersonale (IPT) e la terapia dialettica comportamentale (DBT). Questi approcci sono pilastri nella gestione di individui con disturbi di personalità, ma sono necessarie forme più efficaci di terapia basata sull'evidenza.

Questa colonna è stata scritta da Eugene Rubin MD, PhD e Charles Zorumski MD.

Solutions Collecting From Web of "I disturbi della personalità mai "vanno via?""