I criminali non sono invariabilmente copisti

Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, i criminali non hanno un odio pervasivo nei confronti degli agenti di polizia. Molti anni fa, come psicologo ricercatore del Programma per l'indagine sul comportamento criminale (all'ospedale St. Elizabeths di Washington, DC), rimasi stupito nello scoprire che molti criminali in carriera, quando erano bambini, aspiravano a diventare agenti delle forze dell'ordine . Considerarono le trappole del lavoro incredibilmente attraenti: indossavano l'uniforme, lampeggiavano il distintivo e brandivano una pistola. Trovarono un'enorme eccitazione immaginandosi mentre inseguivano i trasgressori in un incrociatore in accelerazione con luci lampeggianti e una sirena lamentosa. Sono stati attratti dal brivido della caccia, essendo dei tizi che catturano i cattivi, poi li abbattono attraverso l'interrogatorio. Questi uomini non hanno sviluppato l'autodisciplina o hanno la perseveranza nell'acquisizione dell'istruzione e della formazione professionale richieste da una carriera nelle forze dell'ordine.

I criminali riconoscono la necessità e la desiderabilità della società di avere agenti di polizia per proteggere le famiglie (incluse le loro proprietà) e le proprietà. Infatti, un criminale scrisse a un capitano di distretto che lo dirigeva a far rispettare spietatamente la legge e garantire ai trasgressori alcuna pietà.

I criminali distinguono tra "buoni poliziotti" e "cattivi poliziotti". Hanno fatto distinzioni simili in altri settori della vita. Ad esempio, un buon insegnante fa bene il suo lavoro ma è indulgente nel trattare con lui. Un cattivo insegnante assegna troppo lavoro, è troppo severo e fa richieste di risentimento e rifiuto.

Questa biforcazione è simile al modo in cui un criminale percepisce i suoi genitori. Quindici anni, Alex, che ho intervistato in un centro di detenzione, considerava sua madre una "santa" perché lei andava a trovarlo regolarmente, depositava fondi nel suo conto della mensa, pregava per lui e pianificava di dargli il benvenuto a casa al suo rilascio, desideroso di aiutare lui fa un nuovo inizio. Una volta che Alex fu sistemato nella sua camera da letto nel seminterrato, iniziò a suonare la sua musica, a stare sveglio tutta la notte ea mentire su dove stava andando e con chi era. Quando sua madre si schiantò e lo limitò, chiamò i suoi nomi osceni e la sfidò come se fosse il suo nemico mortale. In breve, un criminale può venerare una persona a condizione che l'individuo non interferisca con lui.

Come un "buon" insegnante o genitore "buono", un "bravo poliziotto" è uno che svolge bene i suoi compiti ma non rappresenta una minaccia per lui. Se il criminale è l'obiettivo della sorveglianza o delle indagini di un agente di polizia, allora è personale e disprezza tutte le "forze dell'ordine".

In breve, c'è poca coerenza nella valutazione di un criminale di altre persone. La stessa persona può essere un eroe o un cattivo. Pertanto, la visione del criminale degli agenti di polizia cambia, a seconda dei suoi obiettivi in ​​qualsiasi momento particolare.

Solutions Collecting From Web of "I criminali non sono invariabilmente copisti"